Carabinieri (repertorio)
Carabinieri (repertorio)
Cronaca

Commerciante di Palese vittima del racket, in manette tre uomini vicini al clan Strisciuglio

Un 22enne e un 25enne avevano estorto 5mila euro, nei guai anche un 21enne per minacce

I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Bari, coadiuvati dai militari della stazione di Bari Santo Spirito, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia, hanno arrestato in flagranza per "estorsione aggravata dal metodo mafioso" L.E, 22enne, e S.G, 25enne, vicini all'articolazione del clan "Strisciuglio", operante nel quartiere "Palese" di Bari (accertamento compiuto nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa).
L'operazione dei militari dell'Arma è stata condotta a seguito degli approfondimenti di una pregressa attività investigativa, nel corso della quale era emerso il possibile racket ai danni di un commerciante del quartiere ad opera di soggetti del clan "Strisciuglio", secondo modalità già ricostruite dai militari e che hanno portato, in passato, all'arresto di altri sodali.
I carabinieri hanno quindi avviato una delicata attività investigativa, condotta mediante servizi di osservazione in abiti civili e l'installazione di alcune telecamere nascoste, che ha consentito di documentare in diretta l'ingresso in negozio dei due uomini e la loro richiesta avanzata all'esercente di pagare 5.000 euro, quota ritenuta frutto del racket imposto dal clan. Vista la caratura criminale degli interlocutori e l'intimidazione subita, la vittima si è vista costretta a consegnare, in contanti, la somma richiesta. I carabinieri hanno quindi seguito all'uscita dell'attività gli estorsori, procedendo al loro controllo e recuperando l'intero importo estorto nonché altro denaro contante, la cui provenienza è in corso di accertamento.
A poche ore di distanza dall'operazione, gli investigatori hanno poi eseguito il fermo di polizia giudiziaria per "porto e detenzione illegali di arma aggravata dal metodo mafioso" di P.S., 21enne che, dopo essersi recato presso il negozio indicato, minacciava lo stesso titolare mostrandogli un'arma.
Dopo la convalida dell'arresto il Giudice ha confermato la custodia carceraria per gli autori dei gravissimi reati.
È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che l'eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.
L'operazione odierna testimonia ancora una volta la costante attenzione dell'Autorità Giudiziaria e dell'Arma dei Carabinieri al delicato fenomeno delle estorsioni ai danni di titolari di attività economiche, evidenziando il ruolo delle Istituzioni quale punto di riferimento per un'efficace azione di contrasto al fenomeno criminale e unica risposta alle istanze di giustizia delle vittime, che devono sentirsi incoraggiate a denunciare ogni tipo di vessazione e a non cadere nella trappola senza uscita dell'omertà.
  • antimafia
Altri contenuti a tema
Operazione in corso dell'antimafia, arresto per undici persone a Bari Operazione in corso dell'antimafia, arresto per undici persone a Bari L'accusa è di blocco stradale, ulteriori informazioni verranno date in mattinata
Un murales per Gaetano Marchitelli, 15enne ucciso 20 anni fa per errore dalla mafia Un murales per Gaetano Marchitelli, 15enne ucciso 20 anni fa per errore dalla mafia L'opera realizzata da Daniela Sersale su uno dei manufatti presenti sulla piazza a lui dedicata
Controllo del mercato delle slot machine, sequestrati 600mila euro ad un affiliato al clan Capriati Controllo del mercato delle slot machine, sequestrati 600mila euro ad un affiliato al clan Capriati Il soggetto nel 2020 era stato arrestato poiché avrebbe percepito una somma mensile di circa 1.000 euro per la collocazione delle macchinette
Omicidio Ranieri a San Pio, due arresti a Bari Omicidio Ranieri a San Pio, due arresti a Bari Si tratta di un 38enne ritenuto esecutore materiale e un 36enne che avrebbe fornito informazioni false
Sei interdittive antimafia per altrettante aziende di Bari, il prefetto: "Attenzione resta alta" Sei interdittive antimafia per altrettante aziende di Bari, il prefetto: "Attenzione resta alta" I settori vanno dall'armamento ferroviario al settore agricolo, dall'autotrasporto conto terzi al commercio di rottami metallici
Bari ricorda Falcone nel 31º anniversario della strage di Capaci Bari ricorda Falcone nel 31º anniversario della strage di Capaci Alla cerimonia sono invitate, oltre alle autorità, una rappresentanza degli studenti delle scuole superiori
Nuovo scacco al clan Di Cosimo - Rafaschieri, emesse sei condanne definitive. Ecco chi sono Nuovo scacco al clan Di Cosimo - Rafaschieri, emesse sei condanne definitive. Ecco chi sono Il gruppo, vicino agli Strisciuglio, è accusato di pari in luogo pubblico, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, spaccio di sostanze stupefacenti
Estorsione ad imprenditori edili, sei ordini di carcerazione a Bari Estorsione ad imprenditori edili, sei ordini di carcerazione a Bari I reati commessi tra il 2011 e il 2015, e riconducibili al clan Di Cosola
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.