Bosch
Bosch
Scuola e Lavoro

Bosch di Bari, l'addio al diesel dell'Europa licenzia 650 dipendenti

L'azienda in una riunione in Germania ha confermato i tagli in tutte le sue filiali, domani si sciopera

Una situazione sempre più tesa alla Bosch di Bari. L'azienda ha comunicato tagli in tutte le sue filiali in tutto il mondo, tranne che in est Europa, a causa della decisione dell'Unione Europea di dire stop al diesel e ai motori Euro 7 a partire dal 2023. E a Bari si procede con lo sciopero di domani, già annunciato sulla base di voci divenute ora delle certezze, e che si svolgerà in contemporanea con un incontro a Roma al Mise per discutere della questione tra le parti.

«L'accordo sottoscritto nel 2017 ha messo in sicurezza i lavoratori fino al 2022 - dichiara Riccardo Falcetta di Uilm - ma ora il problema vero è dovuto alla politica europea che dal 2023 vuole bandire i motori a combustione. Audi e Bmw hanno dichiarato 3 mila esuberi, la Bosch in tutti i vari siti nel mondo ha parlato di tagli al personale, se ovviamente l'Unione Europea non dovesse fare marcia indietro».

«I problema ora è anche che l'azienda non si espone ancora su investimenti futuri su elettrico o idrogeno - sottolinea Falcetta - l'azienda sta aspettando di capire dove andrà il mercato, prima di riconvertire gli stabilimenti, d'altronde a Bari ha portato l'e-bike ma al momento non è stato un successo».

«Noi vogliamo che Bosch mantenga l'accordo firmato - ribadisce - i nuovi prodotti arrivati non sono in grado di soddisfare la reale esigenze della platea di Bari. Chiederemo, inoltre, al Ministero di rallentare queste scelte governative a livello nazionale sul diesel, perché così si mette in discussione tutto il comparto automobile non solo la componentistica. Chiediamo che tutti i prodotti che vengono ricercati e sviluppati al centro ricerche e sviluppo presente a Bari debbano avere una ricaduta occupazionale sullo stabilimento locale».

Contrari allo sciopero, indetto da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm, sono però da Ugl Metalmeccanici, i quali sottolineano la loro già espressa contrarietà agli accordi sottoscritti nel 2017, i quali obbligano solo i dipendenti a riduzioni dello stipendio: «Non aderiremo allo sciopero in quanto i lavoratori sono stati finora obbligati a subire questi sacrifici per via degli accordi che altri hanno firmato, e non è giusto che perdano anche l'ennesima giornata di lavoro per uno sciopero indetto perché i firmatari sono stati incapaci di farsi garantire un piano industriale dignitoso dall'azienda».
  • Sindacati
  • Sciopero
  • Bosch
Altri contenuti a tema
Brsi, il giudice annulla i trasferimenti a Catania Brsi, il giudice annulla i trasferimenti a Catania Tutti i dipendenti restano a Bitritto e continuano a lavorare in smart working
Vertenza Palace Hotel, licenziamenti posticipati a febbraio Vertenza Palace Hotel, licenziamenti posticipati a febbraio Saiga conferma che la struttura resterà un albergo, Decaro: Importante spiraglio
Palace Hotel, i proprietari: «Resterà albergo» Palace Hotel, i proprietari: «Resterà albergo» I dipendenti tirano un sospiro di sollievo ma la strada è ancora lunga
Via allo sgombero del Palace, i dipendenti occupano la struttura Via allo sgombero del Palace, i dipendenti occupano la struttura Nuovo nulla di fatto in task force regionale, Ferrigni (Fisascat Cisl): «C'è ancora incertezza per il futuro dell'immobile e dei lavoratori tutti»
Chiude il Palace Hotel, Decaro: «Il nostro primo interesse è il futuro dei dipendenti» Chiude il Palace Hotel, Decaro: «Il nostro primo interesse è il futuro dei dipendenti» La dichiarazione del sindaco a margine dell'incontro della task force regionale tenutosi ieri
Sciopero della Polizia Locale, sabato prossimo presidio a Bari Sciopero della Polizia Locale, sabato prossimo presidio a Bari «Sono esposti agli stessi rischi ed agli stessi doveri ma per lo Stato sono dei lavoratori comunali»
Cisl Funzione Pubblica Puglia, Aldo Gemma confermato segretario Cisl Funzione Pubblica Puglia, Aldo Gemma confermato segretario L’elezione al termine del 6° congresso regionale svoltosi a Bari
Hotel Palace, lunedì mattina dipendenti in sit-in Hotel Palace, lunedì mattina dipendenti in sit-in Si chiede al prefetto Bellomo un incontro con le rappresentanze sindacali
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.