inaugurazione biblioteca antonio cafaro
inaugurazione biblioteca antonio cafaro
Enti locali

Ad Adelfia la prima biblioteca in provincia di Bari riqualificata dal bando regionale. Emiliano: «Cultura per tutti»

Nuova vita per gli spazi della "Antonio Cafaro", aperti alla multimedialità per grandi e piccini. Il sindaco Cosola: «Spostamento a Canneto? Erano voci infondate»

Una nuova vita per la biblioteca "Antonio Cafaro" a servizio del Comune di Adelfia, la prima della Città metropolitana di Bari a essere ristrutturata da cima a fondo grazie al bando Community library della Regione Puglia. Questa mattina l'inaugurazione alla presenza del sindaco Giuseppe Cosola e del governatore della Regione Puglia Michele Emiliano, mentre alle 19:30 è prevista l'apertura alla cittadinanza intera.

Un intervento importante per gli spazi nel rione Montrone della cittadina a due passi da Bari. La Ohh-Teca si apre alla multimedialità, con computer, maxi schermi, sale di apprendimento ludico per i bambini, caffetteria e una grande e confortevole aula lettura, oltre agli immancabili testi antichi e contemporanei che nella nuova "Antonio Cafaro" ricevono una collocazione strutturata e intelligente.

Novità fra le novità sono la pinacoteca, la fonoteca e le tre biciclette chiamate Bici-Scambio-Teca, volte alla diffusione dei testi della biblioteca per le strade di Adelfia. La biblioteca di Montrone, costruita negli anni '80, è stata finanziata dalla Regione con 760 mila euro per l'allestimento degli ambienti e la realizzazione di servizi che garantiscono ergonomicità, facilità di utilizzo, rispetto per l'ambiente.
26 fotoInaugurazione biblioteca di Adelfia
Inaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di AdelfiaInaugurazione biblioteca di Adelfia
A tagliare il nastro, accompagnato dall'assessore regionale all'Ambiente Gianni Stea (adelfiese di origine), dai ragazzi delle scuole cittadine e da una comunità in giubilo, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, che dice: «Abbiamo spinto tutti i comuni pugliesi a presentare progetti per costruire luoghi interconnessi, multimediali, dov'è possibile stare insieme per far cultura. Ad Adelfia sono stati bravi e veloci a gestire i lavori: il sindaco e la giunta hanno utilizzato bene il danaro che gli avevamo messo a disposizione».

Da parte della Regione, quindi, un investimento sostanzioso nella cultura, con più di 100 milioni stanziati per il bando Community library in favore dei comuni pugliesi. «In tutta la Puglia abbiamo finanziato 120 milioni di euro per le Community library - continua Emiliano. Un investimento in cultura poderoso, di cui sono orgoglioso. I cittadini sono più liberi se si continua ad apprendere e se si fa della cultura un punto di riferimento quotidiano».

Ovvia soddisfazione filtra anche dagli ambienti della giunta comunale guidata dal sindaco Giuseppe Cosola. Sulla "Antonio Cafaro", infatti, nei primi mesi del mandato si erano venute a creare polemiche per un paventato spostamento a Canneto, l'altro rione della città di Adelfia. Polemiche che il primo cittadino respinge al mittente con fermezza: «Lo spostamento a Canneto non era mai stato deciso - dice Cosola. Erano le solite voci di chi è contrario a far crescere il nostro paese. Noi fin dai primi giorni abbiamo lavorato per intercettare i bandi regionali che ci avrebbero consentito di ristrutturare questa biblioteca. Ne è venuta fuori una cosa meravigliosa e spero che diventi un centro per tutto il paese, che sia una cosa trasversale», conclude il sindaco.
  • Michele Emiliano
Altri contenuti a tema
La Puglia si candida a regione europea dello Sport La Puglia si candida a regione europea dello Sport Emiliano e Piemontese premiano le eccellenze della nostra terra
Emiliano si salva. Mozione di sfiducia responta Emiliano si salva. Mozione di sfiducia responta Era stata presentata dal centrodestra
Riunione maggioranza su sanità, le dichiarazioni di Emiliano Riunione maggioranza su sanità, le dichiarazioni di Emiliano «Non c’è bisogno di un nuovo assessore, abbiamo deciso di gestire la delega alla sanità con tutto il Consiglio regionale»
Emiliano convocato dall'Antimafia il prossimo 2 maggio Emiliano convocato dall'Antimafia il prossimo 2 maggio Ma il Governatore teme strumentalizzazioni per il voto di fiducia in Regione
Infiltrazioni in Puglia e a Bari: l'antimafia ascolterà Emiliano e  Rossi Infiltrazioni in Puglia e a Bari: l'antimafia ascolterà Emiliano e Rossi Non sono ancora state fissate le date
Regione, frenata sul rimpasto di giunta: Emiliano pronto alle consultazioni Regione, frenata sul rimpasto di giunta: Emiliano pronto alle consultazioni Sfumato l’azzeramento dell’esecutivo, si fa strada l’ipotesi della sostituzione dei due assessori dimissionari
Riunione di maggioranza, «proseguire il dialogo tra Pd e M5S». La nota di Emiliano Riunione di maggioranza, «proseguire il dialogo tra Pd e M5S». La nota di Emiliano «Ribadito che la giunta non è mai stata coinvolta nelle ultime vicende giudiziarie
Caos Arti, fuori Pisicchio. Emiliano chiarisce: «Era un incarico di natura temporanea» Caos Arti, fuori Pisicchio. Emiliano chiarisce: «Era un incarico di natura temporanea» Il presidente: «La nomina è stata effettuata perché aveva dato assicurazioni che le indagini a suo carico erano state chiuse con archiviazione»
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.