Ospedale
Ospedale
Enti locali

Screening gratuito al seno, ma che fine hanno fatto le lettere Asl?

In Puglia una comunicazione su tre torna indietro perché l'indirizzo è sbagliato

Il mese di ottobre è dedicato alla prevenzione del tumore al seno, ma in Puglia funziona la diagnosi precoce?

Secondo i dati emersi durante l'incontro "Tumore al seno: facciamo luce sul programma di screening in Puglia", organizzato da Europa Donna, la Puglia è fanalino di coda (quint'ultimo posto della classifica nazionale) per mammografia preventiva. Ma i dati dello screening primario non sono più confortanti: di circa 300mila donne pugliesi (fra i 50 e 69 anni) invitate a farlo, nel 2017, con lettera della propria Asl, hanno risposto mediamente 1 su tre. Visite gratuite, già prenotate per data e ora. Sarebbe proprio lì l'inghippo.

Sono stati segnalati due "disagi" organizzativi: non è facile per le Asl reperire gli indirizzi dove far arrivare la lettera/invito, ma anche un linguaggio troppo burocratico e poco convincente. "Per risolvere il primo problema - ha detto il consigliere regionale di Direzione Italia/Noi con l'Italia, Luigi Manca - la proposta è quella di richiedere la collaborazione dei medici di base nei quali data-base vi sono tutte le informazioni necessarie, per il secondo basterebbe un invito allo screening che ponga in evidenza l'importanza della prevenzione".

"Le politiche per la prevenzione del tumore alla mammella vanno potenziate, bisognerebbe preoccuparsi di aggiornare le anagrafiche delle ASL, dal momento che ad oggi migliaia di lettere inviate per invitare le donne pugliesi ad effettuare gli screening mammografici gratuiti previsti dal programma regionale tornano indietro perché l'indirizzo è sbagliato; così come vanno implementate le Breast Unit, dato che sono tante quelle annunciate, ma pochissime quelle che funzionano". Lo ha detto il consigliere regionale del M5S Mario Conca a margine del convegno.

Molte pugliesi, sempre secondo quanto emerso dall' incontro, pur rientrando nella fascia d'età ritenuta a rischio non sanno della possibilità di effettuare questi screening e non hanno mai ricevuto alcuna comunicazione in merito perché hanno cambiato domicilio o residenza e le ASL non hanno aggiornato le loro schede o peggio ancora non le hanno proprio inviate.
  • Igiene e salute pubblica
Altri contenuti a tema
Trapianti, anche a Bari arriva un rene "samaritano" Trapianti, anche a Bari arriva un rene "samaritano" La donazione alla collettività, libera e gratuita, effettuata al policlinico di Milano, ricevente un paziente barese
Tania Cagnotto a Bari madrina di un evento sulla prevenzione della meningite Tania Cagnotto a Bari madrina di un evento sulla prevenzione della meningite In piazza Ferrarese un minivillaggio dedicato al gioco e alla salute per famiglie e bambini per combattere le fake news
Influenza, settimana di picco ma la Puglia tra le regioni meno colpite Influenza, settimana di picco ma la Puglia tra le regioni meno colpite Nel Tacco d'Italia solo dieci casi gravi e due decessi. l consigli dei medici per evitare ulteriori contagi
Centri diurni, psicologi sul piede di guerra: "Ci stanno cancellando" Centri diurni, psicologi sul piede di guerra: "Ci stanno cancellando" Il presidente dell'Ordine: "Al Policlinico, nei distretti socio sanitari e nelle scuole le figure che si occupano di salute mentale stanno scomparendo"
Trapianto riuscito per il piccolo Alex, dal Bambin Gesù di Roma una nuova speranza Trapianto riuscito per il piccolo Alex, dal Bambin Gesù di Roma una nuova speranza Il bambino di 20 mesi, in attesa di trapianto di midollo osseo, è stato al centro di una rete di solidarietà che ha riguardato anche Bari
Giornata mondiale del diabete, a Bari stand e test gratuiti Giornata mondiale del diabete, a Bari stand e test gratuiti Appuntamento stamattina in corso Vittorio Emanuele e alla Biblioteca dei Ragazzi[e]
Finestre chiuse con lo scotch e un solo infermiere, lo scandalo del padiglione Chini a Bari Finestre chiuse con lo scotch e un solo infermiere, lo scandalo del padiglione Chini a Bari La denuncia dei pazienti ripresa dall'associazione SOS Città: «Si prendano provvedimenti affinchè un diritto del cittadino, non si trasformi in una tortura medievale
Teresa 101 anni e in piedi a 48 ore dall'intervento Teresa 101 anni e in piedi a 48 ore dall'intervento Il suo segreto le lunghe passeggiate a cui non sa rinunciare
© 2001-2019 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.