leggenonugualepertutti
leggenonugualepertutti
Cronaca

Uccisero un 24enne in un finto incidente per truffare l'assicurazione, tre condanne a 30 anni

I fatti risalgono al 2016, quando uno degli imputanti investì la vittima in un falso sinistro stradale sulla provinciale Adelfia-Cassano

Il gup del Tribunale di Bari Antonella Cafagna ha emesso una condanna alla pena di 30 anni di reclusione all'indirizzo di tre imputati, accusati di aver architettato la morte di un familiare facendolo investire da un'auto per truffare l'assicurazione e ottenere un risarcimento indebito.

I tre sono stati condannati per i reati di omicidio volontario premeditato e truffa assicurativa. Si tratta di Anna Masciopinto, suocera della vittima, il fratello della Masciopinto, Vito D'Addabbo, che uccise materialmente il 24enne Girolamo Perrone guidando l'auto dell'investimento, e Rocco Michele Caringella, pregiudicata. La sentenza è stata pronunciata al termine del processo celebrato con il rito abbreviato.

I fatti avvennero il 5 ottobre del 2016, quando si verificò l'incidente stradale sulla provinciale Adelfia-Cassano delle Murge. Le indagini dei carabinieri furono coordinate dalla pm di Bari Luciana Silvestris. I militari trovarono sul posto D'Addabbo, conducente della Fiat Punto responsabile dell'investimento, il quale riferì di aver investito un pedone che aveva improvvisamente attraversato la strada.

Perrone morì alcuni giorni più tardi a causa delle gravi ferite riportate. Gli accertamenti, condotti anche mediante intercettazioni telefoniche e ambientali e supportati dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, hanno consentito di ricostruire la vicenda.

A tessere il piano per il finto incidente sarebbe stato Caringella, con precedenti specifici per truffe, insieme con la Masciopinto. I tre imputati furono arrestati nel gennaio 2018 e tuttora si trovano in carcere.
  • Truffa
  • tribunale di bari
  • Falso incidente
Altri contenuti a tema
Nuovo polo della giustizia di Bari, Decaro scrive a Mattarella: «Condizioni non più sopportabili» Nuovo polo della giustizia di Bari, Decaro scrive a Mattarella: «Condizioni non più sopportabili» Il sindaco: «Da gennaio non abbiamo più notizie. Il processo per il crac della Banca popolare dimostra che gli spazi in fitto non sono idonei»
Crac Popolare di Bari, quasi 3mila richieste di parti civili. Per il processo si pensa alla Fiera Crac Popolare di Bari, quasi 3mila richieste di parti civili. Per il processo si pensa alla Fiera Le udienze potrebbero essere celebrate nello Spazio 7. Decaro: «Lunedì incontro in Prefettura. Troveremo una soluzione»
Crac Banca popolare di Bari, al via l'udienza per il processo Crac Banca popolare di Bari, al via l'udienza per il processo All'esterno dell'aula bunker di Bitonto centinaia di azionisti rappresentati dall'Unione nazionale consumatori
Covid-19, positivo un avvocato ma il Tribunale di Bari smentisce Covid-19, positivo un avvocato ma il Tribunale di Bari smentisce Lo rende noto Fp Cgil, però il presidente e il direttore amministrativo del palazzo di giustizia "archiviano la pratica"
Tribunale di Bari, l'ex giudice Bellomo va a processo Tribunale di Bari, l'ex giudice Bellomo va a processo Il gup accoglie l'istanza della difesa e revoca gli arresti domiciliare
Processo escort a Bari, per Tarantini condanna ridotta a 2 anni a 10 mesi Processo escort a Bari, per Tarantini condanna ridotta a 2 anni a 10 mesi La corte d'Appello dichiara cadute in prescrizione 14 delle 24 imputazioni contestate
Tribunale di Bari, udienza di sei ore per l'ex giudice Francesco Bellomo Tribunale di Bari, udienza di sei ore per l'ex giudice Francesco Bellomo Ha risposto punto su punto alle accuse mosse dalla Procura, davanti al Gup. Negata anche l'accusa di minacce al premier Conte
Truffe agli anziani, a Bari numero verde per le denunce e uno spot con Antonio Stornaiolo Truffe agli anziani, a Bari numero verde per le denunce e uno spot con Antonio Stornaiolo Secondo la polizia locale si tratta di finti tecnici o falsi funzionari che agganciano gli over 65 a casa, per telefono o anche online
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.