rosa franco
rosa franco
Associazioni

Giornata della disabilità, Rosa Franco (Csv Bari): «Il Covid impone limiti sempre più grandi»

La presidente del Centro servizi al volontariato: «C’è bisogno di digitalizzazione e dispositivi. La Regione riveda le sue politiche»

Distanziamento sociale che sfuma in isolamento totale, paura del contagio, smart working, didattica a distanza, rapporti umani che si smaterializzano con la mediazione di un cyborg. Il dramma del Covid ha cambiato le vite di tutti noi, in questo "annus horribilis" che sembra non voler finire mai, ma c'è chi con la pandemia ha visto aggravata ancora di più la propria situazione. Per chi vive la disabilità (sensoriale, motoria, intellettiva) l'emergenza sociale e sanitaria ha acuito il bisogno di assistenza e supporto, da parte delle famiglie e soprattutto delle istituzioni. In occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, che dall'istituzione da parte dell'Onu nel 1992 ogni anno ricorre il 3 dicembre, parliamo di questi temi con Rosa Franco, presidente del Centro servizi al volontariato "San Nicola" di Bari, già presidente dell'Unione nazionale volontari pro ciechi di Bari dal 1997 al 2008.

Come ha cambiato il Covid la vita dei disabili?

L'ha resa ancora più limitante e problematica. L'isolamento per un disabile è più difficile da affrontare. La dipendenza da qualcuno è sempre dipendenza, ma con il Covid si vive una limitazione ancora maggiore nell'uscire; se prima c'erano cento possibilità, oggi ce ne sono cinque. Le associazioni sono chiuse, molti lavorano in smart working e non hanno contatti con i colleghi o quasi.

Il mondo del volontariato come si sta muovendo?

Cerca di rispondere facendo compagnia. C'è chi si è attivato con il "telefono amico", noi come Csv da marzo in poi abbiamo organizzato la "Favola degli abbracci" per i bambini sordomuti o altre forme di laboratorio per i disabili. In alcuni momenti, però, la situazione diventa rocambolesca. I centri diurni sono chiusi e molti parenti non possono assistere i loro congiunti disabili h/24.

In giunta regionale è stato approvato il contributo Covid straordinario per i disabili. Un primo passo nella giusta direzione?

Già con Giuseppe Tulipani (scomparso a marzo del 2020, Ndr) nel ruolo di garante regionale dei disabili c'era una grande attenzione alla disabilità da parte della Regione Puglia. Molti disabili che afferiscono a enti storici, per esempio, dalla Regione hanno ricevuto forniture di mascherine e gel igienizzante.

Dopo Pino Tulipani il ruolo di garante regionale per i diritti dei disabili è rimasto vacante. Il percorso come prosegue?

Dopo la sua morte c'è stato il Covid, poi le elezioni. Spero che si proceda al più presto con una nuova nomina. Tulipani aveva una grande attenzione al tema della disabilità, con lui dopo anni finalmente è stata istituita la figura del garante dei diritti delle persone disabili. Mi auguro che la Regione non faccia mancare il riferimento per la Puglia.

L'emergenza sociosanitaria lascerà in eredità una nuova forma di assistenza a chi vive la disabilità?

È l'augurio che mi faccio, ma non è scontato. Con il rallentamento delle attività sanitarie "ordinarie", tra qualche mese si rischia di avere molti più malati di quelli che avevamo prima del Covid. Noi disabili sensoriali abbiamo bisogno di ausili informatici, che ci vengono dati dalla Asl previa visita medica: da, però, mesi non è possibile accedere alle visite specialistiche, né si può procedere d'ufficio perché la legge dice che è necessario il parere del medico specialista. Se un disabile ha bisogno, per esempio, di un computer, non lo può ricevere pur avendone pieno diritto; lo deve andare a comprare di tasca propria. All'isolamento sociale si aggiunge anche la mancanza di dispositivi, e la Regione deve cambiare sistema di valutazione. È necessario che chi governa lo capisca.

Guardando al Comune di Bari, che contributo è arrivato dalla rete del Welfare cittadina con l'emergenza Covid?

