partigiani
partigiani
Eventi e cultura

Festa della Liberazione, in un libro la storia di partigiani e deportati di Bari e provincia

L'autore, il professor Luceri: «Da tutta la Puglia un grande contributo alla Resisitenza. Salvini? Fosse stato mio studente lo avrei bocciato»

La storia dei partigiani e dei deportati della provincia di Bari durante la Seconda guerra mondiale e il periodo della Resistenza anti-fascista raccontati in un libro. "Partigiani e deportati deceduti di Bari e provincia" è l'ultima opera del professor Pati Luceri, docente di storia, un volume che ripercorre con il rigore dello storiografo le vicende dei partigiani baresi che hanno combattuto per la libertà e dei prigionieri deportati e poi morti nei campi di sterminio nazi-fascisti. Il libro è stato scritto con i contributi di Manuel Alboreto, Fabio Fronterrè e Silvia Martorelli.

Ne abbiamo parlato con il professor Luceri in occasione del 25 aprile, festa della Liberazione. «La ricerca è iniziata dieci anni fa, prima sul partigianato e i deportati di Brindisi, Lecce e Taranto, dando alle stampe i primi volumi - dice l'autore. Con alcuni amici baresi abbiamo approfondito la ricerca sulla provincia di Bari, dapprima negli archivi dei movimenti di liberazione in tutta l'Italia centro-settentrionale, poi sui fogli matricolari presenti nell'Archivio di stato di Bari per un anno e mezzo. Ci siamo concentrati sui fogli matricolari dei nati fra il 1910 e il 1925, fermo restando che ci sono stati partigiani e deportati deceduti anche nati fra il 1880 e il 1890. Cronologicamente, il libro prende in esame gli eventi verificatisi fra l'8 settembre '43 e il 25 aprile '45».
partigiani bari e provincia


Secondo Luceri, quello dato dalla Puglia e dalla provincia di Bari in particolare alla Resistenza fu «Un contributo eccezionale. La storia della Seconda guerra mondiale, della Resistenza, dell'abbattimento delle dittature nazi-fasciste la si può ripercorrere passeggiando per le strade di Bari; molte ricordano partigiani caduti e deportati che non hanno mai fatto ritorno. La provincia di Bari diede alla Resistenza 1261 partigiani di cui 15 donne, oltre ai 568 deportati. La città di Bari e la città di Corato hanno dato il maggiore contributo, sia in termini di partigiani sia in termini di deportati civili. In diversi, inoltre, già prima della Resistenza e dell'8 settembre erano partiti dalla provincia di Bari per andare a combattere in favore della repubblica spagnola nel '36. In molti si recarono sui fronti di lotta greci, jugoslavi e albanesi, altri ancora combatterono nei lager e nelle brigate dell'Italia settentrionale. Sarebbe bello che altri giovani approfondissero la ricerca, anche per le province di Bari e Foggia. Si tratta di un lavoraccio, per cui noi non abbiamo ricevuto alcun contributo: l'abbiamo fatto perché ci sembrava doveroso nei confronti di chi ha combattuto per la libertà».

Un 25 aprile, quello del 2019, che ha portato con sé strascichi e polemiche. Il governo giallo-verde si divide sul tema delle celebrazioni, e il ministro degli Interni Matteo Salvini ha più volte annunciato che non parteciperà a nessuna cerimonia pubblica, dal momento che, secondo il segretario leghista, «Si tratta di un derby fra partigiani e fascisti». «Dovrebbe studiare la storia, fosse stato un mio studente l'avrei bocciato - continua il professor Luceri. Gli consiglio di leggere i libri, di andare a visitare i lager, di approfondire quello che è successo alle Fosse ardeatine, a Marzabotto, a Sant'Anna di Stazzema, a Porzus. Chi dice e fa certe cose o è ignorante o è in malafede: Salvini certamente è ignorante. Moltissime persone hanno combattuto, sono andate a morire perché sognavano un avvenire migliore per i propri figli. Sulle labbra avevano impresse le parole la libertà, viva l'Italia, che non era di certo quella repubblichina, o quella vendutasi ai nazisti, che ha deportato chi la pensava diversamente, gli ebrei, i bambini orfani come successo a Napoli, gli omosessuali. La libertà è il rispetto delle posizioni altrui, non è mai repressione. La Resistenza è stata fatta non solo dai comunisti delle Brigate Garibaldi, ma anche da Giustizia e libertà, i trozkisti, gli anarchici, i democristiani, i liberali. Tutti hanno partecipato alla Resistenza».
  • 25 aprile
Altri contenuti a tema
Porte del Piccinni aperte e tulipani rossi in strada, gli eventi a Bari per il 25 aprile Porte del Piccinni aperte e tulipani rossi in strada, gli eventi a Bari per il 25 aprile Alle 9.30 il sindaco Decaro insieme al prefetto Bellomo deporrà una corona a Palazzo di Città
Festa della Liberazione, sui balconi di Bari si canta "Bella Ciao" Festa della Liberazione, sui balconi di Bari si canta "Bella Ciao" L'iniziativa dell'Anpi in collaborazione con il Coordinamento antifascista
Festa della Liberazione, Pappalardo: «Nostalgici del regime sono fuori dalla storia» Festa della Liberazione, Pappalardo: «Nostalgici del regime sono fuori dalla storia» Il presidente dell'Associazione partigiani Bari: «Col ritorno dei nazionalismi si rischia nuova guerra. La sfida europea: progredire o tornare indietro»
Luciano Canfora per il 25 aprile a Bari: «Dobbiamo insegnare e non piegare la testa» Luciano Canfora per il 25 aprile a Bari: «Dobbiamo insegnare e non piegare la testa» A margine delle manifestazioni per la giornata della Liberazione il professore ha tenuto una lezione all'aperto per tutti
Giornata di festa sul mare a Bari. Successo per il 25 aprile a Torre Quetta Giornata di festa sul mare a Bari. Successo per il 25 aprile a Torre Quetta Spettacoli, musica dal vivo, i ristoranti e il sole hanno convinto tanti baresi a passare la ricorrenza della Liberazione sulla spiaggia cittadina
Bari celebra il 25 aprile. La cerimonia solenne al Sacrario militare Bari celebra il 25 aprile. La cerimonia solenne al Sacrario militare Decaro: «Non festeggiare la Liberazione è un errore». Emiliano: «Storia non è una partita di calcio». Pappalardo (Anpi): «Gravi le divisioni nel governo»
25 aprile a Bari, tre giorni di eventi e commemorazioni per non dimenticare 25 aprile a Bari, tre giorni di eventi e commemorazioni per non dimenticare Domani mattina momento clou con la cerimonia al Sacrario dei Caduti, presenti il presidente Anpi e il sindaco
Festa della Liberazione al museo a Bari, la lista di quelli aperti e gratuiti Festa della Liberazione al museo a Bari, la lista di quelli aperti e gratuiti In città possibile visitare il Castello Svevo, ma molte le opportunità nella provincia e non solo
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.