Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli
Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli
Speciale

Agricoltura, il Conte Spagnoletti Zeuli: «Nei prossimi due anni ci giochiamo il futuro di questo settore»

La prima parte dell'intervista al Presidente emerito di Confagricoltura e leader dell'associazione RESTART curata dalla nostra redazione

Riforma della PAC (Politica Agricola Comune), e proposte per risollevare le sorti del settore agricolo, che oggi affronta numerosi ostacoli. Sono questi i temi dell'intervista a cura della nostra redazione con il Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli, tra i più noti imprenditori agricoli in Puglia che ha ricoperto incarichi a livello regionale e nazionale in Confagricoltura, oggi presidente emerito e leader dell'associazione RESTART (Rete di Esperienze per lo Sviluppo e la Tutela dell'Agricoltura, della Ruralità e del Territorio).

In primo piano la riforma della PAC per il periodo 2021-2027, approvata dal Parlamento Europeo dopo il trilogo con il Consiglio e la Commissione UE. «Credo di poter dire liberamente – spiega il Conte Spagnoletti Zeuli- che siamo alla terza riforma fondiaria: significa esproprio delle terre, ovvero tolgono alle grandi aziende per dare a quelle più piccole che però non sono sul mercato e non fanno occupazione. Nella PAC toglierei gli aiuti a tutti quelli che fanno l'autoconsumo, perché non danno occupazione. Inoltre hanno aggiunto altra burocrazia, pensiamo per esempio alla condizionalità sociale: abbiamo già il DURC, le leggi sul caporalato e tanti altri provvedimento. Per avere questi quattro soldi io per primo rinuncerei alla PAC. Mi auguro che gli agricoltori capiscano il dramma a cui andiamo incontro».

Negli ultimi tempi il settore agricolo attraversa un momento difficile, come spiega il Conte Spagnoletti Zeuli: «Nei prossimi due anni ci giochiamo il futuro della nostra agricoltura: per le tante difficoltà che stiamo attraversando noi imprenditori agricoli della provincia Bat abbiamo scritto a tutti i politici. L'agricoltura non ha colori: durante la pandemia gli agricoltori sono stati bravi a continuare a lavorare, a tenere gli scaffali pieni, a dare cibo. Nella FAO si parla di fame nel mondo e della popolazione che entro il 2030 aumenterà sensibilmente: invece di incrementare per fare cibo, la Comunità Europea vuole diminuirlo. Inoltre equipara l'olivicoltura, per i costi che ha, a un pascolo».

Il "Conte contadino", come ama spesso definirsi, suggerisce alcune proposte: «È vergognoso che l'olio d'oliva della nostra provincia, per le sue caratteristiche e le qualità organolettiche, vada equiparato a quello ligure, toscano e siciliano, che costano molto di più, mentre noi, tra l'altro, registriamo un Prodotto interno lordo nettamente negativo. Vedo anche un senso di rilassamento tra i responsabili economici nazionali: eravamo primi nell'olio e siamo diventati terzi dopo la Spagna e la Grecia. Proprio per quanto riguarda l'olio d'oliva, il nostro oro verde, bisognerebbe finalmente cominciare a fare controlli più seri: non riesco a capire perché nel vino si controllano bene i flussi di entrata e uscita dalle cantine, mentre non si fa lo stesso per l'olio. Inoltre non possiamo paragonarci a un olio di otto linee, perché i parametri dimostrano una qualità nettamente superiore».

A cura di Antonio D'Oria

  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Conte Spagnoletti Zeuli: «Agricoltura prima industria in Puglia. Siccità? Bisogna tesorizzare l'acqua» Conte Spagnoletti Zeuli: «Agricoltura prima industria in Puglia. Siccità? Bisogna tesorizzare l'acqua» La seconda parte dell'intervista al Presidente emerito di Confagricoltura e leader dell'associazione RESTART
NO CAP seleziona 50 braccianti extracomunitari da inserire nella filiera bio-etica contro il caporalato NO CAP seleziona 50 braccianti extracomunitari da inserire nella filiera bio-etica contro il caporalato Il raccolto sarà trasformato in conserve di pomodoro bio a marchio “IAMME” distribuite nei supermercati del Gruppo Megamark
Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Migliaia di cinghiali assediano le campagne: protesta degli agricoltori a Bari Secondo le stime di Coldiretti Puglia, sono 250mila gli animali selvatici in Puglia, 15% in più rispetto al 2020.
Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Caldo e afa in Puglia, siccità nei campi e animali in stress Le mucche a causa delle alte temperature stanno producendo fino al 15% circa di latte in meno rispetto ai periodi normali
Troppo caldo in Puglia, stop al lavoro nei campi dalle 12.30 alle 16 Troppo caldo in Puglia, stop al lavoro nei campi dalle 12.30 alle 16 Il presidente Emiliano ha firmato oggi una ordinanza apposita, dopo le tragiche notizie dei giorni scorsi
Puglia, per valorizzare coltura del carrubo nasce il progetto CE.SI.R.A. - CEratonia SIliqua Puglia, per valorizzare coltura del carrubo nasce il progetto CE.SI.R.A. - CEratonia SIliqua Sono otto i partner del territorio afferente ai comuni di Ostuni, Fasano e Monopoli, coordinati dall’Azienda Agricola Olère
Prezzi troppo bassi per le ciliegie, agricoltori protestano gettandole in strada Prezzi troppo bassi per le ciliegie, agricoltori protestano gettandole in strada Succede a Casamassima, il sindaco Giuseppe Nitti: «Siamo disponibili ad un incontro finalizzato a guardare al futuro»
Crimini contro il comparto agricolo a Bari, troppo poche le denunce Crimini contro il comparto agricolo a Bari, troppo poche le denunce È quanto emerso da un incontro tenutosi ieri in Prefettura
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.