tampone coronavirus
tampone coronavirus
Speciale

Covid, in Puglia tamponi rapidi negli studi dei medici di base

Firmato l'accordo fra Regione e Fimmg. Servirà a pazienti asintomatici usciti dall'isolamento

«La sottoscrizione dell'accordo apre un nuovo scenario, dato che per la somministrazione dei tamponi rapidi da parte dei medici di medicina generale non sarà su base volontaria, ma un'attività inclusa tra i loro compiti». Commenta così Nicola Calabrese, segretario Fimmg Bari e vicesegretario nazionale Fimmg, l'accordo firmato ieri sera tra Regione e rappresentanze della medicina generale per il rafforzamento delle attività territoriali di diagnostica di primo livello e di prevenzione della trasmissione di Sars-Cov-2.

L'Acn prevede infatti che la somministrazione dei tamponi rapidi da parte dei medici di famiglia possa essere organizzata, prevedendo l'accesso su prenotazione e previo triage telefonico, anche in strutture messe a disposizione della Asl, laddove gli studi medici non siano adatti. I medici di medicina generale si occuperanno dei pazienti asintomatici usciti da 10 giorni di isolamento, in modo da supportare il Dipartimento di prevenzione e limitare il periodo di quarantena con il relativo costo sociale.

L'uso dei tamponi rapidi da parte dei medici di medicina generale ha l'obiettivo di contribuire in maniera fondamentale a prevenire la diffusione dell'epidemia e isolare in modo efficace i focolai, così da evitare che l'attività di indagine epidemiologica con il tracciamento dei contatti e l'accertamento diagnostico, l'isolamento dei casi e l'applicazione delle misure di quarantena gravino esclusivamente sui dipartimenti di sanità pubblica.

«La medicina di famiglia in Puglia è pronta, oltre che a somministrare i tamponi, a supportare i dipartimenti per le attività di isolamento e identificazione dei contatti - conclude Calabrese. I medici faranno la propria parte, come sempre. Ma la situazione è preoccupante. Per questo rilanciamo l'invito del presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici rispetto alla necessità di adottare misure più restrittive per il contenimento della pandemia. È a rischio la tenuta del sistema e la possibilità di curare tutti».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Ecco i dati che hanno fatto diventare la Puglia zona gialla, ma non tutti i conti tornano Ecco i dati che hanno fatto diventare la Puglia zona gialla, ma non tutti i conti tornano Il report dell'Iss parla di territorio ad alto rischio, solo ieri ci sono stati altri 42 ricoveri in terapia intensiva, e fino a pochi giorni fa si parlava di zona rossa
Covid-19, Lopalco: «Il numero dei decessi in Puglia di oggi dovuto ad aggiornamento dati» Covid-19, Lopalco: «Il numero dei decessi in Puglia di oggi dovuto ad aggiornamento dati» L'assessore alla sanità della Regione spiega le cifre pervenute con il bollettino odierno Ecco il grafico completo
Emergenza Covid, da domenica la Puglia diventa zona gialla Emergenza Covid, da domenica la Puglia diventa zona gialla Firmata l'ordinanza del ministro Speranza. Riaprono ristoranti e bar, ci si potrà spostare fra comuni
Coronavirus, in Puglia nuovo record negativo di decessi. Sono 72 Coronavirus, in Puglia nuovo record negativo di decessi. Sono 72 Si registrano anche 1.419 nuovi positivi di cui 741 solo nella provincia di Bari
Covid, a Bari negozi aperti fino alle 21. Confermata chiusura notturna dei distributori automatici Covid, a Bari negozi aperti fino alle 21. Confermata chiusura notturna dei distributori automatici Il Coc ha stabilito il regolare svolgimento dei mercati del martedì, orario normale anche nel giorno dell'Immacolata
Focolaio Covid nella Rssa di Monopoli, 25 anziani ancora positivi. Sono 17 i decessi Focolaio Covid nella Rssa di Monopoli, 25 anziani ancora positivi. Sono 17 i decessi Sono sei gli anziani ricoverati. Niente dati dalla struttura di Conversano ma il sindaco conferma: «Ci sono molti casi»
Per incentivare gli acquisti nei negozi il Governo rimborsa il 10% Per incentivare gli acquisti nei negozi il Governo rimborsa il 10% Durante la diretta da palazzo Chigi il premier Conte annuncia la nuova misura salva Natale
No ai veglioni in albergo e rientro a scuola dopo le feste, ecco il nuovo Dpcm No ai veglioni in albergo e rientro a scuola dopo le feste, ecco il nuovo Dpcm Il premier Conte: «Occorre impegno e attenzione. Sarà un Natale diverso, ma non per questo meno autentico»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.