universita di bari
universita di bari
Scuola e Lavoro

L'Università di Bari nel Meet, il progetto che studia l'evoluzione tettonica dell'Italia

Ricerca finanziata nell'ambito della Missione 4 “Istruzione e Ricerca” del Pnrr con 43 milioni di euro

Martedì 15 e mercoledì 16 novembre 2022 nella sede di Roma dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia si tiene il Kick Off Meeting del progetto infrastrutturale Meet (Monitoring Earth's Evolution and Tectonics) finanziatodal Ministero dell'Università e della Ricerca nell'ambito della Missione 4 "Istruzione e Ricerca" del Pnrr - Next Generation EU.

Lo scopo del progetto Meet è il miglioramento e l'implementazione delle reti scientifiche dedicate al monitoraggio e all'osservazione della Terra. Nel progetto saranno impegnati, oltre all'Ingv che ne è coordinatore, altre 8 eccellenze della ricerca italiana: il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), l'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS), l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro, l'Università degli Studi di Napoli Federico II, l'Università degli Studi Roma Tre, l'Università di degli Studi di Genova e l'Università degli Studi di Trieste. Meet nasce nell'ambito dell'European Plate Observing System (Epos) di cui l'Ingv è il capofila e ospita la sede legale dell'European Research Infrastructure Consortium (ERIC). La comunità scientifica italiana di riferimento Epos si è organizzata nella Joint Research Unit (JRU) EPOS-Italia che raccoglie molti degli Enti e delle Università co-proponenti del progetto Meet.

Quattro sono gli obiettivi principali del progetto, finanziati da un budget complessivo di 43 milioni di Euro:
● l'aggiornamento tecnologico delle grandi reti di osservazione e dei laboratori scientifici. L'Italia possiede reti sismologiche, geodetiche e geochimiche sull'intero territorio nazionale di grande valore e importanza scientifica con strumentazione che deve essere costantemente aggiornata e portata allo stato dell'arte.
● lo sviluppo di due Osservatori naturali: l'Osservatorio di Pizzi Deneri sull'Etna e Sos Enattos in Sardegna. Due osservatori unici al mondo, quello vulcanologico sull'Etna - il più alto osservatorio vulcanologico in Europa - e quello sismologico nella ex miniera di Sos Enattos per la registrazione di segnali sismici oggi sconosciuti.

● L'implementazioni di strumentazione scientifica nell'area dello Stretto di Messina, in Irpinia e nell'area dello Jonio meridionale. Nuove implementazioni di strumentazione scientifica nell'area dello Stretto di Messina, in Irpinia e nell'area dello Jonio meridionale. Per l'area dello Stretto di Messina e per l'Irpinia l'obiettivo è fare un salto di qualità nelle osservazioni e nella quantificazione dei processi geologici responsabili dell'accumulo della deformazione sulle faglie che danno origine ai forti terremoti che caratterizzano queste due aree. Inoltre, nell'area dello Jonio meridionale sarà installata una nuova strumentazione marina, ancora non presente nel Mediterraneo, in grado di osservare in mare aperto la propagazione di un'onda di tsunami.
● l'implementazione di piattaforme informatiche innovative di servizi per la scienza e la società mettendo in condivisione con tutta la comunità scientifica internazionale nel Portale Italiano per le Scienze della Terra le nuove risorse, i dati raccolti e i prodotti della ricerca secondo principi codificati a livello europeo, come Open Access e Fair (Findable Accessible Interoperable Reusable). I prodotti scientifici derivati dal progetto Meet saranno condivisi con l'intera comunità scientifica internazionale attraverso l'implementazione di servizi ICT per la scienza e la società realizzando piattaforme informatiche per le scienze della Terra e per l'osservazione dallo spazio. Scopo di questa parte del progetto è mettere in connessione le conoscenze e i saperi nell'ambito delle geoscienze provenienti per contribuire a sviluppare una sinergia internazionale ispirata ai valori di condivisione e progresso che rappresentano la strategia scientifica della comunità europea per le Infrastrutture di Ricerca.
  • uniba
Altri contenuti a tema
Contrasto alle discriminazioni di genere e di orientamento sessuale, al via il percorso di formazione Contrasto alle discriminazioni di genere e di orientamento sessuale, al via il percorso di formazione Un'iniziativa dell'assessorato comunale al Welfare, in collaborazione con il dipartimento Forpsicom dell'Uniba
Tumore al pancreas, dall'Università di Bari una ricerca sui nuovi approcci terapeutici Tumore al pancreas, dall'Università di Bari una ricerca sui nuovi approcci terapeutici Lo studio riporta i risultati di una sperimentazione condotta con gli atenei di Verona e Torino
Università di Bari, firmato il protocollo con Italian Blue Growth verso l'ottava edizione di "Seafuture" Università di Bari, firmato il protocollo con Italian Blue Growth verso l'ottava edizione di "Seafuture" Tutto pronto per il ritorno dell'hub dedicato alle eccellenze industriali del settore del Mare, alla blue economy e alla sostenibilità
Università di Bari, al via la terza edizione delle "Competenze trasversali" Università di Bari, al via la terza edizione delle "Competenze trasversali" Fino al 30 aprile 2023 è possibile iscriversi a uno dei 102 insegnamenti e laboratori
Servizio Civile Universale a Bari: i bandi del Poliba e dell’Uniba Servizio Civile Universale a Bari: i bandi del Poliba e dell’Uniba Domande entro le 14:00 del 10 febbraio 2023
Università di Bari, studio sulla diagnosi di alterazioni epatiche pubblicato sulla stampa scientifica Università di Bari, studio sulla diagnosi di alterazioni epatiche pubblicato sulla stampa scientifica La ricerca coordinata dal professor Portincasa è apparsa sull'European Journal of Internal Medicine
Università di Bari, l'Anvur premia i dipartimenti di Fisica e Scienze del suolo. In arrivo 16 milioni Università di Bari, l'Anvur premia i dipartimenti di Fisica e Scienze del suolo. In arrivo 16 milioni Il riconoscimento è stato attribuito per qualità della ricerca e nella progettualità scientifica e didattica
Diagnosi precoce della Xylella, finanziata la ricerca dell'Università di Bari Diagnosi precoce della Xylella, finanziata la ricerca dell'Università di Bari Durata complessiva di 3 anni, per un budget complessivo di circa 1 milione di euro
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.