La famiglia in protesta in banca a Bari
La famiglia in protesta in banca a Bari
Cronaca

Bari, l'emergenza Coronavirus e il dramma delle famiglie rimaste senza soldi

Tanti i cittadini che in seguito alle chiusure per contenere l'epidemia sono senza lavoro e senza reddito, e le misure del Governo per ora non bastano

L'emergenza Coronavirus a Bari si sta trasformando con il passare dei giorni in un dramma sociale. Al dover stare chiusi in casa, si sta sommando la difficoltà di molte famiglie ad arrivare alla fine del mese, e poter anche fare la spesa ad aprile. La serrata, necessaria per evitare che il virus continuasse la sua propagazione, continuando ad infettare sempre più soggetti, ha avuto come rovescio della medaglia la mancanza di reddito per molti. Da chi viveva di piccoli lavoretti, ai piccoli commercianti e alcune categorie di liberi professionisti.

Nella giornata di oggi è diventato virale un video in cui la disperazione di una famiglia esplodeva in strada, nei pressi di una filiale di una banca in via Crisanzio. Il non aver trovato l'accredito della pensione (annunciato a partire da oggi in posta) ha creato il caos. La disperazione ha portato a urla, grida e "aggressioni" nei confronti degli stessi dipendenti della banca, accusati di non voler anticipare nemmeno 50 euro per poter fare la spesa. E i poliziotti intervenuti per sedare gli animi si sono trovati di fronte solo disperazione, al punto che un passante ha donato loro quel che poteva tra l'incredulità di tutti.

Il problema al momento sta nelle misure messe in atto dal Governo per tutelare chi non lavora, con diverse soluzioni per i dipendenti, ma poco o nulla per autonomi, liberi professionisti e tante altre categorie che è difficile elencare. La disperazione di molti non si sfoga in strada, ma molto spesso corre via social. Così c'è il piccolo commerciante che sottolinea che: «Il presidente del Consiglio dice che i beni di prima necessità non mancheranno mai, ma si dimentica di dire con quali soldi li compreremo. Ci state togliendo la dignità, se non ci ammazzerà il virus ci ammazzerà la fame».

Mentre un ristoratore, rivoltosi al commercialista per avere informazioni sui 600 euro che il Decreto Cura Italia garantisce come indennizzo, su base mensile, non tassabile, per i lavoratori autonomi e le partite IVA, si è sentito rispondere che al momento non se ne sa nulla, mentre la cassa integrazione per i dipendenti dovrebbe arrivare a luglio o agosto.

In tutto questo, difficile far rientrare tutti coloro che non sono né autonomi, né liberi professionisti, né dipendenti, tutti coloro che "si arrangiano". E che da domani non avranno disponibilità per comprare i beni di prima necessità di cui tanto si parla. In attesa del Decreto Aprile, promesso da Conte e Gualtieri che dovrebbe inserire ulteriori agevolazioni e supporti economici.
  • lavoro
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, altri 1.602 casi in Puglia portano gli attuali positivi a quota 41.749 Coronavirus, altri 1.602 casi in Puglia portano gli attuali positivi a quota 41.749 Registrati anche 42 decessi di cui 24 in provincia di Bari. I guariti sono 15.912
Covid, Lopalco: «Indice Rt sotto 1, la Puglia potrebbe diventare "gialla"» Covid, Lopalco: «Indice Rt sotto 1, la Puglia potrebbe diventare "gialla"» L'assessore regionale alla Sanità: «Ho terrore del "liberi tutti". Valutiamo tamponi per chi rientra»
Stop agli spostamenti tra regioni per Natale, ecco il decreto del Governo Stop agli spostamenti tra regioni per Natale, ecco il decreto del Governo Il divieto sarà valido dal 21 dicembre al 6 gennnaio, il 25,26 dicembre e l'1 gennaio niente spostamenti nemmeno tra comuni
Disabilità e scuola in Puglia, con il Covid aumentano i problemi Disabilità e scuola in Puglia, con il Covid aumentano i problemi Cronica la mancanza di insegnanti di sostegno, che per un terzo non sono specializzati. E le diverse ordinanze Emiliano degli scorsi mesi non hanno aiutato
Il Covid dimezza la centrale operativa 118 di Bari, contagiati 15 dipendenti su 30 Il Covid dimezza la centrale operativa 118 di Bari, contagiati 15 dipendenti su 30 La Uil denuncia: «Nella sanità locale ci sono deficit di personale insostenibili già in tempi "normali"»
Scuola, Emiliano: «In Puglia tutti mi chiedono Dad fino al 7 gennaio» Scuola, Emiliano: «In Puglia tutti mi chiedono Dad fino al 7 gennaio» Domani scade l'ordinanza regionale che disciplina la didattica mista per elementari e medie
Coronavirus, focolaio in una Rssa di Conversano. Il sindaco: «Attendiamo notizie ufficiali» Coronavirus, focolaio in una Rssa di Conversano. Il sindaco: «Attendiamo notizie ufficiali» Sembra che siano almeno 40 i contagi tra gli ospiti e che siano positivi anche alcuni operatori
Aumentano i contagi a Noicattaro, chiuse le scuole fino al 12 dicembre Aumentano i contagi a Noicattaro, chiuse le scuole fino al 12 dicembre Il sindaco Raimondo Innamorato: «Decisione presa insieme ai due dirigenti degli istituti cittadini»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.