castello svevo di bari
castello svevo di bari
Scuola e Lavoro

Puglia, i lavoratori dei servizi museali a rischio licenziamento

Proclamato lo stato di agitazione, nei prossimi giorni si terranno dei sit-in dinanzi ai siti museali e archeologici

La Direzione Regionale Musei della Puglia e la Direzione del MARTA di Taranto non hanno prorogato la concessione della gestione integrata dei servizi museali all'azienda Nova Apulia: «Senza preoccuparsi minimamente di ricercare soluzioni idonee a salvaguardare i livelli occupazionali».

È quanto denuncia Barbara Neglia, segretaria generale Filcams Puglia. La segreteria regionale del sindacato, unitamente alle segreterie territoriali di Bari, BAT, Brindisi e Taranto, ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori che gestiscono i servizi aggiuntivi museali e le biglietterie del Castello Svevo di Bari, del Parco Archeologico di Monte Sannace (Gioia del Colle) e del Castello di Gioia del Colle (con relativo bar), del Parco archeologico e museo di Egnazia, di Castel del Monte, del Castello di Trani, del Museo Nazionale archeologico MARTA di Taranto.

«Si tratta – spiega la segretaria generale della Filcams Puglia, Barbara Neglia - di 23 lavoratori attualmente inforza alla impresa Nova Apulia. La mobilitazione per contestare le decisioni della Direzione Regionale Musei della Puglia e della Direzione del MARTA di Taranto che non hanno prorogato la concessione della gestione integrata dei servizi museali alla suddetta azienda, senza preoccuparsi minimamente di ricercare soluzioni idonee a salvaguardare i livelli occupazionali dei lavoratori impiegati da oltre venti anni sul servizio, nonostante la nostra organizzazione stia sollecitando da l'internalizzazione dei servizi e dei lavoratori nella società Ales spa o, in alternativa, la pubblicazione del bando per il rinnovo della concessione dei servizi aggiuntivi e di biglietteria di tutti i siti museali pugliesi. Prevedendo però una formulazione della clausola sociale che garantisca la totale salvaguardia dei posti di lavoro e l'applicazione del CCNL sottoscritto dalle organizzazioni più rappresentative».

Considerato che la Direzione Musei della Puglia e la Direzione del MARTA di Taranto, anziché preoccuparsi di garantire i suddetti livelli occupazionali e rilanciare l'offerta turistica del territorio pugliese con servizi museali di qualità, hanno deciso di riaprire i siti culturali con ingresso gratuito e con l'utilizzo di una apposita app di prenotazione, e che a seguito della suddetta determinazione l'azienda Nova Apulia ha notificato i preavvisi di licenziamento ai lavoratori, la Filcams Puglia ha indetto la mobilitazione del personale con presidi di protesta dalle ore 10 alle ore 12 dei giorni:

24 maggio prossimi presso Castel del Monte
26 maggio presso il Castello Svevo di Bari
27 maggio presso il Museo Nazionale Archeologico MARTA di Taranto.
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
I sindacati contro il Governo sulla scuola: «Non si riapre per decreto» I sindacati contro il Governo sulla scuola: «Non si riapre per decreto» Ad un mese dall'inizio dell'anno scolastico sembrano ancora tanti i nodi da sciogliere per tornare in presenza
Sindacati in piazza a Bari contro il Decreto Sostegni Sindacati in piazza a Bari contro il Decreto Sostegni "L’obiettivo primario è conquistare la proroga della moratoria sui licenziamenti almeno fino al 31 ottobre"
Sindacalista ucciso a Novara, presidio di solidarietà a Bari Sindacalista ucciso a Novara, presidio di solidarietà a Bari A metterlo in atto la Camera del lavoro Autorganizzata - Cobas Bari davanti al Lidl nei pressi del Ponte Adriatico
Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta Domani mattina manifestazione davanti al provveditorato regionale in via De Gasperi
Disney chiude tutti i negozi in Italia, Bari ha fatto da apripista Disney chiude tutti i negozi in Italia, Bari ha fatto da apripista Qualche mese fa abbassata definitivamente la saracinesca in via Sparano, ora tremano 230 dipendenti
BRSI srl di Bitritto (Bari), 100 lavoratori a rischio BRSI srl di Bitritto (Bari), 100 lavoratori a rischio L'azienda ha denunciato in commissione di garanzia le segreterie provinciali di Fiom e Uilm per lo sciopero indetto il 12 maggio
Non solo Bari, Eataly chiude anche a Forlì Non solo Bari, Eataly chiude anche a Forlì Sono 85 in totale i dipendenti che rischiano il posto di lavoro
#RiapriAmoBari, la campagna social dei dipendenti Eataly contro la chiusura #RiapriAmoBari, la campagna social dei dipendenti Eataly contro la chiusura Sono 40 i lavoratori a tempo pieno a cui si aggiungono altri 14 part-time, tutti rischiano di restare senza lavoro
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.