Sono state messe in campo tantissime iniziative, soprattutto nei confronti di famiglie e minori. Noi abbiamo sempre collaborato molto con il Comune di Bari; a novembre 2019 avevamo aperto lo sportello del volontariato Csv nella sede dell'assessorato al Welfare in piazza Chiurlia, poi con il Covid la collaborazione si è fatta ancora più stretta. Il Csv ha funzionato da nodo per le richieste, che abbiamo inoltrato al Comune o direttamente alle associazioni.

La battaglia contro il Covid sembra ancora lunga. Quali gli interventi più urgenti nei prossimi mesi?

Come Csv, a favore degli enti del terzo settore, stiamo presentando il programma delle attività per il 2021. Navighiamo a vista, non ci aspettiamo che dal 1 gennaio le cose cambino. Sentiamo parlare della terza ondata, cosa che non è da escludere; una delle cose su cui bisogna molto puntare è la digitalizzazione. È fondamentale istruire e formare chi è a digiuno di nozioni sull'utilizzo dei dispositivi informatici. Questo deve essere fatto anche per le associazioni, perché promuovere un'iniziativa online o anche una raccolta di prodotti da devolvere in beneficenza è impossibile per uno che non sa usare il computer e il web. Molti, nella programmazione, ci hanno chiesto di essere formati sull'uso delle piattaforme o sull'aggiornamento del sito internet. La grande maggioranza delle associazioni è costituita da persone non più giovani, manca il ricambio generazionale; il Covid ha fatto avvicinare molti giovani al volontariato, ha generato molta voglia di mettersi a disposizione, ma probabilmente si tratta di fenomeni occasionali, un volontariato "fluido". Non è detto che quelle persone andranno poi a cercare un'associazione o una struttura che possa alimentare il loro impegno. Resta, però, chiara l'impossibilità di delegare interamente alla freddezza del computer un rapporto fra persone.
  • Disabilità
  • centro servizi volontariato san nicola
  • csv san nicola
Altri contenuti a tema
Rendere la città a misura di non vedenti, il progetto del Comune per gli incroci a Bari Rendere la città a misura di non vedenti, il progetto del Comune per gli incroci a Bari Obiettivo dotare le zone di percorsi tattili e semafori in grado di colloquiare con i dispositivi indossabili
Settimana internazionale del sordo in Puglia: «Abbattere l’invisibile barriera della comunicazione» Settimana internazionale del sordo in Puglia: «Abbattere l’invisibile barriera della comunicazione» L'evento in corso dallo scorso 20 settembre culminerà domenica con la "Giornata Mondiale del Sordo"
Trasporto sociale per disabili e anziani a Bari, domande possibili fino all'1 ottobre Trasporto sociale per disabili e anziani a Bari, domande possibili fino all'1 ottobre Riaperti i termini, chi è già presente in graduatoria non deve fare una nuova domanda. Ecco come fare la richiesta
Turismo accessibile in Puglia, il Consiglio approva la mozione per la "Bandiera lilla" Turismo accessibile in Puglia, il Consiglio approva la mozione per la "Bandiera lilla" Verranno attuate tutte le iniziative necessarie per sensibilizzare i Comuni affinché vengano realizzate aree turistiche attrezzate per disabili
Giornata della disabilità, il progetto "Quarta categoria" vince il premio Uefa. Anche Bari protagonista Giornata della disabilità, il progetto "Quarta categoria" vince il premio Uefa. Anche Bari protagonista La nostra città è rappresentata dalla Asd Vinci con noi, rappresentata dalla presidente Stefania Agata D’Elia
Disabilità e scuola in Puglia, con il Covid aumentano i problemi Disabilità e scuola in Puglia, con il Covid aumentano i problemi Cronica la mancanza di insegnanti di sostegno, che per un terzo non sono specializzati. E le diverse ordinanze Emiliano degli scorsi mesi non hanno aiutato
Disabili gravissimi, Asl Bari eroga la seconda "finestra" del contributo per l'emergenza sanitaria Disabili gravissimi, Asl Bari eroga la seconda "finestra" del contributo per l'emergenza sanitaria Ammesse le prime 200 domande pervenute dal 9 giugno in poi. I distretti sono già al lavoro per esaminare altre 600 pratiche
Disabili gravissimi in Puglia, presto l'erogazione dei fondi del bando CES-C19 Disabili gravissimi in Puglia, presto l'erogazione dei fondi del bando CES-C19 L'Asl Bari sta terminando le verifiche e a breve procederà con le visite a domicilio, per poi far sì che arrivino i soldi alle famiglie
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.