Scamarcio al Bif&st
Scamarcio al Bif&st
Eventi e cultura

Scamarcio protagonista al Bif&st, suo il Federico Fellini Platinum Award

In mattinata pienone di pubblico per l'evento che lo ha visto protagonista insieme a Piccioni e Porcaroli

Riccardo Scamarcio protagonista indiscusso della giornata di ieri al Bif&st.

In serata, al Teatro Petruzzelli, ha ritirato il Federico Fellini Platinum Award. «Sono felice di fare quello che faccio, ho avuto sì qualche delusione e ho qualche rimpianto, ma mi resta ancora tanta voglia di fare, sia da attore che da produttore».

E ieri mattina, sempre al Petruzzelli, Giuseppe Piccioni, Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli hanno registrato il tutto esaurito, sia per la proiezione di "L'ombra del giorno" che per l'incontro che ne è seguito, moderato da Marco Spagnoli.
"L'ombra del giorno" di Giuseppe Piccioni vede Scamarcio e Porcaroli assoluti protagonisti di una storia d'amore ambientata alla fine degli anni '30, nei giorni immediatamente precedenti all'entrata in guerra dell'Italia fascista, che presenta anche analogie con il presente. Un contesto storico racchiuso già nel titolo che, come ha spiegato il regista, fa riferimento a un periodo in cui il fascismo sembrava consolidato e invece mostrava le sue prime ombre.
A fare da sfondo, la città di Ascoli Piceno, dove Giuseppe Piccioni è nato e dove aveva già ambientato il suo primo film, "Il grande Blek" nel 1987.
«In questi anni - ha raccontato il regista - avevo sempre allontanato l'idea di tornare a girare nella mia città e questo un po' per scaramanzia, poiché avendovi ambientato il primo film mi sembrava che avrei dovuto chiudere un cerchio e dunque la mia carriera di regista. Ma a dire la verità, la scelta di Ascoli è stata casuale. La prima sceneggiatura, infatti, era ambientata a Roma ma avevamo difficoltà a trovare la location adatta e poi Roma è una città difficile dove girare, per il rumore, il caos e anche per i costi produttivi. Poi un giorno mi trovavo ad Ascoli, seduto al Caffè Meletti, e ho pensato che, per le sue caratteristiche, sarebbe stato perfetto per diventare il ristorante nel quale si svolge gran parte della vicenda narrata. Ho quindi chiamato Riccardo Scamarcio, che era subentrato a un precedente produttore, gli ho inviato delle foto, si è convinto e ha lasciato che rivedessi la sceneggiatura per adattarla al nuovo set. Penso che abbiamo fatto una scelta felice perché, con la provincia, la storia ha acquisito una dimensione più universale».
Sul suo ruolo di produttore del film, Scamarcio ha ricordato come inizialmente Piccioni gli avesse offerto solo il ruolo di attore. «Ci stavo mettendo un po' di tempo a leggere la sceneggiatura, tanto che a un certo punto Giuseppe mi ha chiamato per dirmi che avrebbe affidato il ruolo a un altro attore. Senonché quell'altro ha declinato l'offerta, io ho finalmente letto la sceneggiatura e ho trovato il copione bellissimo e la sicurezza che ne sarebbe risultato uno splendido film. Sono molto contento di averlo anche prodotto, è un'opera pura nella sua essenza che trova un aggancio emotivo nelle persone. È un film non solo romantico perché mette in scena personaggi che non sono eroici, che hanno i loro limiti e le loro meschinità, ma verso cui l'autore mostra indulgenza per poi assolverli, proprio come capitava in tanti capolavori di Scola o di Risi».
Benedetta Porcaroli ha detto che «raramente mi era capitato di leggere un copione con personaggi di tale umanità. Spesso nei copioni trovo delle semplificazioni nei personaggi che qui invece non ci sono. Benché il racconto sia in fondo semplice, vengono messi in scena conflitti profondi e complessi».
Della sua attività di produttore, Scamarcio ha osservato: «Mi sono reso conto che, paradossalmente, mi migliora come attore. Conoscere il film sotto tutti i punti di vista è un vantaggio perché la preparazione te la ritrovi nel momento di recitare. Le mie scelte da produttore riguardano e riguarderanno sempre e solo il cinema e più in particolare il cinema indipendente, artigianale, quello per cui non devo essere sottoposto ad alcun tipo di diktat. Non ho né la forza né le competenze per fare 'il prodotto' e non penso di voler produrre, ad esempio, per le piattaforme».
Sulla sua carriera di attrice iniziata in televisione con la serie "Tutto può succedere" e proseguita al cinema a partire da "Perfetti sconosciuti", Porcaroli ha dichiarato di sentirsi «molto fortunata, poiché ho avuto la possibilità di interpretare personaggi che ho amato, di sposare progetti in cui credevo e di lavorare con bravi registi e produttori che hanno creduto in me. Cerco quindi storie che mi possano stimolare, di fare cose nuove dalle quali io possa imparare e che mi permettano di non ripetermi. Dopodiché accettare ruoli così belli come quello di 'L'ombra del giorno' è la cosa più facile del mondo».
  • Bif&st
Altri contenuti a tema
Miriam Leone regina della serata finale del Bif&st, a lei il premio Anna Magnani Miriam Leone regina della serata finale del Bif&st, a lei il premio Anna Magnani L'attrice ha ottenuto il riconoscimento per la sua interpretazione in Diabolik, premio Monicelli per Tornatore
Bif&st diventa una fondazione, l'annuncio nel giorno della chiusura Bif&st diventa una fondazione, l'annuncio nel giorno della chiusura Le date delle prossime tre edizioni: dal 25 marzo al 1° aprile 2023, dal 16 al 23 marzo 2024 e dal 22 al 29 marzo 2025
Bif&st, ecco tutti i vincitori del Panorama Internazionale Bif&st, ecco tutti i vincitori del Panorama Internazionale Scelti dalla giuria presieduta da Giuseppe Piccioni e composta da Irene Gianeselli, Kristina Kudelova, Cristiana Paternò, Pierfrancesco Diliberto-Pif
Fabrizio Ferracane e Lina Siciliano premiati al Bif&st per Una Femmina Fabrizio Ferracane e Lina Siciliano premiati al Bif&st per Una Femmina Si sono aggiudicati il Premio Alberto Sordi per il migliore attore non protagonista e il Premio Mariangela Melato per l'attrice rivelazione
BariEcoCity contro il Bif&st: «Festival inutile e costoso» BariEcoCity contro il Bif&st: «Festival inutile e costoso» Secondo l'associazione l'evento non arricchisce e non valorizza la città e la Puglia
Al Bif&st a Bari arriva La Fortuna, debutto nella fiction per Alejandro Amenàbar Al Bif&st a Bari arriva La Fortuna, debutto nella fiction per Alejandro Amenàbar La visione sarà preceduta dalla consegna del Premio Federico Fellini ai cineasti dell’Ucraina a Daria Onyshchenko
Premio Morricone a Nicola Piovani, ecco la domenica del Bif&st Premio Morricone a Nicola Piovani, ecco la domenica del Bif&st Tutti gli appuntamenti in programma oggi
Trionfo per Alessandro Gassman al Bif&st, applausi scroscianti per "Il silenzio grande" Trionfo per Alessandro Gassman al Bif&st, applausi scroscianti per "Il silenzio grande" In sala con lui anche gli altri sceneggiatori della pellicola, Maurizio De Giovanni e Andrea Ozza
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.