michele mignani. <span>Foto ssc bari</span>
michele mignani. Foto ssc bari
Calcio

SSC Bari, si presenta Mignani: «Sono un allenatore concreto». Polito: «Antenucci nostro bomber»

Il neo tecnico: «Il mio 4-3-1-2 non è un dogma. L’occasione più importante della carriera, farò di tutto per non perderla»

«Un grande orgoglio essere stato scelto dal Bari, una piazza importante e per me è una grande responsabilità. La società e il direttore mi hanno trasmesso entusiasmo, non è stato difficile trovare un accordo. Non sono abituato a fare delle promesse, nessuno ha certezze; credo tanto nel lavoro e nei rapporti. Qui ci sono tutti gli ingredienti per raggiungere un obiettivo importanti». Sono le prime parole "biancorosse" di Michele Mignani, neo allenatore del Bari, presentato oggi in conferenza stampa.

Un endorsement che arriva anche da Ciro Polito, il direttore sportivo biancorosso: «Mignani è una scelta dovuta alle conoscenze. Ha tratto sempre il massimo dalle sue squadre; è una persona di poche parole, ma quando parli di calcio con lui ti rasserena. Ha una struttura di gioco consolidata con il 4-3-1-2, un modulo che mi piace. Ha sempre subito poco, in C è fondamentale. Non ha vinto? Ci sarà una prima volta. Non ho fatto casting, quelli li fa Maria De Filippi: sono convinto che Mignani e il suo staff ci daranno soddisfazioni».

Qualche prima certezza per la squadra del futuro già sembra esserci. Ancora Poito: «Antenucci è il giocatore più rappresentativo, sarà il nostro bomber e costruiremo la squadra attorno a lui. Di Cesare è il capitano, per vincere ci vogliono i punti fermi; affronteremo il discorso con lui, vorrei che facesse parte del nostro organico».

Parlando di sé e del suo gioco, Mignani spiega: «Solo attraverso il lavoro e i risultati posso rasserenare l'ambiente. Il calcio è semplice: fare un goal più degli altri e prenderne uno in meno. Si può interpretare in mille maniere, ma bisogna avere organizzazione nel non possesso e veloci nell'avere intuizioni per far male agli altri. i giocatori vanno messi nelle condizioni di fare ciò che devono; è più facile per gli attaccanti avere una palla pulita di una palla sporca. Ci sarà sempre un'idea concreta: difesa a quattro, centrocampo a tre, attacco a tre per togliere i riferimenti e far male agli avversari. Sono un allenatore concreto. Bisogna cercare di essere pragmatici».

Pragmatismo che vuol dire anche versatilità: «Il mio modulo non è un dogma – spiega Mignani. Il trequartista può essere di tanti tipi, quelli di qualità e con meno forza o quelli con più gamba per attaccare gli spazi. Dei tre attaccanti ne cercheremo uno bravo a farsi trovare alle spalle del centrocampo avversario e sfruttare i movimenti degli attaccanti per andare verso la porta. In tutte le squadre è importante il centrocampo; il centrocampista moderno deve saper fare tutto, qui c'è qualche calciatore su cui stiamo ragionando ma qualcosa la dovremo fare. Porteremo calciatori completi. Valuteremo con il direttore i giocatori in scadenza di contratto; lavoreremo tanto per costruire una squadra forte».

Mignani dice, inoltre, di sentirsi «Pronto, non puoi scegliere il momento ma devi coglierlo al volo. Ho sempre allenato le mie squadre come se fossero il Real Madrid: quando metti tutto te stesso in quello che fai puoi camminare a testa alta. È l'occasione più importante della mia carriera, farò sì che non sia un'occasione persa. Ci vogliono tante componenti per vincere. La base c'è, poi ci vogliono lavoro, conoscenza e fortuna. Dobbiamo costruire una squadra con forza morale e interiore. Nel calcio di oggi bisogna fare punti e perderne meno possibili: se non puoi vincere una partita, non devi perderla. Ci sarà mentalità vincente, ma l'importante è sempre fare punti e non avere rimpianti a fine anno. La continuità di risultati può essere un segreto; gli scontri diretti sono probabilmente le partite più difficili da gestire. Chi crede nel lavoro è avanti un pezzo».

