asl bari
asl bari
Scuola e Lavoro

Asl Bari riprende l'inter per le progressioni orizzontali, i sindacati «Agitazione sospesa»

Cgil, Cisl, Uil e Fials esultano: «Non faremo mai mancare la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro»

«Nel corso dell'incontro di ieri, preso atto delle aperture della direzione strategica, le scriventi in data 18 novembre hanno comunicato al prefetto e al questore di Bari la sospensione dello stato di agitazione del personale della Asl Bari e revocato momentaneamente il sit-in di protesta del 20 novembre p.v. Consci delle tante difficoltà che i lavoratori stanno vivendo, non faremo mai mancare la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e il rispetto dei diritti contrattuali». Lo scrivono in una nota congiunta Cgil, Cisl, Uil del pubblico impiego e Fials, annunciando lo sblocco da parte di Asl Bari delle procedure per corrispondere la progressione economica orizzontale ai dipendenti.

Le quattro sigle sindacali proseguono spiegando che sono stati superati «Gli ostacoli» ed è stata «Data la stura ad una nuova fase contrattuale. Riprende l'iter che a breve consentirà di attribuire le progressioni economiche orizzontali con decorrenza primo gennaio 2020 a quei lavoratori che, con smisurata abnegazione, negli ultimi mesi stanno dando ampia prova di professionalità».

Nella nota si legge anche: «Sbloccate le procedure di riesame delle valutazioni della performance individuali di seconda istanza relative agli anni 2017-2018-2019. Riportate le procedure di mobilità di urgenza nell'alveo del vigente regolamento aziendale. Avviato un filo diretto con la direzione strategica per monitorare l'efficacia dei protocolli per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro».


  • Cgil
  • Asl Bari
  • cisl
  • uil
  • fials puglia
Altri contenuti a tema
Il Covid dimezza la centrale operativa 118 di Bari, contagiati 15 dipendenti su 30 Il Covid dimezza la centrale operativa 118 di Bari, contagiati 15 dipendenti su 30 La Uil denuncia: «Nella sanità locale ci sono deficit di personale insostenibili già in tempi "normali"»
Ospedale di Putignano, attiva "piastra" ambulatoriale per visite ed esami non Covid Ospedale di Putignano, attiva "piastra" ambulatoriale per visite ed esami non Covid Operative le postazioni di Cardiologia e Chirurgia generale e il servizio di ecografia
Covid, il sindaco di Altamura: «Sistema sanitario non può far fronte». Asl Bari: «Potenziati tamponi e servizi ospedalieri» Covid, il sindaco di Altamura: «Sistema sanitario non può far fronte». Asl Bari: «Potenziati tamponi e servizi ospedalieri» Melodia attacca: «Ci sono gravi mancanze». L'azienda sanitaria si difende: «Postazione Usca con 12 medici garantisce test e assistenza domiciliare»
Tamponi in auto, a Bari e in provincia attive 14 postazioni drive through Tamponi in auto, a Bari e in provincia attive 14 postazioni drive through Il dipartimento di prevenzione della Asl ha potenziato l’attività di screening con percorsi sicuri e differenziati per gli utenti
Asl Bari, test molecolari anti Covid periodici per gli operatori sanitari Asl Bari, test molecolari anti Covid periodici per gli operatori sanitari L’attività di screening è partita dal San Paolo. Tamponi ogni 15 giorni nei centri riconvertiti e ogni 30 giorni nelle altre strutture ospedaliere
Covid, l'ospedale di Altamura completa la riconversione. Dimessi primi 12 pazienti Covid, l'ospedale di Altamura completa la riconversione. Dimessi primi 12 pazienti In un mese 100 pazienti ricoverati in nell'area dedicata al trattamento del Coronavirus, 27 in Rianimazione
Il pronto soccorso di Altamura non è chiuso, la precisazione di Asl Bari Il pronto soccorso di Altamura non è chiuso, la precisazione di Asl Bari Nel pomeriggio di ieri chiesto solo al 118 di: "Rallentare l'invio di pazienti Covid, dando precedenza ai codici rossi Covid e dislocando i codici lievi in altre sedi"
Disabili gravissimi, Asl Bari eroga la seconda "finestra" del contributo per l'emergenza sanitaria Disabili gravissimi, Asl Bari eroga la seconda "finestra" del contributo per l'emergenza sanitaria Ammesse le prime 200 domande pervenute dal 9 giugno in poi. I distretti sono già al lavoro per esaminare altre 600 pratiche
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.