Carcere di Bari
Carcere di Bari
Cronaca

In carcere per associazione mafiosa, 40enne prende a pugni poliziotto a Bari

L'agente ha rimediato lesioni guaribili in 10 giorni. Il Sappe: Siamo stanchi di fare  da “punching ball” o da “agnelli sacrificali”

Un agente della polizia penitenziaria è stato aggredito nella giornata di ieri all'interno del carcere di Bari da un detenuto 40enne, recluso per associazione mafiosa, e appartenente ad un importante clan del territorio.

Ma veniamo ai fatti. L'agente si trovava nella quarte sezione del carcere di Bari, dove sono ristretti i detenuti ad alta sicurezza. Nel momento in cui ha invitato il detenuto a rientrare nella propria stanza, l'uomo lo ha colpito ripetutamente con pugni al collo e alla spalla.

L'agente ha rimediato lesioni guaribili in dieci giorni.

«Tale violenza danneggia anche la maggior parte dei detenuti che sono costretti a sopportare le prepotenze dei violenti senza alcuna difesa - sottolineano dal Sappe -. Abbiamo anche chiesto aiuto a prefetti e magistrati presentando documenti ed esposti, inutilmente. Purtroppo ciò è il risultato di un amministrazione assente che ha delegato il controllo delle carceri ai detenuti lasciando i poliziotti da soli nelle sezioni detentive senza alcun aiuto. Come mai nessuno si preoccupa davanti al fatto che nelle ore serali e notturne non più di 10/11 poliziotti presidiano un carcere con circa 450 detenuti, di cui moltissimi appartenenti a pericolosi clan criminali? Cosa deve accadere in un carcere per far preoccupare i responsabili della sicurezza pubblica?»

«Poiché siamo stanchi di fare da "punching ball" o da "agnelli sacrificali" per i detenuti violenti - aggiungono - chiediamo ai parlamentari pugliesi, per evitare che il sangue dei poliziotti continui a scorrere copioso, di invitare il ministro della giustizia Nordio a consentire l'utilizzo dei "taser" nelle carceri come difesa personale dei poliziotti che sono, come dicevamo prima, soli e senza difesa».
  • Carcere
Altri contenuti a tema
Carcere di Bari, sopralluogo di Melchiorre e Picaro: «Carenza agenti. Mancano rapporti con Comune e Regione» Carcere di Bari, sopralluogo di Melchiorre e Picaro: «Carenza agenti. Mancano rapporti con Comune e Regione» Il senatore di Fratelli d'Italia: «Il clima tra i detenuti è sereno. Grande professionalità della dirigente e dei collaboratori»
Carcere di Bari, aggrediti due agenti di polizia penitenziaria da un detenuto Carcere di Bari, aggrediti due agenti di polizia penitenziaria da un detenuto L'uomo, italiano di trent'anni, soffre di disturbi psichiatrici. Il Sippe: «Situazione inaccettabile»
Clan Strisciuglio, 41 bis per Caldarola Lorenzo, Valentino Vito e Ruta Alessandro Clan Strisciuglio, 41 bis per Caldarola Lorenzo, Valentino Vito e Ruta Alessandro Sono considerati i referenti dell'organizzazione mafiosa nei quartieri Libertà e San Paolo della città
Con Più Europa per il garantismo e per la funzione rieducativa della pena per i detenuti Con Più Europa per il garantismo e per la funzione rieducativa della pena per i detenuti La nota di Marco Silvestri, candidato alle prossime elezioni politiche
Detenuto dà fuoco alla cella, tragedia sfiorata nel carcere di Bari Detenuto dà fuoco alla cella, tragedia sfiorata nel carcere di Bari La denuncia del Sappe: «Coraggio e professionalità dei poliziotti determinanti in questo marasma»
Era evaso dal carcere di Trani: condannato a 2 anni e 8 mesi Era evaso dal carcere di Trani: condannato a 2 anni e 8 mesi Daniele Arciuli, ora detenuto a Cosenza, era fuggito scavalcando il muro di cinta. Assolta la compagna
Ai domiciliari fa la star sui social, torna in carcere Giovanni Cassano Ai domiciliari fa la star sui social, torna in carcere Giovanni Cassano Fratellastro del più famoso Antonio, era diventato molto seguito su piattaforme come Tik Tok
Focolaio Covid nel carcere di Bari, positivi 70 detenuti e 13 agenti Focolaio Covid nel carcere di Bari, positivi 70 detenuti e 13 agenti Sono quasi tutti vaccinati e asintomatici
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.