antonio decaro
antonio decaro
Calcio

Titolo Bari, insinuazioni su favoritismi ai De Laurentiis: Decaro non ci sta

Il primo cittadino ha risposto con una lunga lettera a chi lo accusava di aver scartato la proposta degli Hartono, oggi al Como

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, è intervenuto questa sera, 28 gennaio, a margine delle polemiche social sulla mancata assegnazione del titolo sportivo del Bari ad altre compagini rispetto alla famiglia De Laurentiis. Sotto la lente di ingrandimento di alcune testate e dei tifosi, ad esempio, la presunta mancata presa in considerazione degli Hartono, i facoltosissimi proprietari indonesiani del Como, oggi in corsa per la A diretta.
Il primo cittadino ha così risposto:

«Una squadra di calcio non è del suo presidente, né dell'allenatore, né dei giocatori, tantomeno del sindaco. È dei suoi tifosi. Per questo, di fronte a risultati che non arrivano e a prestazioni "imbarazzanti" (come ha definito la partita di ieri lo stesso allenatore Marino) non solo è legittimo ma anche naturale che i veri proprietari della squadra, ovvero i tifosi appunto, manifestino, civilmente, la loro delusione.

C'è però qualcuno che puntualmente, ad ogni sconfitta della squadra, tira in ballo la mia persona, accusandomi di aver pilotato la manifestazione d'interesse del 2018, per assegnare il titolo sportivo alla famiglia De Laurentiis. In particolare, ultimamente va di moda una versione dei fatti secondo la quale io abbia intenzionalmente trascurato l'offerta dei fratelli indonesiani Hartono, in seguito divenuti proprietari del Como.

Ebbene, chi mette in giro questa favoletta dimentica (o finge di dimenticare) che in quel nefasto 2018, con il Bari fallito, si decise di dare luogo a una procedura pubblica (la manifestazione di interesse) con tanto di regole precise e ineludibili (il documento è disponibile sul sito del Comune) e una commissione, proprio a tutela del futuro del titolo sportivo.

La più semplice di queste regole imponeva ai partecipanti, come si fa in qualunque bando, anche per l'assegnazione in comodato di una palestra o di un campetto sportivo, di presentare una domanda con determinate caratteristiche minime e dei documenti da allegare. L'offerta degli Hartono non è MAI arrivata in questa forma. Anzi, possiamo dire che dagli indonesiani non è mai arrivata una vera e propria offerta. Arrivarono, al suo posto, delle fotocopie di una brochure pubblicitaria di una sigaretta elettronica e di un canale sportivo. La commissione ha dunque escluso tutti i soggetti, compresi gli Hartono, che non avevano presentato la documentazione. È obbligatorio, e lo si fa a tutela della trasparenza e della parità dei diritti di tutti i proponenti.

Colgo l'occasione per spiegare ancora una volta che, nonostante io in quella tormentata estate abbia fatto decine di sondaggi, pubblici e privati, e centinaia di telefonate in giro per l'Italia (e fuori), non ho mai avuto alcuna notizia dell'interesse della famiglia Moratti, che non ha partecipato alla manifestazione di interesse. A un certo punto un professionista del settore sportivo mi fece informalmente delle domande sul Bari, ma solo molto tempo dopo l'assegnazione del titolo ho capito che in realtà erano in nome e per conto di Massimo Moratti.

In definitiva, le due offerte più autorevoli e qualificate in campo erano quella dei De Laurentiis e quella di Lotito (un'altra potenziale multiproprietà).

Tutti questi particolari li ho raccontati pubblicamente in diverse interviste, ma evidentemente non è bastato.
Io sono sempre lì, a soffrire, nello stesso posto, allo stadio: primo tempo in tribuna d'onore, secondo in tribuna ovest superiore, dove compro l'abbonamento ogni anno, insieme ai soliti amici. E capisco, da tifoso, prima che da sindaco, lo stato d'animo di frustrazione di tutti di fronte a una stagione che sta dando soprattutto delusioni. E se per addolcire questa pillola serve un capro espiatorio, va bene, sono pronto. Del resto sono dieci anni che per qualunque problema mi sento dire che "la colpa è di Decaro".

Se però qualcuno, con queste storielle montate ad arte, vuole far intendere che ci sia stato un interesse mio personale nell'assegnare il titolo a questo piuttosto che a quell'altro, beh, stia molto attento, perché mi conoscete, sono pronto a scherzare su qualunque cosa, tranne che sul mio onore e sulla mia reputazione.
Forza Bari, sempre».

Antonio Decaro
  • Antonio Decaro
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Pareggia anche lo Spezia: il Bari ancora in corsa per la salvezza diretta Pareggia anche lo Spezia: il Bari ancora in corsa per la salvezza diretta La classifica completa dopo la 34ª giornata
Bari-Pisa 1-1, Giampaolo: «Mancato solo il goal». Maita: «Retrocedere? Sarebbe un fallimento» Bari-Pisa 1-1, Giampaolo: «Mancato solo il goal». Maita: «Retrocedere? Sarebbe un fallimento» Il mister: «Sorpresi dal modulo degli avversari». Il centrocampista: «Portiamo la nave in porto». Aquilani: «Dovevamo chiuderla»
Bari e Pisa non si fanno male, è 1-1 al San Nicola Bari e Pisa non si fanno male, è 1-1 al San Nicola Goal nerazzurro con Calabresi in avvio, pareggio di Puscas su rigore nella ripresa
Bari-Pisa, le probabili formazioni Bari-Pisa, le probabili formazioni Giampaolo ed Aquilani con qualche dubbio
Bari-Pisa, arbitra il leccese Pezzuto Bari-Pisa, arbitra il leccese Pezzuto Il match in programma al San Nicola alle 14.00
La Nord ai calciatori del Bari: «Vogliamo 11 leoni» La Nord ai calciatori del Bari: «Vogliamo 11 leoni» Confronto tra squadra ed ultras al Vittoria Parc Hotel di Palese
Verso Bari-Pisa, sono 25 i convocati di Giampaolo. Torna Kallon Verso Bari-Pisa, sono 25 i convocati di Giampaolo. Torna Kallon Fuori dalla lista gli acciaccati Diaw e Guiebre. A disposizione Di Cesare e Sibilli
SSC Bari, ufficializzato lo staff tecnico di Federico Giampaolo SSC Bari, ufficializzato lo staff tecnico di Federico Giampaolo Nicola Di Leo sarà il vice allenatore. Vito Di Bari collaboratore tecnico
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.