“Non sto zitta!”, una lezione in rosso all’Università di Bari
“Non sto zitta!”, una lezione in rosso all’Università di Bari
Attualità

“Non sto zitta!”, una lezione in rosso all’Università di Bari

Un incontro per imparare a riconoscere la violenza di genere nel dipartimento di Giurisprudenza

L'Università degli studi di Bari, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ha ospitato un incontro organizzato dalla docente Ilenia Amati nell'aula Aldo Moro del dipartimento di Giurisprudenza.

Davanti al pubblico composto prevalentemente da studentesse, la docente ha avviato l'incontro facendo alzare dalla platea alcune spettatrici, vestite con un simbolico indumento rosso, e chiedendo loro di dire il proprio nome seguito dalla frase «non sto zitta». Sulla riga delle echeggianti parole della scrittrice Michela Murgia, nel suo libro «Stai zitta!», molteplici sono gli stimoli cui gli uditori vengono sottoposti circa la violenza di genere.

Durante il dialogo sono emerse alcune riflessioni: il modo di concepirsi donne è impregnato dai pregiudizi della società patriarcale, per cui ci si sente donne se si cattura l'attenzione, se ci si sa distinguere dalle altre donne. L'essere donna in modo generalista viene meno nel momento in cui chiamiamo per nome le vittime di femminicidio e indichiamo con appellativi i loro carnefici. "Smettiamo di essere donne quando giudichiamo e condanniamo i comportamenti delle nostre sorelle – è stato ribadito - Facciamo violenza di genere quando educhiamo i maschi in maniera differente rispetto alle femmine, perché i primi hanno bisogno di maggiore controllo. Dunque come non perdere la speranza se il mondo in cui viviamo ci riserva una vittima di femminicidio ogni due giorni? Come facciamo ad essere donne se veniamo private della nostra essenza?".

Secondo la docente, non è sufficiente dedicare una giornata a questo tema, non è sufficiente dedicare un'ora a scuola per educare alle emozioni: abbiamo bisogno di un cambiamento radicale che coinvolga tutte le associazioni educative, non soltanto la vita scolastica.

Presente all'incontro anche Marika Manicone, agente della Polizia di Stato della Questura di Monza e Brianza, che ha raccontato il suo lavoro nella sezione dei reati contro la persona in danno di minori e dei reati sessuali, spiegando la procedura effettuata dal corpo poliziesco in presenza di vittime di violenza.

Anche l'educatrice socio-pedagogica Vincenza Colonna, invitata a relazionare, è intervenuta per ricordare l'importanza delle case rifugio che ospitano donne in situazioni delicate e che offrono un reale supporto alle vittime di violenza.

Per concludere, viene sancito come un mantra un concetto essenziale: chiedere e offrire aiuto è fondamentale per salvare vite.
  • Università
  • Donne
  • Violenza sulle donne
Altri contenuti a tema
Accordi dell'Università di Bari con Israele: la protesta di "Cambiare rotta" Accordi dell'Università di Bari con Israele: la protesta di "Cambiare rotta" Lo scopo è chiedere al Rettore di mettere in discussione alcune collaborazioni, tra cui quella con la Marina Militare
Università di Bari, al Piccinni inaugurazione dell'anno accademico Università di Bari, al Piccinni inaugurazione dell'anno accademico Presente il botanico e saggista Stefano Mancuso. Il rettore annuncia: "il congelamento di collaborazioni con Paesi, Fondazioni e aziende che non rispettano i diritti civili e le libertà"
Al via a Bari il "Cerchio di Donne della Comunità" Al via a Bari il "Cerchio di Donne della Comunità" L’iniziativa è organizzata da segretariato sociale dell'assessorato comunale al Welfare
Uniba riapre l'ex Biblioteca Nazionale, ma per ora è solo sala lettura Uniba riapre l'ex Biblioteca Nazionale, ma per ora è solo sala lettura Necessario il tempo tecnico per spostare i volumi e catalogarli, non ci sono date certe al momento
Uniba compie 100 anni nel 2025, iniziati i festeggiamenti a Bari Uniba compie 100 anni nel 2025, iniziati i festeggiamenti a Bari Si è partiti riaprendo il cancello su piazza Umberto e l'ex Biblioteca Nazionale chiusa da 20 anni
«Il centro antiviolenza non richiama chi chiede aiuto», la denuncia di una donna da Bari «Il centro antiviolenza non richiama chi chiede aiuto», la denuncia di una donna da Bari La risposta della coordinatrice Marika Massara: «Rammaricata. Oltre 60 accessi in un solo mese, già provveduto ad aumentare il personale»
Università di Bari, parte la clinica legale “Il diritto per strada" Università di Bari, parte la clinica legale “Il diritto per strada" Il Dipartimento di Giurisprudenza ha aperto la selezione degli studenti per la quinta edizione del progetto
Università in Puglia: lo sviluppo sociale è tra gli obiettivi degli atenei Università in Puglia: lo sviluppo sociale è tra gli obiettivi degli atenei Fondamentale il ruolo dell'orientamento per guidare gli studenti
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.