bari cavese. <span>Foto ssc bari</span>
bari cavese. Foto ssc bari
Calcio

Il Bari si ferma ancora: per i biancorossi è notte fonda. Tutti in ritiro per salvare il salvabile

Lo stentato pareggio contro la Cavese ha acuito i problemi della squadra. Fra club e tifoseria lo scollamento pare insanabile  

Silenzio stampa e ritiro fino a data da destinarsi. La SSC Bari decide di non decidere, dopo il pareggio interno con la Cavese quantomeno "deludente". La società sceglie la scossa "morbida" (una scossetta) per aiutare questo brutto Bari a uscire dalla spirale critica in cui è finito, e per cui – al momento – non si vede via d'uscita.

La partita con la Cavese è difficile da commentare: acchiappare il pari contro l'ultima in classifica, in casa, e dover alla fine tirare anche un sospiro di sollievo per non aver perso è davvero troppo. Non bastano le assenze, le pressioni, i malumori a giustificare la pressoché totale inconsistenza della squadra al cospetto di un avversario, la Cavese di Campilongo, che avrebbe meritato di portare via la posta piena dal San Nicola.

Il Bari, di fatto, esce di scena alla mezz'ora, dopo aver colpito una traversa con De Risio e aver sfiorato il goal con i tiri di Ciofani e Maita. Quando Bubas si infila in area approfittando della lentezza elefantiaca della difesa del Bari (di Sabbione, nella fattispecie) per firmare il vantaggio dei campani, allora si apre l'ennesimo psicodramma di una stagione fatta di troppi perché. Il pareggio arriva con l'unico tiro in porta della ripresa, sull'unico errore difensivo della Cavese: colpo di testa di D'Ursi (il più piccolo di tutti), bacetto al palo e goal. Almeno la faccia è salva. La traversa di Matera in pieno recupero è un segno della benevolenza degli dei del pallone.

Troppo poco per una squadra che – anche davanti alle evidenti carenze della rosa – continua a essere protetta dalla società con dichiarazioni d'intenti sovradimensionate rispetto ai fatti.

Nel tritacarne della critica finiscono un po' tutti: da Romairone ad Auteri, dai calciatori alla proprietà, per la prima volta messa in discussione insieme al progetto sportivo del Bari targato De Laurentiis. E, d'altra parte, lo stesso diesse non ha fatto molto per distendere gli animi. La conferenza stampa a commento del mercato ha lasciato molti tifosi perplessi, e le inquietudini hanno trovato conferma nella partita sciagurata di ieri. «Abbiamo due giocatori per ruolo, la rosa è completa», aveva detto Romairone. Sta di fatto, però, che le concomitanti assenze di Antenucci, Cianci, Andreoni, Semenzato e Celiento hanno costretto Auteri a portare in panchina appena 6 giocatori di movimento, e il solo Citro come reale alternativa di qualità agli 11 titolari.

L'unica nota positiva arriva da Sarzi Puttini, che dopo l'esordio horror a Teramo si riscatta rilevando l'acciaccato Rolando e servendo l'assist a D'Ursi. Il resto? Notte fonda. La presenza di Candellone in attacco continua a non convincere: il ragazzo si impegna, ci mette buona volontà, ma di segnare neanche l'idea. Per sostituire Antenucci (anche contro l'ultima in classifica, a questo punto) ci vorrebbe ben altro. «L'esterno non ci serviva, l'ho cercato perché non mi accontento mai», ha detto sempre Romairone. Eppure il tecnico ha dovuto riadattare Ciofani a destra, vista la fragilità fisica di Andreoni e la poca affidabilità di Semenzato, al netto della squalifica. In difesa, poi, se manca Celiento è buio pesto: ogni duello in velocità è un duello perduto. Insomma, troppi conti non tornano.