La modestia sembra, a primo impatto, una delle qualità migliori di Mignani: «Non sono giovanissimo e nemmeno anziano. Ho allenato nel settore giovanile, ho fatto il collaboratore di Beretta, poi sono partito da solo con Olbia, Siena e Modena. Questa è un'occasione troppo importante per me, la società ha avuto coraggio perché ci vuol poco a leggere il mio curriculum. Credo anche, però, che qualcosina ho fatto: se il direttore non è un pazzo, allora ha visto qualcosa in me. Chi vuol fare questo mestiere non deve avere paura di nulla. Al San Nicola sono venuto la prima volta a 19 anni con la Spal; è sempre bello giocare in queste piazze, perché c'è fame di calcio».

A concludere, il presidente Luigi De Laurentiis ha detto: «Abbiamo tantissimo entusiasmo ed energie per il prossimo campionato. La prima base solida è stata Ciro Polito, direttore sportivo motivato con cui abbiamo esaminato diversi allenatori fino ad arrivare alla conclusione giusta. Il terzo tassello? Fateci lavorare per scegliere la giusta rosa. Fame e mentalità non sono scontati al giorno d'oggi».

  • ssc bari
  • luigi de laurentiis
  • ciro polito
  • michele mignani
Altri contenuti a tema
SSC Bari, aumentano i positivi. In totale sono 11 SSC Bari, aumentano i positivi. In totale sono 11 Dieci presenti in ritiro più uno rimasto a casa, l'ultimo comunicato risulta vaccinato
SSC Bari, De Laurentiis: «Casi Covid monitorati ogni giorno. Multiproprietà? Aspettiamo decisione Figc» SSC Bari, De Laurentiis: «Casi Covid monitorati ogni giorno. Multiproprietà? Aspettiamo decisione Figc» Parla il presidente: «Polito è un leader, con Mignani c’è sintonia. Nelle prossime settimane via alla campagna abbonamenti»
SSC Bari, 7 giocatori in ritiro positivi al Coronavirus SSC Bari, 7 giocatori in ritiro positivi al Coronavirus Il Club ha attivato tutte le procedure previste dal protocollo, annullata la prima amichevole
La “guerra” della Figc alle multiproprietà, il futuro della SSC Bari a un bivio? La “guerra” della Figc alle multiproprietà, il futuro della SSC Bari a un bivio? L’obbligo di cessione creerebbe un caso di giurisprudenza. Unica certezza: alla FilmAuro conviene costruire una squadra da B
SSC Bari, acquistato il difensore Belli dal Pisa SSC Bari, acquistato il difensore Belli dal Pisa Nell'operazione è stato ceduto Filippo Berra alla squadra toscana
SSC Bari, arriva l'attaccante Walid Cheddira SSC Bari, arriva l'attaccante Walid Cheddira Sarà a disposizione di mister Mignani sin dal ritrovo della truppa biancorossa nella sede del ritiro di Lodrone di Storo
SSC Bari, Di Cesare: «Mi piacciono le strade difficili. L’anno scorso un fallimento, ora vietato sbagliare» SSC Bari, Di Cesare: «Mi piacciono le strade difficili. L’anno scorso un fallimento, ora vietato sbagliare» Il capitano dopo il rinnovo: «Di me e Antenucci non si può dire nulla sulla presenza in spogliatoio. Pressione? Chi non la vuole scelga altre piazze»
SSC Bari, Di Cesare ancora in biancorosso: contratto rinnovato fino al 2022 SSC Bari, Di Cesare ancora in biancorosso: contratto rinnovato fino al 2022 Ufficiale: ceduto Neglia alla Reggiana a titolo definitivo. Annunciato lo staff di Mignani, il 18 si parte per Lodrone
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.