La grandine a Bari
La grandine a Bari
Politica

Grandine a Bari, Cavone: «Fondi della Regione non sufficienti»

Il consigliere comunale invita il Governo a dichiarare lo stato di emergenza e chiede al sindaco di emettere un avviso per censire i danni

«La violenta grandinata dei giorni scorsi ha messo in ginocchio le imprese agricole che operano nelle zone più colpite da un fenomeno, a memoria d'uomo, mai registrato alle nostre latitudini con una forza devastante che ha distrutto parte della produzione agricola di quest'anno. La Regione Puglia ha previsto uno stanziamento per la copertura dei danni registrati, ma si tratta di risorse insufficienti».

Con queste parole il consigliere comunale Michelangelo Cavone interviene, dopo il maltempo che la settimana scorsa ha flagellato la città, con l'obiettivo di trovare una soluzione per tutti coloro che sono risultati danneggiati.

«È fondamentale che intervenga il governo con la dichiarazione dello stato di emergenza per garantire un risarcimento per tutti coloro, e non penso solo agli agricoltori, ma a tutte le attività economiche e anche ai singoli cittadini che hanno visto danneggiati i propri beni - prosegue Cavone - Ho chiesto al sindaco di emettere un avviso rivolto a tutti, imprenditori, agricoltori, titolari di attività economiche e singoli cittadini, per raccogliere le segnalazioni dei danni riportati. Successivamente il comune dovrà avviare una interlocuzione con gli organi competenti della regione puglia affinchè, sulla base delle segnalazioni, provvedano a quantificare i danni e al conseguente rimborso, sperando che l'iniziativa della regione venga sostenuta anche dal governo».

«Io personalmente ho avuto modo di testimoniare la violenza del fenomeno - conclude- con pezzi di ghiaccio della dimensione di arance, e ho avuto modo di fare visita a famiglie disperate che in 5 minuti hanno visto compromesse le proprie attività e il proprio guadagno. L'area più colpita è quella costiera del nord barese sino a giovinazzo passando da bitonto. Proprio con il sindaco di Bitonto, stamane, ho fatto il punto della situazione ragionando sullle iniziative che le amministrazioni locali possono intraprendere a sostegno delle persone danneggiate dalla grandinata dell'11 luglio».
  • Maltempo
Altri contenuti a tema
La pioggia bagna Bari e provincia, miglioramenti dal pomeriggio La pioggia bagna Bari e provincia, miglioramenti dal pomeriggio A farla da padrone sarà il maestrale, che potrebbe provocare un brusco abbassamento delle temperature
Dopo giorni di caldo intenso arriva il maltempo a Bari Dopo giorni di caldo intenso arriva il maltempo a Bari Allerta gialla a partire da stasera alle 20, possibili mareggiate
Maltempo in Puglia, la Regione chiede lo stato di emergenza Maltempo in Puglia, la Regione chiede lo stato di emergenza Si punta ad ottenere finanziamenti straordinari per assicurare la messa in sicurezza ed il ripristino dell'ordinaria funzionalità
Fine settimana sotto la pioggia a Bari Fine settimana sotto la pioggia a Bari Previsti temporali e grandine a partire da domattina, dovrebbe migliorare nella serata di domenica
Dopo la grandine di ieri di nuovo allerta meteo in Puglia Dopo la grandine di ieri di nuovo allerta meteo in Puglia Previsti temporali a partire dalle otto di domattina e per le successive 12 ore
Bari, tromba d'aria nella notte a Torre a Mare Bari, tromba d'aria nella notte a Torre a Mare Danni ad imbarcazioni e attività commerciali, alcune barche finite sulla piazza
Pioggia e grandine su Bari, va in tilt la fogna Pioggia e grandine su Bari, va in tilt la fogna Salta ancora una volta la condotta Matteotti. Divieto di balneazione a Pane e pomodoro?
Temporali su Bari, la città sotto la grandine Temporali su Bari, la città sotto la grandine Chicchi grandi quanto mandarini cadono a Palese e Santo Spirito. Rovesci anche negli altri quartieri
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.