Un bambino davanti ad un tablet
Un bambino davanti ad un tablet
Scuola e Lavoro

Scuola in Puglia, Romito (ANP): «Condivisione delle misure adottate»

Addio alla libertà di scelta che finora era stata aspramente criticata dal mondo scolastico

In Puglia si torna alla Didattica Digitale Integrata per tutti, senza la libertà di scelta laaciata alle famiglie nelle ultime ordinanze. E c'è soddisfazione su questo aspetto da parte dei sindacati, che fino a tarda notte sono stati impegnati ieri in un confronto con la Regione atto proprio alla stesura e approvazione della nuova ordinanza regionale.

«In queste ultime ore si confermano purtroppo le previsioni, nell'evoluzione epidemiologica, di un "peggioramento nel livello generale del rischio di contagio" - commenta Roberto Romito, presidente Associazione Nazionale Presidi Puglia - Questa è sostanzialmente la motivazione basilare della nuova ordinanza del Presidente Emiliano in materia di scuola e rischio pandemico. Non si tratta di chiusura delle scuole, in realtà le scuole effettueranno il passaggio alla DDI (didattica digitale integrata) con l'eccezione delle attività laboratoriali e della didattica inclusiva per disabili e alunni con bisogni educativi speciali, per i quali è prevista la presenza e a questi ultimi le scuole, sulla base di una loro autonoma valutazione, potranno aggiungere la "frequenza in presenza di quegli alunni che per varie ragioni non abbiano la possibilità avvalersi della didattica digitale integrata" non superando, tuttavia, il limite del 50% di ogni classe».

«Viene quindi a cadere la cosiddetta "libertà di scelta" sulla frequenza scolastica concessa impropriamente alle famiglie dalle precedenti ordinanze - aggiunge Romito - che costituiva il principale motivo del nostro dissenso in quanto rappresentava una vistosa anomalia della nostra scuola rispetto a quella del resto del Paese, oltre che ad essere in clamoroso contrasto con i principi costituzionali e gli assetti ordinamentali della scuola italiana. Questa novità, unita all'avvio della campagna di vaccinazione di coloro che lavorano nelle scuole, ci permette invece di esprimere oggi, pur nell'avversa contingenza che porta le scuole stesse ad un'ulteriore restrizione, condivisione nei confronti delle misure adottate e un moderato ottimismo per una pronta ripresa del sistema scolastico pugliese. Che speriamo potrà ripartire con una rinnovata fiducia nella sua capacità di contrastare la pandemia e la povertà educativa da essa indotta soprattutto nella parte più debole e disagiata della popolazione scolastica».
  • Scuola
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Scuola in Puglia, il Tar dà regione al presidente Emiliano Scuola in Puglia, il Tar dà regione al presidente Emiliano Respinto il ricorso contro l'ultima ordinanza valida fino al prossimo 14 febbraio
Emiliano torna a parlare di scuola in Puglia: “Se la vogliamo aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla” Emiliano torna a parlare di scuola in Puglia: “Se la vogliamo aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla” Il presidente lo ha sottolineato durante una riunione con i ministri Mariastella Gelmini e Roberto Speranza e i presidenti delle Regioni Italiane
Covid, 420 casi positivi in provincia di Bari: sono 9 i decessi Covid, 420 casi positivi in provincia di Bari: sono 9 i decessi Più di 10mila tamponi analizzati e 1154 contagi in Puglia
Vaccinazioni over 80, Lopalco: "Tutti i prenotati riceveranno la prima dose entro marzo" Vaccinazioni over 80, Lopalco: "Tutti i prenotati riceveranno la prima dose entro marzo" Sono stati 15mila i vaccinati nei primi tre giorni
È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar È caos scuola in Puglia, nuovo ricorso al Tar A proporlo di nuovo il Codacons Lecce dopo l'emanazione dell'ultima ordinanza Emiliano
1 Niente vaccinazioni a domicilio per gli over 80, Asl Bari: «Organizzazione differenziata» Niente vaccinazioni a domicilio per gli over 80, Asl Bari: «Organizzazione differenziata» Ignazio Zullo: «Mancanza di rispetto da parte di una sanità regionale che non riesce neppure a organizzarsi»
Welfare mafioso e infiltrazioni nelle categorie colpite dalla crisi, la mafia a Bari si arricchisce col Covid Welfare mafioso e infiltrazioni nelle categorie colpite dalla crisi, la mafia a Bari si arricchisce col Covid Ecco cosa emerge dal rapporto semestrale della DIA, Bellomo: «La criminalità organizzata mostra capacità di adattarsi alle mutevoli situazioni»
Covid, aumentano i contagi a Bari: 561 nuovi positivi Covid, aumentano i contagi a Bari: 561 nuovi positivi Sono 991 i casi in Puglia su 10925 tamponi analizzati
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.