La firma dei contratti all'oncologico
La firma dei contratti all'oncologico
Enti locali

Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto

Emiliano: «La squadra è un elemento essenziale per far crescere la comunità, il gesto di oggi è coerente con una strategia più ampia che stiamo attuando»

I precari della ricerca dell'oncologico da oggi possono stare tranquilli. O almeno lo saranno di sicuro per i prossimi 5 anni. Stamattina, infatti, alla presenza del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, hanno sottoscritto il contratto individuale di lavoro per l'assunzione a tempo determinato per la durata di 5 anni, con la prospettiva del successivo inquadramento a tempo indeterminato, secondo la normativa speciale di reclutamento di cui all'art. 1, comma 432 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (norma di prima applicazione della cd. Piramide della Ricerca) del personale precario. In particolare i contratti riguardano dieci ricercatori sanitari e otto collaboratori professionali di ricerca sanitaria.

«Qualche anno fa - sottolinea Emiliano - addirittura prima di diventare Presidente della Regione, incontrai i ricercatori dell'Oncologico di Bari e constatai che non solo questa struttura stava per essere fusa col Policlinico dal punto di vista assistenziale, ma che tutto l'apparato di ricerca collegata all'oncologia che questi ricercatori rappresentavano stava per essere disperso, a causa anche di una produttività molto bassa. Prendemmo un impegno allora nei confronti di queste persone per rilanciare la ricerca oncologica dell'unico IRCCS Oncologico della Puglia e questa promessa oggi è stata mantenuta. È stata mantenuta anche grazie al lavoro del direttore generale Antonio Delvino e dei suoi collaboratori che, di concerto col Ministero della ricerca e dell'università, hanno consentito un procedimento che porterà definitivamente alla stabilizzazione. Finalmente questi ricercatori smetteranno di elemosinare borse di studio e di cercare una stabilità e offriranno tutta la loro energia ad un "impact factor": la capacità di fare ricerca viene misurata con questo sistema che garantirà la sopravvivenza dell'IRCCS Oncologico di Bari anche negli anni a venire. Ci sono giornate come queste che ti compensano di tutto il resto. Se avessi dovuto cedere all'opinione comune quando sono diventato presidente e non avessi tenuto la delega alla Sanità, forse non avremmo raggiunto questo risultato. La squadra è un elemento essenziale per far crescere la comunità, il gesto di oggi è coerente con una strategia più ampia che stiamo attuando. A questi ricercatori va il mio grazie per tutto quello che hanno fatto è che faranno a partire da oggi».

«Abbiamo provveduto - ha detto il direttore Antonio Delvino - a dare stabilità a 18 professionisti che hanno tenuto viva l'attività di ricerca negli ultimi anni nonostante operassero in regime di assoluta precarietà. Tale atto, di concerto con le altre iniziative poste in atto, permetta di far crescere ulteriormente la produzione scientifica dell'IRCCS».
  • Sanità
  • oncologico
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Anche a Bari manifestano i giovani medici: «Rivedere subito il sistema formativo» Anche a Bari manifestano i giovani medici: «Rivedere subito il sistema formativo» Camici bianchi in presidio davanti al Policlinico: «Chiediamo rapporto uno a uno fra lauree e percorsi di specializzazione»
Scegliere un dentista a Bari: ecco come fare tra portali di settore e passaparola Scegliere un dentista a Bari: ecco come fare tra portali di settore e passaparola Ricercare una figura in grado di trasmettere fiducia e sicurezza al paziente
"Così la Costituzione entrò in fabbrica", una targa a Bari per il 50° anniversario dello Statuto dei Lavoratori "Così la Costituzione entrò in fabbrica", una targa a Bari per il 50° anniversario dello Statuto dei Lavoratori La cerimonia alla Manifattura Tabacchi al quartiere Libertà, luogo simbolo del lavoro e in cui fino agli anni '70 sono stati impiegati migliaia di operai
Decreto "rilancio", Emiliano: «Inserita norma per stabilizzare personale sanitario» Decreto "rilancio", Emiliano: «Inserita norma per stabilizzare personale sanitario» Il governatore: «Era stata una proposta della Regione Puglia. Importante riconoscimento per medici e infermieri»
Al Miulli di Acquaviva si punta sulla cura dei bambini Al Miulli di Acquaviva si punta sulla cura dei bambini Consulenza pediatrica, pronto soccorso e ambulatori saranno improntati alle diverse esigenze di cura dei piccoli pazienti
Qualifica operatore socio-sanitario, in Puglia può fare l'esame anche chi non ha finito il tirocinio Qualifica operatore socio-sanitario, in Puglia può fare l'esame anche chi non ha finito il tirocinio Pubblicata la determina dirigenziale. Leo: «Sistema sanitario ha bisogno di loro, doveroso permettere ai giovani di iniziare a lavorare»
Fascicolo sanitario elettronico, ora è possibile attivarlo in farmacia Fascicolo sanitario elettronico, ora è possibile attivarlo in farmacia Diverse le attività che hanno aderito alla sperimentazione, ecco come funziona e tutto ciò che offre
Unità di assistenza domiciliare, Montanaro: «In Puglia pochi medici hanno aderito» Unità di assistenza domiciliare, Montanaro: «In Puglia pochi medici hanno aderito» Scarseggiano le adesioni alle Usca. A Bari sono partiti i corsi di formazione per sole 9 Usca
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.