Violenza
Violenza
Cronaca

Il pranzo non è pronto, picchia e chiude fuori dal balcone la moglie. Arrestato

L'uomo era già stata denunciato per maltrattamenti ed era seguito da servizi sociali e centri antiviolenza

Da anni maltrattava la moglie, e ieri l'ultima stupidaggine che ha scatenato la sua ira. Sembra infatti che non avendo trovato il pranzo pronto, il 30enne marocchino abbia picchiato la moglie, sua connazionale, e poi l'abbia chiusa fuori dal balcone sotto la pioggia. A far intervenire le forze dell'ordine i vicini della coppia, allertati dalle grida di aiuto della donna.

I carabinieri della stazione di Castellana Grotte hanno arrestato in flagranza di reato l'operaio, già noto alla forze dell'ordine con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Nella circostanza, è stato accertato che il 30enne, da alcuni anni, maltrattava ripetutamente la consorte con vessazioni di ogni tipo, fra le quali minacce e percosse, tanto che nel 2017 era stato denunciato con l'accusa di maltrattamenti verso i minori e lesioni. La coppia aveva intrapreso anche un percorso riabilitativo, confidando nell'intervento dei centri antiviolenza e dei servizi sociali, tuttavia il ravvedimento dell'uomo di fatto non c'è mai stato. Negli ultimi tempi, la serenità in famiglia è stata nuovamente turbata dagli accessi d'ira del 30enne, il quale, con minacce e vessazioni, era solito lasciare la donna senza denaro per fare la spesa ai figli minori, costringendola anche a dormire per terra.

I militari, giunti sul posto ieri pomeriggio, hanno liberato la vittima ed hanno chiamato un'ambulanza del 118 per le cure sanitarie del caso. Dopo le verifiche dei fatti, per l'uomo sono scattate le manette e, su disposizione della competente A.G., è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bari, in attesa di giudizio. Alla donna il personale sanitario del locale ospedale ha riscontrato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni.
  • Carabinieri
  • Violenza
Altri contenuti a tema
Truffa un settantenne e si fa dare 8 mila euro, arrestata Truffa un settantenne e si fa dare 8 mila euro, arrestata Colpevole del raggiro una 33enne barese pregiudicata, ha patteggiato una condanna ad un anno di reclusione ed una multa di trecento euro
Casamassima, lavoratori in nero e scarsa sicurezza: multe in un'azienda agricola Casamassima, lavoratori in nero e scarsa sicurezza: multe in un'azienda agricola Controlli a tappeto dei carabinieri, piovono sanzioni e ammende per oltre 15mila euro
Rissa in piazza Moro a Bari, arrestati due gambiani Rissa in piazza Moro a Bari, arrestati due gambiani Le accuse sono resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e rapina aggravata
Bari, maxi rissa in piazza Moro. Feriti dei ragazzi Bari, maxi rissa in piazza Moro. Feriti dei ragazzi Il fatto dopo le 21. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e le forze dell'ordine
Sorpreso a spacciare cocaina a Mungivacca, arrestato pusher 31enne Sorpreso a spacciare cocaina a Mungivacca, arrestato pusher 31enne L'uomo, originario del quartiere Japigia, è stato scoperto mentre cedeva tre dosi in cambio di 30 euro
Poggiofranco, con arnesi da scasso rubano biciclette da un cortile. Due arresti Poggiofranco, con arnesi da scasso rubano biciclette da un cortile. Due arresti I due, originari del Libertà, sono stati scoperti grazie a una segnalazione al 112
Aveva allestito un bazar della droga in un garage, preso 46enne Aveva allestito un bazar della droga in un garage, preso 46enne L'uomo, pregiudicato, è stato trovato in possesso di diverse dosi di eroina, cocaina, hashish e marijuana
Abusi sessuali e violenze sui figli minorenni. Genitori condannati dal Tribunale di Bari Abusi sessuali e violenze sui figli minorenni. Genitori condannati dal Tribunale di Bari La coppia del nord barese avrebbe indotto i bambini, affetti da patologie psichiche, a compiere atti osceni
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.