La sede di Eipli a Bari
La sede di Eipli a Bari
Scuola e Lavoro

EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari"

Garantita la retribuzione solo per il mese corrente, i sindacati: «Pronti alla mobilitazione se non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere»

Per i dipendenti dell'Ente Irrigazione di Puglia, Basilicata e Irpinia l'allarme occupazionale sembra avviarsi all'epilogo peggiore. Dopo le cattive notizie che facevano temere il peggio per i 150 lavoratori di Puglia e Basilicata, martedì 28 gennaio si è tenuta la riunione sindacale alla presenza del neo commissario liquidatore, dott.ssa Guglielmetti, che ha confermato un quadro gestionale desolante.

«Siamo a ridosso della soglia di non ritorno - affermano Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil di Puglia - l'enorme mole debitoria accumulata negli anni ha raggiunto quota 67 milioni di euro e mette l'Ente nell'impossibilità di assolvere a fondamentali compiti di gestione, esercizio e manutenzione in qualità di fornitore all'ingrosso di acqua non trattata, per usi potabili agli Acquedotti Pugliese, Lucano ed al Consorzio Jonio-Cosentino in Calabria; per usi irrigui a nove consorzi di bonifica nelle regioni Basilicata, Campania e Puglia e, per usi industriali, all'ILVA di Taranto, AQP e altri utenti minori. I decreti ingiuntivi sono diventati esecutivi».

L'Ente, posto in liquidazione dal 2011, gestisce otto dighe, quattro traverse, le sorgenti del Tara e centinaia di chilometri di grandi reti di adduzione, con una capacità potenziale di accumulo, regolazione e di vettoriamento di circa un miliardo di metri cubi all'anno di acqua.

«Nel cosiddetto 'decreto crescita', convertito con modificazioni -spiegano i Segretari Generali Regionali di Fai, Flai e Uila - Frascella, Gagliardi e Buongiorno - è stata prevista, attraverso un emendamento, la costituzione di una società per azioni a totale capitale pubblico, formato da soli enti pubblici. I lavoratori avranno garantito solamente la retribuzione del mese corrente, poi dovranno decidere se fare i volontari. Confermiamo, quindi, l'allarme delle settimane scorse e chiediamo l'intervento immediato in particolare del Ministero dell'Agricoltura, che ha compiti di vigilanza. Ci rivolgiamo alla Ministra Bellanova affinché si attivi per coinvolgere il Ministero delle Finanze e quello del Lavoro, che in questa vicenda devono giocare un ruolo alla pari per salvaguardare le attività istituzionali e i livelli occupazionali dell'Ente. Si convochi subito un tavolo che metta insieme i vari soggetti. Le Regioni coinvolte hanno il dovere di scuotere i decisori su un tema non più rinviabile. Intanto la dirigenza di Eipli ha confermato essere in dubbio la retribuzione corrente e che a partire da febbraio 2020 non sarà più in grado di mantenere gli impegni economici dei dipendenti, i 70 della Puglia e altri 80 tra Basilicata e Campania. Sindacati e lavoratori sono pronti alla mobilitazione se, a stretto giro, non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere».
  • Sindacati
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi Tanti i cittadini che in seguito alle chiusure per contenere l'epidemia sono senza lavoro e senza reddito, e le misure del Governo per ora non bastano
Bari, da oggi c'è silenzio nella zona industriale, ferme tutte le grandi aziende Bari, da oggi c'è silenzio nella zona industriale, ferme tutte le grandi aziende Falcetta (Uilm): «Resta il nodo legato a tante e piccole medie imprese del territorio provinciale»
Accordo Regione Puglia-parti sociali, cassa integrazione per tutti i lavoratori dipendenti Accordo Regione Puglia-parti sociali, cassa integrazione per tutti i lavoratori dipendenti In arrivo i primi 106 milioni. A beneficiarne saranno gli impiegati privati, di pesca, agricoltura e terzo settore
Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro Servizio pulizia nelle scuole, in Puglia in 200 restano senza lavoro Fuori dalla stabilizzazione in tutta Italia 4 mila dipendenti, sindacati sul piede di guerra: «Scelta precisa del Miur e del Governo»
Conad mette in cassa integrazione 9 mila dipendenti, futuro nero anche in Puglia Conad mette in cassa integrazione 9 mila dipendenti, futuro nero anche in Puglia La comunicazione ai sindacati da Margherita Distribuzione, domani incontro a Roma per la procedura di mobilità delle sedi precedentemente aperta dall'impresa
Popolare di Bari, First Cisl vuole rimuovere i manager ma Fisac Cgil non ci sta Popolare di Bari, First Cisl vuole rimuovere i manager ma Fisac Cgil non ci sta Scontro anche tra i sindacati sulla vicenda che coinvolge l'istituto barese, entro fine marzo il piano dei commissari su esuberi e assetto delle filiali
Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Firmato l'accordo dopo una trattativa durata tre mesi, Uilm: «Necessario mantenere alta l'attenzione sulla vertenza»
Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto Conad a Casamassima, sono 130 i dipendenti che rischiano il posto Fumata nera dall'incontro tra sindacati e azienda, Filcams Cgil: «Mai firmeremo un accordo che tuteli solo parte dell'occupazione»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.