Giovani al pc
Giovani al pc
Attualità

Imprese in Puglia, i giovani le bocciano e cercano lavoro fuori

È quanto emerge da un sondaggio avviato dall'Osservatorio “Mass Media, Società e Mercato” che andrà avanti fino ad ottobre

L'Osservatorio "Mass Media, Società e Mercato" ha avviato, nel mese di maggio, la prima indagine sul tema della percezione che i giovani laureati hanno delle imprese pugliesi.

L'Osservatorio nasce da un progetto del Centro Studi Comunicare l'Impresa, in sinergia con il Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università degli Studi di Bari 'Aldo Moro'. L'indagine ha l'obiettivo di analizzare non le caratteristiche delle imprese pugliesi, ma la percezione che ne hanno i giovani laureati. Infatti, nonostante le note criticità, numerose aziende del territorio sono dotate di reti estese a livello nazionale e internazionale e protagoniste di un elevato livello di innovazione, impegnando spesso un numero importante di risorse umane. Questi dati, però, appaiono dissonanti con i numeri elevati di giovani laureati pugliesi che lasciano la regione per cercare lavoro soprattutto nel Nord Italia, o all'estero.

Il sondaggio avviato online ha mostrato dei dati interessanti che, seppure evidentemente parziali, offrono lo spunto per alcune prime riflessioni. Lo scenario imprenditoriale percepito dai giovani laureati pugliesi è complessivamente caratterizzato da una rappresentazione meno che sufficiente che sembra spiegare le scelte diffuse di cercare fuori dalla regione il proprio futuro lavorativo. Circa quattro soggetti su dieci considerano la qualità dell'innovazione delle imprese pugliesi poco sufficiente o del tutto insufficiente, mentre sono solo poco più di due soggetti su dieci a esprimere una valutazione positiva. Le risposte sino ad ora raccolte – la rilevazione sarà attiva almeno sino alla fine del mese di ottobre 2021 - mostrano valutazioni anche più negative in relazione alle attività di welfare aziendale.

Inoltre la valutazione percepita dai giovani laureati peggiora ancora rispetto alla qualità della comunicazione delle imprese in generale; spiccano invece – e vengono valutate positivamente – quelle realtà aziendali che hanno profuso uno sforzo negli ultimi anni in termini di investimenti in comunicazione. Come osservato, i dati sono parziali e impongono cautela: occorrerà attendere le analisi sui dati finali, raccolti dalla Prof. Letizia Carrera, che promuove il sondaggio attraverso il Dipartimento di Studi Umanistici Uniba.

Anche su questi temi verterà il convegno 'COMUNICARE L'IMPRESA IN PUGLIA': un vero e proprio talk show, che si inserisce nel quadro di un percorso avviato trent'anni fa dal Centro Studi Comunicare l'Impresa, e che rappresenta un'occasione di confronto tra alcuni 'capitani d'impresa pugliesi' protagonisti sul territorio, che si misurano sulle strategie di comunicazione e di innovazione, illustrando mezzi adottati e idee e risultati conseguiti, spesso in un'ottica di internazionalizzazione della propria impresa, a partire dall'analisi delle proprie case-histories,.

L'appuntamento è per il prossimo lunedì 13 dicembre: una intensa giornata con quattro diversi tavoli di lavoro presso l'Aula Magna dell'Università degli Studi 'Aldo Moro' prevede il coinvolgimento di imprenditori, docenti universitari e professionisti della comunicazione. Protagonisti della giornata saranno anche i mass media, analizzati come veri elementi strategici su cui investire: i media – tra l'altro - hanno la possibilità di mettersi in rete con l'Osservatorio, attraverso una convenzione gratuita. I giovani laureati e laureandi infine saranno un'altra parte attiva dell'evento in quanto promotori di idee innovative e di nuove strategie; per la partecipazione degli studenti del Dipartimento di Studi Umanistici al convegno saranno concessi crediti formativi universitari. A tutti coloro che ne faranno richiesta sarà rilasciato un attestato di partecipazione. Un'occasione di stimolo per il territorio e uno sforzo concertato per la diffusione della cultura d'impresa che vuole essere anche un contributo concreto alla crescita della nostra regione.
  • lavoro
  • Imprese
Altri contenuti a tema
Antica pizzeria "da Michele" apre a Bari: «Diamo lavoro a chi l'ha perso con la chiusura di Domino's» Antica pizzeria "da Michele" apre a Bari: «Diamo lavoro a chi l'ha perso con la chiusura di Domino's» La catena internazionale di ristorazione: «Abbiamo deciso di supportare le tante famiglie italiane in difficoltà»
Crisi Baritech, primi spiragli verso la reindustrializzazione Crisi Baritech, primi spiragli verso la reindustrializzazione Incontro in Regione Puglia, Uiltech; "Siamo moderatamente soddisfatti"
Primo maggio, a Bari una "panchina bianca" in ricordo delle vittime sul lavoro Primo maggio, a Bari una "panchina bianca" in ricordo delle vittime sul lavoro L'iniziativa del Municipio I in collaborazione con ANMIL, appuntamento domani mattina alle 9
Festa del Lavoro: il Gruppo Megamark chiude punti vendita, uffici e piattaforme logistiche Festa del Lavoro: il Gruppo Megamark chiude punti vendita, uffici e piattaforme logistiche Cav. Pomarico: «Giornata da trascorrere in famiglia e da dedicare al proprio benessere»
Crisi aziendali a Bari, Don Ciotti incontra gli operai davanti alla ex Om Crisi aziendali a Bari, Don Ciotti incontra gli operai davanti alla ex Om Nel luogo simbolo ormai delle vertenze del territorio appuntamento domani mattina alle 10.30
Ragazzi a rischio, a Bari il primo elenco di aziende in cui verranno attivati tirocini Ragazzi a rischio, a Bari il primo elenco di aziende in cui verranno attivati tirocini L’avviso prevede l’erogazione di un contributo economico e un contestuale bonus all’assunzione per le imprese partecipanti
La strategia di Marelli, 1 assunzione ogni 3 esuberi. Bari in prima linea La strategia di Marelli, 1 assunzione ogni 3 esuberi. Bari in prima linea Saranno 90 le stabilizzazioni dell'azienda divise tra lo stabilimento cittadino e quello di ALI Venaria
Crisi e licenziamenti a Bari, i sindacati in piazza: «A rischio la tenuta sociale della provincia barese» Crisi e licenziamenti a Bari, i sindacati in piazza: «A rischio la tenuta sociale della provincia barese» La manifestazione indetta dopo la notizia con cui Brsi annunciava di voler chiudere e lasciare a casa i dipendenti, ma sono 26 le vertenza in atto
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.