Sparatoria via Piave
Sparatoria via Piave
Cronaca

Un'esecuzione per ottenere il potere, ecco chi e perché ha ucciso Domenico Capriati a Bari

La vittima, dopo anni di prigione, stava cercando di ritornare ai vertici dell'associazione mafiosa, ma la sua morte ha stravolto gli equilibri

Sono Domenico Monti detto "Mimmo u'biund", 62 anni, Christian De Tullio, detto "u'acidd", 30 anni, e Maurizio Larizzi, detto "u'guf", 38enne, i tre uomini arrestati dalla polizia di Stato per l'omicidio di Domenico Capriati, avvenuto a Japigia a novembre del 2018. Tutti e tre censurati e ritenuti, in particolare Monti e Larizzi, esponenti di primo piano della famiglia mafiosa dei "Capriati".

Le indagini, delegate alla sezione criminalità organizzata della squadra mobile della Questura di Bari, sono state avviate nelle fasi immediatamente successive l'evento delittuoso ed hanno consentito di determinare movente, mandante e autori dell'omicidio, maturata nel contesto mafioso delle famiglie "Larizzi/Monti". I numerosi elementi acquisiti nel corso delle indagini hanno consentito di accertare che, a decretare la "condanna a morte" di Domenico Capriati – figura di vertice del sodalizio di tipo mafioso "Capriati" – fosse stato l'emergente pregiudicato Maurizio Larizzi, intenzionato a liberarsi di un soggetto il quale, dopo l'uscita dal carcere, al termine di un lungo periodo di detenzione, era divenuto un ostacolo per lo sviluppo e la gestione dei propri illeciti interessi, legati soprattutto ai proventi derivanti dal traffico di sostanze stupefacenti.

La vittima, infatti, a seguito di un lunghissimo periodo di carcerazione, nell'intenzione di riprendere un ruolo egemone nell'ambito del clan, stava tentando di riorganizzare le fila del sodalizio di appartenenza. In tale contesto, era entrato in contrasto con altri soggetti di spicco all'interno del clan (in particolare proprio con Maurizio Larizzi e Domenico Monti). Dal canto suo, anche Larizzi aveva iniziato a ritagliarsi spazi più ampi all'interno del sodalizio mafioso ed era, pertanto, determinato a contrastare le pretese di Capriati e la sua ri-ascesa criminale, dopo la lunga carcerazione.

Dalle risultanze investigative è emerso che, a compiere l'azione di fuoco, fu un commando armato guidato dal pluripregiudicato Domenico Monti, anch'egli tornato libero dopo oltre vent'anni di reclusione per reati di mafia ed anch'egli mosso da vecchie ruggini proprio nei confronti della vittima. Per l'esecuzione dell'omicidio, Monti si avvalse della partecipazione del genero, Christian De Tullio, anch'egli censurato. In particolare, Monti e de Tullio, travisati ed armati, dopo aver atteso, nascosti nel cortile condominiale dell'abitazione di Capriati, che quest'ultimo giungesse dal Borgo Antico di Bari insieme al figlio ed alla moglie, a bordo della sua autovettura, lo avevano sorpreso sparando.

De Tullio utilizzò una pistola mitragliatrice cal. 7,65, mentre Monti in seguito al tentativo di Capriati di sfuggire ai colpi di mitraglietta fuggendo verso l'ingresso del portone dello stabile, sparò a sua volta ulteriori colpi di arma da fuoco, utilizzando una pistola cal. 9x21, colpendo la vittima al capo, quando era ormai riversa a terra. Capriati era morto il giorno seguente in ospedale.

L'omicidio è stato commesso con le modalità tipiche dell'azione mafiosa, affinché fosse chiara a tutti la portata esemplare dell'azione criminale. L'omicidio aveva portato ad una vera decapitazione dello storico clan "Capriati", portando ad uno stravolgimento degli equilibri della criminalità organizzata barese: l'accertamento dei fatti è stato, ovviamente, ostacolato dal contesto profondamente omertoso e dalla forza intimidatrice esercitata dai protagonisti, personaggi di rilevante caratura criminale.

La piattaforma indiziaria a carico degli indagati è caratterizzata sia dalle dichiarazioni dei collaboratori di Giustizia che, soprattutto, dalle conversazioni dei familiari di Capriati, intercettate, e dalle conversazioni tra gli stessi indagati. Le concrete modalità della condotta e la sua progettazione in chiave punitiva, al fine di affermare l'egemonia criminale, previo studio accurato del modus operandi e dell'obiettivo da colpire ad opera dei sicari, hanno consentito di ritenere sussistente la circostanza aggravante contestata della premeditazione.

  • Omicidio
  • antimafia
  • mafia
Altri contenuti a tema
1 Assuntela Messina: «Puglia continuerà lavoro di Stefano Fumarulo» Assuntela Messina: «Puglia continuerà lavoro di Stefano Fumarulo» La senatrice barlettana è già componente della Commissione Parlamentare Antimafia
Bari, morto il boss Giuseppe Mercante per tutti "Pinuccio U Drogat" Bari, morto il boss Giuseppe Mercante per tutti "Pinuccio U Drogat" Aveva 70 anni, era ricoverato al Policlinico
Omicidio al Libertà di Bari, potrebbe essersi trattato di "eccesso di legittima difesa" Omicidio al Libertà di Bari, potrebbe essersi trattato di "eccesso di legittima difesa" Stando al racconto della 17enne che ha confessato il delitto sarebbe intervenuta in difesa della madre e sarebbe stata colpita per prima dalla vittima
Omicidio al Libertà di Bari, confessa una 17enne Omicidio al Libertà di Bari, confessa una 17enne Due donne sono state ascoltate in Questura nel pomeriggio, la lite nata in seguito ad una diatriba per una eredità
Bari, omicidio Andolfi a Carrassi, arrestati mandanti ed esecutori Bari, omicidio Andolfi a Carrassi, arrestati mandanti ed esecutori I fatti avvenuti all'interno della lotta di mafia tra Anemolo e Capriati per il dominio del quartiere, i nomi degli indagati
Il Covid non ferma la mafia, arrestato un membro del clan Diomede per incendio aggravato Il Covid non ferma la mafia, arrestato un membro del clan Diomede per incendio aggravato Lo scorso 3 febbraio era stata data alle fiamme la vetrina di un negozio appena inaugurato
Welfare mafioso e infiltrazioni nelle categorie colpite dalla crisi, la mafia a Bari si arricchisce col Covid Welfare mafioso e infiltrazioni nelle categorie colpite dalla crisi, la mafia a Bari si arricchisce col Covid Ecco cosa emerge dal rapporto semestrale della DIA, Bellomo: «La criminalità organizzata mostra capacità di adattarsi alle mutevoli situazioni»
Aggressione alla giornalista Rai Mazzola, chiesti 3 anni per Laera Aggressione alla giornalista Rai Mazzola, chiesti 3 anni per Laera L'inviata venne aggredita al quartiere Libertà, la decisione del giudice si avrà il 15 aprile
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.