bari foggia. <span>Foto ssc bari</span>
bari foggia. Foto ssc bari
Calcio

Stanco e sprecone , ma per il Bari un punto guadagnato nel derby. E sugli spalti torna il “priscio”

Il pareggio contro il Foggia al San Nicola mantiene viva la striscia utile dei biancorossi, penalizzati da un arbitraggio inadeguato

La striscia di vittorie si ferma a quattro, ma quella di risultati utili sale a dieci. E tanto basta per dire che il punto preso dal Bari dopo il pareggio 1-1 nel derby con il Foggia al San Nicola è tutto di guadagnato. Anche se il Catanzaro si avvicina a -4, ma alla decima di campionato è tutto ancora molto relativo.

Il Foggia, come tutte le squadre di Zeman, è sempre un'incognita; il Bari di Mignani riesce ad arginare l'imprevedibilità delle azioni offensive rossonere, ed è già qualcosa per i biancorossi, non nella loro migliore versione.

Primo tempo equilibrato, con il Bari che prova a fare la partita e il Foggia che cerca di ripartire sfruttando la qualità dei singoli e la coralità di squadra. Resta il grosso rammarico per quello che accade al 28', quando Ferrante salta stile attaccapanni in area rossonera, ferma un pallone diretto in porta col braccio alto ma per l'arbitro Gualtieri (gravemente insufficiente) non c'è un rigore che a tutti gli altri è apparso solare. Però il Bari è il Bari, e se c'è una qualità che di questa squadra abbiamo imparato ad apprezzare è la resilienza: i biancorossi non demordono, e al 43' trovano il meritato vantaggio con Maita, bravo ad approfittare di un pastrocchio della difesa rossonera.

Però qualcosa del Bari non convince, ed è la prima volta. Mignani punta tutto sulla strana coppia Marras-Cheddira per prendere in velocità la difesa altissima di Zeman, e con i lanci del centrocampo tutto qualità Mallamo-Maita-D'Errico le occasioni potenzialmente pericolose non mancano. Però se Botta si accartoccia su giocate deliziose ma poco a fuoco e D'Errico si vede solo per una clamorosa occasione sparata addosso alla difesa dei satanelli, allora per il Bari si fa tutto più difficile. I biancorossi, al solito, non la chiudono (spreca anche Ricci, comunque fra i migliori), e quando Terranova si rende autore di una papera decisamente inattesa per uno come lui, il Foggia ne approfitta. Ferrante tira un mancino potente e preciso, Frattali ci resta secco.

E stavolta il Bari non ha la forza, fisica ancor prima che mentale, per tornare a fare il suo gioco come se nulla fosse. Il segnale dato da Mignani un minuto prima del goal foggiano è chiaro: via D'Errico, dentro Bianco per proteggersi un minimo e fare un po' di legna. Stavolta non la azzecca, e ci può anche stare dopo una serie di scelte più che indovinate. Gli ingressi di Antenucci, Simeri, Belli e Citro (finalmente, a otto mesi dall'infortunio) non spostano di una virgola l'inerzia della gara, passata nelle mani dei rossoneri che in casa della capolista non sfigurano, anzi. Il Bari alla fine paga un po' di - naturale - stanchezza. La condizione brillante vista nelle ultime partite, tutto sommato, può anche essere un'anomalia contando il ritiro bruciato dal Covid e la rivoluzione portata a termine nelle ultime ore di mercato. Il calo finale ci sta.

Insomma, cosa resta di questo derby? Un arbitraggio inadeguato al calcio professionistico, e anche tanti spunti su cui lavorare per migliorare un giocattolo che funziona, ma potrebbe funzionare ancora meglio. E poi i 20.431 del San Nicola, uno spettacolo dopo due anni di porte chiuse, di pandemia, di inquietudine. Non era scontato, con la diretta tv in chiaro, la Champions League in contemporanea e i prezzi non esattamente popolari (anche se gli sconti per donne, under14 e over65 sono assolutamente da ripetere).

C'è un fatto che da queste prime dieci giornate emerge con chiarezza: questo Bari ha fatto di nuovo appassionare Bari alla maglia biancorossa. Un'impresa che sembrava disperata dopo l'epilogo amaro dell'anno scorso. A Bari si usa l'intraducibile termine "priscio" per descrivere situazioni analoghe: entusiasmo, sogni a occhi aperti, magari anche un po' di voli pindarici e di fughe in avanti. Ma va bene così, il tifo passionale è anche questo. Un patrimonio da non disperdere, un tesoretto da conservare e incrementare. E, nonostante il pareggio, il derby con il Foggia continua a dire a Mignani, Polito e ai calciatori che la strada è quella giusta.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
SSC Bari, Frattali: «Ad Avellino penalizzati dall’arbitraggio. Abbiamo dimostrato carattere» SSC Bari, Frattali: «Ad Avellino penalizzati dall’arbitraggio. Abbiamo dimostrato carattere» Il portiere biancorosso: «Inutile recriminare, bene il punto su un campo difficile. La mia parata più bella? Quella su Bombagi»
Il Bari promosso all’esame del carattere. La “battaglia” di Avellino inaugura il dicembre della verità Il Bari promosso all’esame del carattere. La “battaglia” di Avellino inaugura il dicembre della verità Pareggio del Partenio che lascia qualche rimpianto ai biancorossi, ma anche una prova di maturità contro un avversario temibile
Avellino-Bari 1-1, Mignani: «C’è rammarico. Noi bravi a non cadere nelle provocazioni» Avellino-Bari 1-1, Mignani: «C’è rammarico. Noi bravi a non cadere nelle provocazioni» Il mister: «Quando non riesci a vincerla è bene non perderla». Mallamo: «Rigore? È andata bene così»
Pari e patta nel big match. Avellino e Bari si fermano sul segno X: 1-1 al Partenio Pari e patta nel big match. Avellino e Bari si fermano sul segno X: 1-1 al Partenio Biancorossi avanti con il rigore di Antenucci nel primo tempo, la riprende Kanoute nel finale
Verso Avellino-Bari, Mignani: «L’affronteremo con la massima tensione. Sintetico? Non è un problema» Verso Avellino-Bari, Mignani: «L’affronteremo con la massima tensione. Sintetico? Non è un problema» Il mister all’antivigilia: «I punti sono tutti importanti, lunedì saremo pronti. Polito? Mi ha scelto lui, devo ripagarlo sul campo»
SSC Bari, Paponi: «Qui sto bene, è la mia rinascita. Voglio portare la squadra in B» SSC Bari, Paponi: «Qui sto bene, è la mia rinascita. Voglio portare la squadra in B» L’attaccante biancorosso: «Siamo tutti titolari, lavoriamo per sfruttare le occasioni. Ad Avellino andremo per vincere»
Serenità, equilibrio e qualità: il Bari torna a correre. Ora il mese della verità Serenità, equilibrio e qualità: il Bari torna a correre. Ora il mese della verità La vittoria sul Latina conferma i biancorossi nelle individualità e nell’idea di gioco. Ma si può ancora migliorare tanto
Bari-Latina 3-1, Mignani: «Temevo questa partita, i risultati danno serenità» Bari-Latina 3-1, Mignani: «Temevo questa partita, i risultati danno serenità» Il mister: «Serve equilibrio, all’interno e all’esterno». Mazzotta: «Troppi errori in costruzione». Di Donato: «Biancorossi squadra “maliziosa”»
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.