scuola post covid
scuola post covid
Scuola e Lavoro

Scuola, i rappresentanti d'istituto in coro: «Chiediamo sicurezze e garanzie per gli studenti»

L'Unione degli Studenti diffonde una lettera nel giorno del rientro in classe

Anche per gli studenti della città di Bari il rientro in classe dopo le vacanze non è stato semplice. La situazione epidemiologica che sta interessando tutta la penisola, con incrementi di contagi anche in Puglia e nella città di Bari non lascia tranquilli i rappresentanti di otto degli istituti superiori baresi, aderenti all'Unione degli studenti, che chiedono per tutta la popolazione scolastica «maggiori sicurezze e garanzie».

In una lettera, inviata agli organi di stampa, i rappresentanti degli studenti hanno definito «disastroso» il loro rientro tra i banchi scolastici.

«L'evoluzione della curva dei contagi avvenuta nelle scorse settimane rendeva chiara la necessità di trovare soluzioni adeguate per tutelare il diritto alla salute degli studenti della nostra città. In questo quadro drammatico crediamo che esistano delle responsabilità politiche gravi e ben precise e che non debbano essere più gli studenti a pagare sulla propria pelle le conseguenze delle scelte prese» si legge nel comunicato inoltrato alle redazioni giornalistiche.

«Nella maggior parte delle scuole - riferiscono gli otto firmatari della lettera - oltre a non essere stati effettuati screening, non sono state distribuite le mascherine, esponendo così molti e molte in classi ristrette al rischio di contagio. Inoltre, sono in tanti gli studenti che hanno dovuto assentarsi per paura di contrarre il virus, costretti a dover scegliere per l'ennesima volta tra diritto alla conoscenza e ai saperi e il diritto alla salute».

«Crediamo - continuano - che potrebbe essere utile in questo momento prendere in considerazione anche lo strumento della DAD, regolamentarne l'utilizzo a livello nazionale per garantire a tutti una didattica di qualità e limitarla ad un ristretto arco di tempo in cui intervenire urgentemente per ripristinare il tracciamento nell'ambiente scolastico e garantire la sicurezza necessaria nelle classi e nelle scuole».

Nella missiva anche la richiesta di attenzione alle istanze provenienti dal mondo scolastico. «Nonostante abbiamo vissuto con grande responsabilità i continui cambiamenti dettati dall'evoluzione pandemica, continuiamo a vedere i nostri diritti compromessi e le nostre richieste inascoltate. Per questo chiediamo delle risposte urgenti e immediate da parte della Regione Puglia e dall' Amministrazione cittadina sulle questioni che riteniamo essere fondamentali ad oggi».

E concludono: «Chiediamo mascherine ffp2 e tamponi gratuiti per la popolazione studentesca, per non far gravare ulteriormente sulle famiglie il costo di questi ultimi, priorità nelle vaccinazioni e un miglioramento del TPL, troppo sesso sovraffollato e inefficiente. Non vogliamo che la scuola resti, ancora una volta, un luogo dove non poter studiare in sicurezza e tranquillità».
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Maturità 2022, partiti con il tema di italiano. Il messaggio di Decaro: «Il futuro vi appartiene» Maturità 2022, partiti con il tema di italiano. Il messaggio di Decaro: «Il futuro vi appartiene» Fra le tracce Verga e Pascoli, ma anche Liliana Segre, il premio Nobel Giorgio Parisi, il Covid e la "musicofilia"
Il ministro Bianchi a Bari: "Le grandi eccellenze del Meridione passano anche dagli ITS" Il ministro Bianchi a Bari: "Le grandi eccellenze del Meridione passano anche dagli ITS" Visita all'ITS Apulia Digital Maker questa mattina
Scuola in sciopero, a Bari adesione massiccia Scuola in sciopero, a Bari adesione massiccia A Roma manifestazione con Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda e Anief
"La voce del Marco Polo", presentata la prima edizione del giornale scolastico "La voce del Marco Polo", presentata la prima edizione del giornale scolastico Un progetto cui hanno partecipato gli studenti nell’ambito del Pon “Apprendimento e socialità - inclusione e empowerment"
"Stop alle mascherine a scuola", il barese Sasso contro il Governo "Stop alle mascherine a scuola", il barese Sasso contro il Governo "Tali regole oggi sono anacronistiche, inopportune e controproducenti"
Da Bari alla Francia, gli studenti del Preziosissimo sangue al progetto Sonum Da Bari alla Francia, gli studenti del Preziosissimo sangue al progetto Sonum Alcuni saranno in presenza, altri in remoto
Approvato il nuovo calendario scolastico, si rientra il 14 settembre Approvato il nuovo calendario scolastico, si rientra il 14 settembre La giunta regionale ha deciso ieri per il prossimo anno, si termina il 10 giugno 2023
Docenti precari, 380 vincono il ricorso a Bari Docenti precari, 380 vincono il ricorso a Bari L’azione promossa era contro le discriminazioni tra assunti a tempo indeterminato e assunti a tempo determinato
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.