Una scuola post Covid
Una scuola post Covid
Scuola e Lavoro

In Puglia è scontro sulla scuola, i sindacati: «Ritirare subito l'ordinanza»

«Decisioni così importanti devono essere condivise nel pieno rispetto del ruolo di tutti, e non devono tradursi in un provvedimento monocratico»

È scontro in Puglia sul tema scuola. Dopo la pubblicazione di un'ordinanza firmata dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che nell'ottica del contenimento dell'emergenza epidemiologica da Coronavirus ha stabilito che da lunedì sarà DaD per gli ultimi 3 anni delle superiori, i sindacati vanno all'attacco. Ecco di seguito la lunga nota indirizzata ad Emiliano da FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, SNALS-CONFSAL e FGU.

«Apprendiamo con stupore dagli organi di stampa che, in data 22 ottobre, al termine di un lungo confronto al Tavolo regionale convocato dal Direttore dell'USR Puglia Anna Cammalleri presso l'Ufficio Scolastico Regionale di Puglia, cui hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, insieme agli assessori Pier Luigi Lopalco, Giovanni Giannini e Sebastiano Leo, il presidente Michele Emiliano ha emanato l'ordinanza n. 397 che, con decorrenza dal 26 ottobre "e comunque entro e non oltre il 13 novembre 2020" sospende le attività didattiche in presenza "in tutte le scuole secondarie di secondo grado limitatamente alle ultime tre classi del medesimo ciclo scolastico". Le scriventi 00.SS., relativamente a tale provvedimento, esprimono pieno e totale disappunto sia sul piano del metodo che sul piano del merito. Sul piano del metodo: nell'incontro di questa mattina in nessun passaggio e in nessun intervento del Presidente e/o degli assessori presenti è stata ventilata o anche solo preannunciata l'ipotesi della sospensione totale delle attività didattiche in presenza in tutte le scuole secondarie di secondo grado sia pur limitatamente alle ultime tre classi del medesimo ciclo scolastico. Tale determinazione risulta pertanto essere una autonoma e discutibilissima decisione che il Presidente Emiliano ha assunto con velocità disarmante. Sul piano del merito: tenuto conto che i dati relativi all'andamento dei contagi nella scuola pugliese non sono eccessivamente allarmanti visto che si registrano solo 13 docenti positivi a fronte dei 4 del 24 settembre, tutte le 00.SS. hanno espresso parere fortemente critico verso l'ipotesi di ricorso esclusivo alla didattica digitale integrata che alterna lezioni in presenza, figuriamoci poi, rispetto alla didattica a distanza che comporta, di fatto, la sospensione immotivata di tutte le lezioni in presenza amplificando il danno formativo già accumulato lungo tutta la lunga fase del precedente lockdown. Sembrerebbe che con questo provvedimento, che scavalca le autonomie scolastiche che bene hanno operato sino ad ora, si vogliano coprire le responsabilità politiche di chi, al governo nazionale, regionale e locale, non si è mosso in tempo utile per arginare le criticità connesse al potenziamento dei Trasporti e delle Asl, oltre che al compimento dei lavori nelle scuole, pensando di risolvere il tutto, optando per la soluzione più semplice: lasciare gli alunni a casa. Nessuna presa di posizione, invece, per ciò che riguarda gli spostamenti dalla Puglia e verso la Puglia dei docenti per il concorso straordinario. Con la presente nota di protesta, visto quanto sopra riportato, le scriventi 00.SS. chiedono al presidente Michele Emiliano, l'immediato ritiro dell'Ordinanza N. 397 della quale dovremmo tornare a discutere. Signor Presidente, decisioni così importanti devono essere condivise nel pieno rispetto del ruolo di tutti, e non devono invece tradursi, come Lei ha comunicato questa mattina, in un provvedimento monocratico. Ci sono ancora i margini di tempo necessari a ricucire lo strappo istituzionale che si è venuto a determinare».
  • Scuola
  • Sindacati
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Venerdì il Dpcm "natalizio": Italia zona gialla ma coprifuoco alle 22. Decaro: «Non sarà liberi tutti» Venerdì il Dpcm "natalizio": Italia zona gialla ma coprifuoco alle 22. Decaro: «Non sarà liberi tutti» Ristoranti verso la chiusura alle 18, palestre ancora con le saracinesche abbassate. Misure in vigore fino al 10 gennaio
Arriva al pediatrico di Bari con emorragia cerebrale e positività al Covid, 12enne salvato dai medici Arriva al pediatrico di Bari con emorragia cerebrale e positività al Covid, 12enne salvato dai medici Dopo oltre 15 giorni di terapia intensiva ora il ragazzo è fuori pericolo. Oltre 50 i minori sono stati ricoverati per Coronavirus al Giovanni XXXIII
Santo Spirito (Bari) ancora chiusi per Covid i plessi Moro e Vacca Santo Spirito (Bari) ancora chiusi per Covid i plessi Moro e Vacca Da domani riprendono attività per le sezioni A, B e D mentre le altre restano in quarantena
Vaccino Covid-19, il presidente della Puglia incontra la Pfizer Vaccino Covid-19, il presidente della Puglia incontra la Pfizer Emiliano:"Saranno individuati centri che assicurino la catena del freddo"
Focolaio Covid nella Rsa di Alberobello, tutti gli anziani ospiti tornano negativi Focolaio Covid nella Rsa di Alberobello, tutti gli anziani ospiti tornano negativi Il sindaco Michele Longo: «Rinnoviamo vicinanza ai parenti delle 12 persone che non ce l'hanno fatta»
Coronavirus in Puglia, registrati 1.101 casi su 4.151 tamponi e altri 30 decessi Coronavirus in Puglia, registrati 1.101 casi su 4.151 tamponi e altri 30 decessi La metà dei positivi di oggi, 515, in provincia di Bari. I ricoverati sono 1.901 e l'età media è di 56 anni
Festeggiano un compleanno in casa nonostante il divieto, sanzionati 14 ragazzi Festeggiano un compleanno in casa nonostante il divieto, sanzionati 14 ragazzi Ad Altamura un 43enne è stato scoperto a consumare all'interno di un bar: multato e denunciato per aver aggredito i carabinieri
Altamura, positiva al Covid muore sola in casa. Asl Bari: «Avviate verifiche» Altamura, positiva al Covid muore sola in casa. Asl Bari: «Avviate verifiche» La donna, 44enne, soffriva di epilessia ma non è riuscita a fare il tampone se non privatamente
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.