Colloquio di lavoro
Colloquio di lavoro
Attualità

Bari, sei gay o hai figli? Il nostro lavoro non fa per te

La denuncia di Mixed LGBTI riguarda un questionario sottoposto ad un ragazzo per un posto da animatore turistico

Un annuncio di lavoro a Bari per un posto di animatore turistico, un colloquio e l'amara sorpresa. Ai candidati viene somministrato un questionario in cui indicare i propri dati. Ma tra le domande spuntano quesiti che nulla dovrebbero avere a che fare con il lavoro e con le attitudini dei diversi candidati a poterlo svolgere al meglio e che possano aiutare i selezionatori a scegliere tra gli aspiranti.

Come si legge nella foto che alleghiamo, infatti, ad un certo punto si possono leggere due quesiti: Figli sì/no e Eterosessuale sì/no. Due caratteristiche, se così vogliamo definirle, completamente attinenti alla sfera privata dei soggetti che per legge non dovrebbero incidere in nessun modo su una selezione per un posto di lavoro.

«Ad un nostro attivista è stato somministrato un questionario preventivo alla convocazione per un colloquio di lavoro - denunciano da Mixed LGBTI - Una delle domande riguardava l'orientamento sessuale del/della candidato/a, il che è già sconcertante di suo, visto che non esiste alcun lavoro al mondo in cui questo possa o debba essere rilevante. Ma ciò che rende la domanda ancora più grave, a parte la sua ingiustificata violazione della privacy, è il modo in cui è posta: "ETEROSESSUALE : sì / no". Non solo si chiede di proferire circa la propria sfera sessuale e affettiva, ma si chiede anche una definizione 'per contrasto alla norma'».

Nessuna rettifica per ora è giunta dall'azienda incriminata, sta di fatto che nel 2019 siamo ancora di fronte a discriminazioni nel luogo di lavoro legate alla sfera sessuale o alla genitorialità. E nonostante i molti proclami politici e non solo i passi avanti sono ancora molti da fare.
La domanda del questionario
  • Comunità LGBTQI
  • Proposta di lavoro
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Sospiro di sollievo per i 99 dipendenti BRSI, no al licenziamento Firmato l'accordo dopo una trattativa durata tre mesi, Uilm: «Necessario mantenere alta l'attenzione sulla vertenza»
EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" EIPLI, 150 lavoratori in bilico. Da febbraio rischiano di fare i "volontari" Garantita la retribuzione solo per il mese corrente, i sindacati: «Pronti alla mobilitazione se non arriveranno segnali della presa in carico dei problemi da risolvere»
Regione Puglia per le idee di impresa, ecco Estrazione dei Talenti Regione Puglia per le idee di impresa, ecco Estrazione dei Talenti Presentato stamattina il bando da dieci milioni di euro che servirà ai giovani che vogliono diventare imprenditori grazie a percorsi di accompagnamento
La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno La Puglia punta su nuove tecnologie, ecco le opportunità di lavoro per il nuovo anno Dall'aerospazio all'informatica tanti gli ingegneri che servono tra Bari, Mola, Bisceglie e Molfetta
Licenziamenti alla Saicaf di Bari, domani incontro al Ministero Licenziamenti alla Saicaf di Bari, domani incontro al Ministero I sindacati convocati per il discorso cassa integrazione straordinaria, i dipendenti fuori per la dismissione del reparto produttivo e magazzino
Asl Bari, il 2020 si apre con quasi 500 assunzioni Asl Bari, il 2020 si apre con quasi 500 assunzioni Sanguedolce: «Inseriamo in azienda risorse fondamentali per dare corpo e contenuti all'assistenza sanitaria territoriale»
Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto Bari, stabilità per diciotto professionisti precari dell'Oncologico. Firmato il contratto Emiliano: «La squadra è un elemento essenziale per far crescere la comunità, il gesto di oggi è coerente con una strategia più ampia che stiamo attuando»
Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» Amazon apre a Bitonto, l'appello di un ex Trony a Decaro: «Ci aiuti» I tre punti vendita in città chiusero dall'oggi al domani lasciando 31 famiglie in mezzo ad una strada
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.