E Auteri? Una parte della tifoseria organizzata ne chiede la testa già da settimane, qualche altro parzialmente lo assolve. La verità, come al solito, sta nel mezzo. Il tecnico siciliano, il cui rapporto con la tifoseria si è scollato forse irrimediabilmente dopo le dichiarazioni di Bisceglie, non è riuscito a dare una vera identità di gioco alla squadra, intestardendosi su un modulo (il 3-4-3) che lascia costantemente in difficoltà il centrocampo, e che non trova il suo sbocco naturale sulle fasce. Contro avversari ben chiusi come la Cavese, il Bari va in tilt. Il mister ha lasciato partire un valido elemento come Hamlili senza neanche provarlo, e ogni volta tenta l'atteggiamento più spregiudicato (il 4-2-4) solo quando l'acqua è arrivata alla gola.

La crisi, quindi, non è congiunturale: l'intera esperienza tecnica non ha convinto. Se De Laurentiis continua a dire che il Bari può lottare per la promozione diretta, la realtà racconta una storia molto diversa. La Ternana, pur pareggiando a Palermo, rimane a +11, ormai irraggiungibile, e i biancorossi devono ringraziare il Bisceglie per aver fermato l'Avellino, distante ancora 4 punti.

È chiaro, ormai, che questa scelta del ritiro serve solo a cercare di salvare quel che si può salvare della gestione Auteri e della direzione di Romairone. Un placebo e nulla più. Tuttavia l'obiettivo della B non è sfumato: il Bari può e deve difendere il secondo posto e fare la voce grossa nei playoff, come non è riuscito a fare in campionato. Però il tempo corre, e le prove d'appello sono finite. Domenica con la Viterbese mister Auteri si gioca la panchina, e tutto il progetto di questo Bari si gioca la sua credibilità.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Troppi spettatori in tribuna ad Avellino, la SSC Bari: «Nessun esposto presentato» Troppi spettatori in tribuna ad Avellino, la SSC Bari: «Nessun esposto presentato» Non sarebbe stataa società biancorossa a sollevare il caso del Partenio. Multati i campani
Un Bari senza capo né coda, il secondo posto vola via nella mediocrità generale Un Bari senza capo né coda, il secondo posto vola via nella mediocrità generale La sconfitta di Avellino conferma la pochezza tecnica, tattica e caratteriale dei biancorossi di Carrera. Ai playoff servirà un miracolo
Fella-goal, l'Avellino fa festa. Bari ko nello scontro diretto: 1-0 al Partenio Fella-goal, l'Avellino fa festa. Bari ko nello scontro diretto: 1-0 al Partenio L'ex Monopoli la decide nel finale. Biancorossi arrendevoli, senza idee e senza cambi: addio secondo posto
Verso Avellino-Bari, Carrera: «Partita determinante. Giochiamola con la testa libera» Verso Avellino-Bari, Carrera: «Partita determinante. Giochiamola con la testa libera» Il mister alla vigilia: «Sfida che si prepara da sola, serve “incoscienza”. Sabbione? Non sarà del gruppo, valutiamo Sarzi»
Il Bari sceglie la via della concretezza, minimo sforzo per sperare nel secondo posto Il Bari sceglie la via della concretezza, minimo sforzo per sperare nel secondo posto Il successo centrato a Vibo Valentia riaccende le ambizioni dei biancorossi, che però palesano poche idee e tanti limiti
Al Bari basta Antenucci, un rigore per battere la Vibonese: 0-1 il finale Al Bari basta Antenucci, un rigore per battere la Vibonese: 0-1 il finale Il bomber ritrova la rete dopo due mesi di astinenza e dal dischetto regala i tre punti ai biancorossi. Avellino a -4
Vibonese-Bari, Ciofani e Maita tornano a disposizione Vibonese-Bari, Ciofani e Maita tornano a disposizione L'elenco dei convocati per la partita di oggi pomeriggio sul terreno del 'Luigi Razza' di Vibo Valentia
Campionato di serie C, posticipate 3 giornate si termina il 2 maggio Campionato di serie C, posticipate 3 giornate si termina il 2 maggio Nuove date per la 17a, 18a e 19a giornata di ritorno, ecco le modifiche che riguardano la SSC Bari
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.