ELISA BARUCCHIERI ELENA SOFIA RICCI JPG
ELISA BARUCCHIERI ELENA SOFIA RICCI JPG
Eventi e cultura

Nastri d'argento, menzione speciale per Barucchieri e il suo “Grido per un nuovo Rinascimento”

Il progetto è stato realizzato assieme a sua sorella Elena Sofia Ricci e al compositore Stefano Mainetti

La giuria dei Nastri d'Argento 2022 attribuisce una menzione speciale al progetto della coreografa pugliese Elisa Barucchieri, "Grido per un nuovo Rinascimento", realizzato assieme a sua sorella Elena Sofia Ricci e al compositore Stefano Mainetti. Un documentario fuori selezione, scelto tra 40 titoli finalisti, che "ha fotografato nel tempo sospeso della pandemia, sia le emozioni intime dei più giovani che le difficoltà personali e strutturali dell'intera comunità dello Spettacolo di fronte al tema del lavoro e ai problemi che hanno messo in crisi l'occupazione, anche se non la creatività, di un intero settore di vita culturale del Paese", si legge nella nota del premio. Il primo progetto che ha documento la crisi vissuta negli ultimi anni da tutte le categorie dei lavoratori dello spettacolo in Italia, è la cronaca di una mobilitazione che ha coinvolto attrici e attori, autori, musicisti, tecnici e maestranze nel nome del diritto al lavoro. La consegna del premio è in programma venerdì 6 Maggio alle ore 18, nello spazio della Regione Lazio SCENA.

"In mezzo al dolore la cosa che si può fare è tendersi la mano, lo abbiamo fatto in famiglia io, mia sorella e mio cognato poi questo bisogno si è trasformato in un'azione che ha coinvolto la nostra famiglia lavorativa. Questo riconoscimento è inaspettato e ci restituisce gioia rispetto a un momento drammatico che abbiamo vissuto. Ringrazio Mosaico studio e Res Extensa per la produzione e la dedizione incondizionata a questo progetto", commenta Elisa Barucchieri, in questi giorni a Tirana impegnata in un progetto internazionale.

Presentato per la prima volta al pubblico alla Festa del Cinema di Roma, il documentario nasce dall'omonimo evento spettacolare svoltosi al Teatro 8 degli Studios di Roma il 24 giugno 2020 a cui hanno partecipato tutte le categorie dei lavoratori dello spettacolo non come protesta, ma come proposta per cambiare un sistema che l'emergenza da covid-19 ha portato a galla. Tra i tantissimi artisti presenti, oltre alle due sorelle Elena Sofia Ricci ed Elisa Barucchieri, ricordiamo Massimo Ghini, Ferzan Ozpetek, Maria Pia Calzone, Paolo Genovese, Stefano Fresi, Paola Minaccioni, Vittoria Puccini, Diana Del Bufalo, Claudia Gerini, Massimiliano Gallo, Anna Foglietta, Pino Quartullo, Andrea Roncato, Irene Ferri, Matilde Gioli, Tosca D'Aquino e Francesca Chillemi. Musiche originali di Stefano Mainetti. Il progetto è stato realizzato con l'organizzazione di Mosaico Studio e ResExtensa Dance Company, fondata da Elisa Barucchieri.

"Abbiamo danzato sulle macerie. Tutti insieme: dall'acrobata al videomaker. Eravamo là. E l'emozione era un battito unico, potente, palpabile nell'aria. Simbolicamente, il nostro magnifico palazzo di arte, emozione e bellezza, che da anni soffriva di gravi problemi strutturali ad ogni livello, con il terremoto Covid, è crollato. È diventato macerie. Ma queste sono macerie preziose, uniche, fondamentali. Vanno salvate. E con queste, ora, possiamo ricostruire. Però questa volta con una nuova visione più giusta e più allineata all'Europa, e al ruolo che le arti hanno in una società sana. In questo lockdown abbiamo capito, uniti, quanto profondo fosse il dolore, quanto profonde fossero le crepe che stavano intaccando ogni azione culturale e artistica in questo paese, quante fossero le macerie dell'arte in Italia. Ora abbiamo la necessità di ricostruire, ma abbiamo l'opportunità, e il dovere, di costruire. Costruire il Nuovo Rinascimento", conclude Barucchieri.
  • Cinema
Altri contenuti a tema
Cinema, addio al giovane regista di Bari Nicola Curzio Cinema, addio al giovane regista di Bari Nicola Curzio Se ne va a 34 anni dopo una lunga malattia, tanti i messaggi di cordoglio via social
Cinema, Alessio Boni a Bari gira "Il maresciallo Fenoglio" Cinema, Alessio Boni a Bari gira "Il maresciallo Fenoglio" Lo stesso attore sulla sua pagina Facebook ufficiale ha postato un video delle riprese
"A classic horror story", il film del barese De Feo candidato al David di Donatello "A classic horror story", il film del barese De Feo candidato al David di Donatello La pellicola è uscita su Netflix lo scorso 14 luglio. La prima nomination per il regista pugliese
Torna dal 25 marzo al 1° aprile 2022 il Bif&st-Bari International Film&Tv Torna dal 25 marzo al 1° aprile 2022 il Bif&st-Bari International Film&Tv Questa mattina la conferenza di presentazione della 13esima
Il Bif&st omaggia il cinema ucraino, ai cineasti del Paese il Premio Federico Fellini Il Bif&st omaggia il cinema ucraino, ai cineasti del Paese il Premio Federico Fellini Il riconoscimento verrà consegnato nella serata del prossimo 28 marzo al Teatro Petruzzelli alla regista ucraina Daria Onyshchenko
Monica Vitti, il cordoglio del sindaco Decaro per la scomparsa dell'attrice Monica Vitti, il cordoglio del sindaco Decaro per la scomparsa dell'attrice «Ci mancano e che ci mancheranno ancora la sua versatilità, la sua personalità e la sua ironia»
Addio a Monica Vitti, fu a Bari per girare "Polvere di Stelle" con Sordi Addio a Monica Vitti, fu a Bari per girare "Polvere di Stelle" con Sordi La grande attrice è scomparsa all'età di 90 anni, da tempo si era ritirata dalle scene
Un cortometraggio contro la solitudine, ecco a voi Gek. Autore uno studente del De Nittis Un cortometraggio contro la solitudine, ecco a voi Gek. Autore uno studente del De Nittis Il diciannovenne Filippo Forte: “Quest'opera trasmette emozioni attraverso una palette di colori pop”
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.