Il prototipo del telescopio
Il prototipo del telescopio
Scuola e Lavoro

L'università di Bari all'inaugurazione del prototipo di telescopio Schwarzschild-Couder in Arizona

Fondamentale il contributo del Dipartimento Internateneo di Fisica con il prof. Giordano e il prof. Giglietto

C'è anche un po' di Bari nell'inaugurazione del prototipo di telescopio per luce Cherenkov basato sulla tecnologia Schwarzschild-Couder (pSCT) per l'astrofisica a raggi gamma al Centro di Astrofisica | Harvard & Smithsonian, Fred Lawrence Whipple Observatory (FLWO) di Amado, in Arizona.

Sfruttando un nuovo design ottico, il pSCT dotato di uno specchio dal diametro di 9.7m di apertura è un telescopio per l'esplorazione dell'universo nello spettro elettromagnetico di altissima energia. Il pSCT verrà impiegato per la costruzione dell'osservatorio di prossima generazione Cherenkov Telescope Array (CTA), già inziata nell'Ottobre del 2018 con l'inaugurazione del Grande telescopio nell'isola di LAPALMA. Il pSCT è il risultato di una intensa collaborazione italo-americana che vede coinvolte diverse università americane, italiane e l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

«Il primo del suo genere nella storia dei telescopi a raggi gamma, il design SCT dovrebbe migliorare le prestazioni di CTA verso il limite teorico della tecnologia adoperata, grazie anche all'impiego di fotosensori innovativi made in italy - spiega il prof. Francesco Giordano del Dipartimento Interateneo di Fisica "M. Merlin" coordinatore nazionale della iniziativa pSCT - I primi di Ottobre ci sarà anche un workshop dedicato ai recenti sviluppi di tali tecnologie che si svolgerà presso la nostra Università».

L'osservatorio CTA consisterà in più di 100 telescopi di tre diverse dimensioni e studierà sorgenti di raggi gamma astrofisiche nell'intervallo di energia da 20 Giga-elettronVolt a 300 Tera-elettronVolt, con una sensibilità circa dieci volte maggiore rispetto a qualsiasi osservatorio mai costruito prima. Il risultato della costruzione del pSCT è solo l'ultimo in ordine di tempo dei successi che il gruppo di fisica astroparticellare della sezione dell'INFN di Bari e del Dipartimento Interateneo di Fisica può annoverare, che vanta una pluridecennale esperienza, con partecipazioni in collaborazioni internazionali coinvolte in esperimenti su missioni spaziali, voli su palloni sonda e in laboratori sotterranei.

«L'inaugurazione del pSCT è un momento emozionante per le istituzioni coinvolte nel suo sviluppo e nella sua costruzione», ha dichiarato il prof. Nicola Giglietto del Dipartimento interateneo di Fisica, responsabile nazionale per conto dell'INFN della iniziativa CTA.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Popular music, da lunedì a Bari al via un ciclo di incontri Popular music, da lunedì a Bari al via un ciclo di incontri Gli appuntamenti si svolgeranno nel Dipartimento Leila di Lingue
Link: «Ecco perché l'università di Bari non è la Bocconi» Link: «Ecco perché l'università di Bari non è la Bocconi» I rappresentanti degli studenti rispondono alla classifica di Anvur sottolineando le criticità del nostro ateneo
Una commissione di esperti premia l'Università di Bari: «Fra le migliori d'Italia» Una commissione di esperti premia l'Università di Bari: «Fra le migliori d'Italia» La "Aldo Moro" è il primo megateneo del Mezzogiorno, a pari merito con Milano e Torino, secondo il rapporto Anvur
Il Miur premia Bari, previsti trentacinque posti per ricercatori di tipo B Il Miur premia Bari, previsti trentacinque posti per ricercatori di tipo B Obiettivo raggiunto grazie al miglioramento della ricerca, all'aumento degli iscritti e al calo dei fuoricorso
Università di Bari, a Michele Mirabella la laurea honoris causa in Medicina Università di Bari, a Michele Mirabella la laurea honoris causa in Medicina Domani la cerimonia di consegna nell'aula magna De Benedictis del Policlinico
Caso di razzismo allo Student center? L'Università chiarisce: «Vigilante convive con ragazza di colore» Caso di razzismo allo Student center? L'Università chiarisce: «Vigilante convive con ragazza di colore» Dall'ateneo smentiscono: «In un momento storico così delicato bisogna prestare attenzione ad allarmismi inquietanti»
Consiglio superiore della sanità, c'è il "barese" Vito Martella Consiglio superiore della sanità, c'è il "barese" Vito Martella Il professore, nato a Torino, è presidente del corso di laurea magistrale in Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale e salute dell’Università degli studi di Bari
Università di Bari, l'aula del BaLab porterà il nome di Guglielmo Minervini Università di Bari, l'aula del BaLab porterà il nome di Guglielmo Minervini C'è il sì del senato accademico. Conferenza stampa il 18 gennaio
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.