I soldi trovati dal figlio di Chiariello
I soldi trovati dal figlio di Chiariello
Cronaca

Caso De Benedictis, trovati 1 milione e 200 mila euro dal figlio di Chiariello

Sono in corso accertamenti per verificare la provenienza del denaro

Il caso del GIP di Bari De Benedictis svela altri retroscena.

Nel corso delle perquisizioni eseguite stamattina, contestualmente all'esecuzione dei provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti del giudice De Benedictis, magistrato dell'Ufficio GIP di Bari e dell'Avvocato Chiariello, del foro di Bari, i carabinieri del Nucleo Investigativo hanno sottoposto a sequestro un importante quantitativo di denaro.

Infatti, nell'abitazione del figlio dell'avvocato Chiariello, anche lui indagato, in tre zaini nascosti all'interno di un divano e di un armadio sono stati rinvenuti circa 1 milione e 200 mila euro in contanti. Sono in corso accertamenti per verificare la provenienza del denaro.

Il precedente arresto e l'assoluzione in Cassazione di De Benedictis

Il giudice De Benedictis, noto anche come collezionista di armi, nel 2010, fu arrestato su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per la detenzione di un fucile, un'arma da guerra, che secondo l'accusa non avrebbe potuto detenere. Per quell'episodio il giudice finì agli arresti domiciliari ed ha affrontato due processi finiti il primo con un'assoluzione, il secondo con una condanna a 2 anni di reclusione (pena sospesa) inflittagli dalla Corte d'Appello di Lecce.
La condanna fu annullata in Cassazione: il caso fu sollevato dai Carabinieri che su incarico della Procura di Santa Maria Capua Vetere, avevano intercettato casualmente una conversazione tra il magistrato barese e il titolare dell'armeria in provincia di Caserta dove era stata acquistata l'arma. La prima sentenza di assoluzione fu impugnata dalla Procura presso il Tribunale di Lecce, competente a giudicare sui reati commessi dai magistrati baresi. Infine è stato il giudice De Benedictis a impugnare in Cassazione, la sentenza di condanna di secondo grado.
  • Carabinieri
  • corruzione
Altri contenuti a tema
Sorpresi a rubare cavi della linea elettrica, arrestati Sorpresi a rubare cavi della linea elettrica, arrestati È successo a Poggiorsini, i due avevano già fatto un'azione simile lasciando al buoi la zona
Licenziato perché percepisce il reddito di cittadinanza, minaccia di morte e aggredisce i titolari Licenziato perché percepisce il reddito di cittadinanza, minaccia di morte e aggredisce i titolari L'uomo, un 30enne nigeriano da tempo residente in Italia, pretendeva di continuare a prendere il sussidio e lavorare nell'azienda, arrestato
Rintracciata a Bari 52enne accusata di furto, arrestata Rintracciata a Bari 52enne accusata di furto, arrestata La donna deve scontare una condanna a 4 mesi e 13 giorni di reclusione
Monopoli, sorpreso con 2 dosi di cocaina e 1600 euro in contanti: arrestato 44enne Monopoli, sorpreso con 2 dosi di cocaina e 1600 euro in contanti: arrestato 44enne L'uomo si aggirava a bordo di una utilitaria nel centro cittadino incontrando numerosi clienti
Bari, in auto con 19 dosi di cocaina tenta di sfuggire ai carabinieri: in manette 21enne Bari, in auto con 19 dosi di cocaina tenta di sfuggire ai carabinieri: in manette 21enne Il giovane pusher è stato fermato durante un controllo in viale Einaudi.
Minaccia la madre per avere soldi, arrestato 43enne a Bari Minaccia la madre per avere soldi, arrestato 43enne a Bari L’uomo solo lo scorso 8 giugno era stato sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento alla donna
Rutigliano, spaccio di droga: arrestate due persone Rutigliano, spaccio di droga: arrestate due persone In manette un 43enne ed un 50enne
Rapper 41enne trovato morto in casa a Bari Rapper 41enne trovato morto in casa a Bari Giuseppe Poliseno, in arte TOKI, era detenuto agli arresti domiciliari
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.