L'aula magna dell'università di Bari
L'aula magna dell'università di Bari
Scuola e Lavoro

Michael, 35 anni, scappato dall'Eritrea e laureato a Bari

L'università cittadina consegnerà martedì la pergamena al primo studente-rifugiato ad ottenere il titolo in tre anni esatti

Si chiama Michael, ha 35 anni, è scappato dall'Eritrea nel 2010 ed oggi è il primo "studente-rifugiato laureato" dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

Martedì 19 novembre alle 14.30 nell'aula magna "Aldo Cossu", il rettore Stefano Bronzini consegnerà la pergamena di laurea a Michael, laureatosi in Scienze Politiche, in occasione del seminario "Valorizzazione dei titoli e delle competenze di migranti e rifugiati". Interverranno Francesca Romana Decorato della Fondazione Crui e Luigi Filice dell'ANDISU, che hanno finanziato la borsa di studio per Michael e altri 15 studenti internazionali titolari di protezione.

La storia di Michael


Michael arriva in Italia nel 2010, in fuga dall'Eritrea. Ottenuto lo status di rifugiato politico, dopo un periodo in Gran Bretagna, pur dovendo lavorare non rinuncia alla formazione universitaria. Vince la borsa di studio Crui/Ministero dell'Interno/Andisu, grazie a cui può iscriversi al corso di laurea in Scienze Politiche, Relazioni internazionali e Studi europei del Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Bari. Si laurea con una tesi sull'Eritrea nella politica estera italiana dal 1949 al '91. Nel suo Paese aveva conseguito il diploma in Scienze Infermieristiche e collaborato per due anni come assistente medico in un ospedale. Poi però, lavorando con organizzazioni internazionali che si occupano di migranti, ha scoperto che non solo gli piaceva la mediazione culturale ma ha capito che voleva studiare relazioni internazionali. Si avvicina con questa motivazione al Centro per l'Apprendimento Permanente dell'Università di Bari che nel frattempo stava portando avanti lo Short Master in "Immigrazione, diritto e pratiche di inclusione". Il C.A.P. lo ha aiutato ad ottenere i documenti necessari per l'iscrizione ai corsi accademici, occupandosi del riconoscimento dei titoli di studio pregressi, primo passo per l'integrazione accademica.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Università di Bari, quattro eventi digitali per la "Settimana europea delle biotecnologie" Università di Bari, quattro eventi digitali per la "Settimana europea delle biotecnologie" Le iniziative partono oggi e andranno avanti fino al prossimo 2 ottobre fra dibattiti e incontri per gli studenti delle scuole
Ricerche archeologiche subacquee, le tre università della Puglia insieme a Carovigno Ricerche archeologiche subacquee, le tre università della Puglia insieme a Carovigno Le indagini in corso si sono concentrate in tre punti della baia, che consentono di ricostruire la lunga storia di questo importante approdo
La fecondazione in vitro diventa 3D, una ricerca dell'Università di Bari La fecondazione in vitro diventa 3D, una ricerca dell'Università di Bari Un metodo per terapie più efficaci e per tutelare diverse specie a rischio
Università di Bari, la Croce rossa in servizio durante i test per le facoltà a numero chiuso Università di Bari, la Croce rossa in servizio durante i test per le facoltà a numero chiuso I volontari dell'associazione garantiranno lo svolgimento degli esami in sicurezza
Test di Medicina, Link Bari protesta: «Numero chiuso fallimento della sanità» Test di Medicina, Link Bari protesta: «Numero chiuso fallimento della sanità» L'associazione studentesca: «L'emergenza Covid ha reso più evidente problemi di carenza del personale e imbuti formativi»
Università di Bari, 2860 candidati per il test di medicina. Saranno divisi in 57 aule Università di Bari, 2860 candidati per il test di medicina. Saranno divisi in 57 aule Oggi le prove di ammissione. I posti disponibili sono 231 nella sede di Bari e 60 in quella di Taranto
Stop alle attività didattiche all'Università di Bari il 21 e 22 settembre Stop alle attività didattiche all'Università di Bari il 21 e 22 settembre Link: "Una vittoria, tutti gli studenti potranno recarsi alle urne ed esercitare il proprio diritto di voto"
Borse di studio, mancano risorse economiche: Regione Puglia stoppa il bando Covid Borse di studio, mancano risorse economiche: Regione Puglia stoppa il bando Covid A lanciare l'allarme è l'associazione Link Lecce: «La politica pugliese non riesce a sostenere misure da lei stessa approvate»
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.