palazzo di citta bari
palazzo di citta bari
Vita di città

Bari, i beni confiscati alla criminalità organizzata possono tornare a nuova vita

In pubblicazione sul sito del Comune l'avviso per la concessione a titolo gratuito in favore di soggetti privati

È in pubblicazione, sul sito del Comune, l'avviso per la concessione in uso a titolo gratuito di beni confiscati alla criminalità organizzata di proprietà del Comune di Bari in favore di soggetti privati.

La concessione in uso a titolo gratuito dei beni immobili è prevista per un periodo non inferiore a 6 anni, fino ad un massimo di 19 anni. La durata della concessione è rinnovabile, fermo restando il limite massimo dei 19 anni complessivi in relazione all'entità dei lavori di ristrutturazione effettuati o da effettuarsi sul bene immobile. All'avviso possono partecipare comunità (anche giovanili), enti, associazioni, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, comunità terapeutiche e associazioni di protezione ambientale.

I progetti delle attività da svolgere, ai fini dell'ammissibilità, dovranno concernere i seguenti ambiti di intervento: inclusione sociale e cittadinanza attiva (qualità della vita, giovani, anziani, sport, pari opportunità, apprendimento, accesso al lavoro, disabilità, minori), sviluppo di attività di natura culturale, tutela e valorizzazione del territorio (sviluppo sostenibile, turismo, sviluppo urbano e rurale, tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale, culturale ed artistico).

«Restituire spazi alla collettività e ai cittadini è la missione di ogni amministrazione pubblica – dichiara l'assessore al Patrimonio Vito Lacoppola -, a maggior ragione se si tratta di beni confiscati alla criminalità organizzata che sono frutto di illeciti ai danni delle persone o della città. Riempire di nuove energie e di nuova progettualità spazi a lungo inutilizzati significa poter scrivere una nuova storia di riscatto e di legalità a beneficio non solo del bene confiscato ma anche della comunità in cui questo è insediato. Sappiamo che non è un percorso facile ma l'amministrazione è pronta a sostenere le realtà che vorranno investire in un altro futuro per la città».

Le proposte progettuali saranno sottoposte all'esame di una apposita commissione, da nominarsi alla scadenza del termine di presentazione delle istanze, che valuterà le proposte progettuali secondo i seguenti criteri: qualità della proposta progettuale in termini di ricaduta sul territorio dal punto di vista sociale, culturale ed economico (punteggio massimo 30 punti); riqualificazione del bene di cui si richiede la concessione in uso a titolo gratuito, in base agli eventuali lavori di ristrutturazione e di adeguamento previsti per rendere lo stesso funzionale al progetto proposto (punteggio massimo 10 punti); tempi previsti per la funzionalità a regime della proposta presentata (punteggio massimo 10 punti). Riceveranno una valutazione migliore le proposte progettuali che sviluppino attività in favore dei giovani, di persone in condizione di disagio sociale, di ex detenuti, di persone con disabilità e quelle di promozione culturale.

I soggetti interessati dovranno presentare domanda in plico chiuso, contenente in due buste distinte il modello di domanda, debitamente compilato e accompagnato da copia di documento d'identità in corso di validità, e il progetto delle attività da svolgere presso l'immobile prescelto e degli eventuali interventi manutentivi da eseguire. Le schede relative a ciascun immobile sono visionabili presso la ripartizione Patrimonio, in viale Archimede n.41/A, previo accordo con il personale. Il sopralluogo agli immobili di interesse dovrà essere richiesto con istanza sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto richiedente. I beni sono concessi a titolo gratuito a seguito di stipula di contratto-convenzione.

Il sopralluogo presso gli immobili di interesse dovrà essere richiesto, con istanza sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto richiedente, presso la ripartizione Patrimonio, concordando la data di con il personale della Ripartizione. I beni sono concessi a titolo gratuito a seguito di stipula di contratto-convenzione.
  • Comune di Bari
  • antimafia
  • mafia
Altri contenuti a tema
Welfare mafioso e infiltrazioni nelle categorie colpite dalla crisi, la mafia a Bari si arricchisce col Covid Welfare mafioso e infiltrazioni nelle categorie colpite dalla crisi, la mafia a Bari si arricchisce col Covid Ecco cosa emerge dal rapporto semestrale della DIA, Bellomo: «La criminalità organizzata mostra capacità di adattarsi alle mutevoli situazioni»
Aggressione alla giornalista Rai Mazzola, chiesti 3 anni per Laera Aggressione alla giornalista Rai Mazzola, chiesti 3 anni per Laera L'inviata venne aggredita al quartiere Libertà, la decisione del giudice si avrà il 15 aprile
Bari, un albero in memoria di Giovanni Palatucci, ultimo questore di Fiume Bari, un albero in memoria di Giovanni Palatucci, ultimo questore di Fiume Per lui una medaglia d’oro al Merito Civile, è stato riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei
Un'esecuzione per ottenere il potere, ecco chi e perché ha ucciso Domenico Capriati a Bari Un'esecuzione per ottenere il potere, ecco chi e perché ha ucciso Domenico Capriati a Bari La vittima, dopo anni di prigione, stava cercando di ritornare ai vertici dell'associazione mafiosa, ma la sua morte ha stravolto gli equilibri
Omicidio Capriati, tre arresti della polizia a Bari Vecchia Omicidio Capriati, tre arresti della polizia a Bari Vecchia I fatti avvenuti nel 2018, l'uomo fu sorpreso vicino casa mentre era in auto con la moglie
Morto a Santo Domingo "Ciccio" Cavallari, l'ex re Mida delle case di cura a Bari Morto a Santo Domingo "Ciccio" Cavallari, l'ex re Mida delle case di cura a Bari Aveva 84 anni, il suo nome legato alla struttura fantasma rimasta incompiuta in via Fanelli, unico "colpevole" alla fine del processo
Bari si unisce all'appello per liberare Patrick Zaki e aderisce a "Poster for tomorrow" Bari si unisce all'appello per liberare Patrick Zaki e aderisce a "Poster for tomorrow" Edizione speciale del contest dedicato al giovane ricercatore promossa da Amnesty International
Estorsioni, rapina e lesioni, arresti tra Bari e Putignano Estorsioni, rapina e lesioni, arresti tra Bari e Putignano Le indagini hanno permesso di documentare le diversie azioni compiute, da maggio a ottobre dello scorso anno
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.