Una preghiera
Una preghiera

Guerra in Ucraina, dall'arcidiocesi di Bari un appello alla pace

Ecco la preghiera per l’Ucraina e per il mondo intero che i fedeli sono invitati a recitare domenica 27 febbraio

Si conclude questa domenica, 27 febbraio 2022, a Firenze, con la presenza di papa Francesco, l'incontro "Mediterraneo Frontiera di Pace", alla sua seconda edizione dopo quella che si è svolta qui a Bari nel febbraio di due anni fa, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Il sabato precedente, 26 febbraio, in memoria di quell'incontro vissuto nella città di Bari, che il Santo Padre in occasione della sua visita conclusiva definì "capitale dell'unità", vivremo nella basilica di san Nicola alle ore 18, un incontro di riflessione e preghiera. Con il cuore a tutto il bacino del Mediterraneo, volgeremo lo sguardo, quest'anno in particolare, alla vicina Albania, ricordando lo sbarco della nave Vlora sulla nostra costa trent'anni fa, e riflettendo sui rapporti tra questo Paese e il nostro e tra le nostre Chiese. Sarà l'occasione per rinnovare, con le altre confessioni cristiane presenti nel territorio diocesano, la preghiera per la pace.

L'incontro di Firenze quest'anno assume un'ulteriore forza perché, insieme ai Vescovi di circa 30 Paesi del Mediterraneo sono convenuti, nella città del "sindaco santo" Giorgio La Pira, anche i sindaci delle città principali della zona del Mare Nostrum, consapevoli che "c'è un bene comune del Mediterraneo costruendo il quale si pone un tassello imprescindibile per l'intera famiglia umana". Il clima di queste giornate è particolarmente segnato dallo scontro diplomatico-militare tra Russia e Ucraina, che coinvolge l'Europa e si estende come vento di guerra, ancora una volta, sull'intera umanità, provata da violenze, sofferenza e morte.

Non possiamo e non vogliamo rimanere indifferenti dinanzi al grido di dolore e di paura di tanti fratelli e sorelle. E non possiamo arrenderci all'idea di non poter fare nulla. Come cristiani confidiamo nella preghiera, chiedendo che "con la forza dello Spirito il Signore agisca nell'intimo dei cuori, perché i nemici si aprano al dialogo, gli avversari si stringano la mano e i popoli si incontrino nella concordia" (cf. Preghiera Eucaristica per la Riconciliazione, II, MR, p. 493).

Su indicazione dell'Arcivescovo Mons. Giuseppe Satriano, la Comunità Diocesana di Bari-Bitonto è chiamata a vivere nella giornata di sabato 26 febbraio, un digiuno come offerta per invocare il dono della pace e domenica 27 febbraio, nelle celebrazioni eucaristiche, a pregare elevando a Dio la supplica accorata per l'Ucraina e per il mondo intero, affinché il Padre, onnipotente nell'amore, conceda serenità e pace all'umanità.

Nelle celebrazioni sarà recitata la seguente preghiera:

O Padre, autore e amante della pace,
a te si rivolgono le persone di buona volontà,
mentre dalla terra si eleva il grido dei popoli minacciati dalla guerra.
Ti preghiamo per l'Ucraina e per tutti i Paesi afflitti da orrori e lacrime:
ogni azione e iniziativa politica sia al servizio della fratellanza umana,
più che di interessi di parte, perché tutti siamo stati creati fratelli.
Il tuo Figlio, che ha vinto nel suo sangue ogni inimicizia,
fortifichi nell'amore il cuore di ogni uomo e di ogni donna,
affinché nessuno tema le armi di alcun nemico.
Lo Spirito Santo, Signore della comunione,
ci renda tutti operatori di giustizia
e strumenti della tua pace.
Amen.
  • arcidiocesi bari-bitonto
Altri contenuti a tema
Bari e la Russia insieme per una preghiera di pace, teatro la basilica di San Nicola Bari e la Russia insieme per una preghiera di pace, teatro la basilica di San Nicola Presente l'arcivescovo di Bari-Bitrono monsignor Giuseppe Satriano e il rettore della Chiesa ortodossa russa di Bari, padre Viacheslav Bachin
Addio a don Domenico Labellarte, il necrologio di Monsignor Satriano Addio a don Domenico Labellarte, il necrologio di Monsignor Satriano «Un uomo, un sacerdote che ha interpretato la sua esistenza in uno stile evangelico: a “braccia aperte”»
Il Coronavirus preoccupa Bari, stop a prime confessioni, comunioni e cresime Il Coronavirus preoccupa Bari, stop a prime confessioni, comunioni e cresime La decisione dell'arcivescovo Giuseppe Satriano comunicata dall'arcidiocesi con una nota
Bari, la parrocchia di San Ferdinando piange don Pasquale Muschitiello Bari, la parrocchia di San Ferdinando piange don Pasquale Muschitiello Il sacerdote è venuto a mancare nel pomeriggio di oggi, la celebrazione religiosa ci sarà domani alle 16
Bari, monsignor Cacucci positivo al Coronavirus Bari, monsignor Cacucci positivo al Coronavirus L'arcivescovo emerito è in isolamento e presenta sintomi lievi
Bari, l'arcivescovo Satriano in ospedale causa Covid Bari, l'arcivescovo Satriano in ospedale causa Covid Dall'Arcidiocesi comunicano: «Così monitoraggio costante del suo stato di salute»
L'arcivescovo Satriano ricoverato? «Fake news di cattivo gusto» L'arcivescovo Satriano ricoverato? «Fake news di cattivo gusto» La precisazione in merito a quanto circola via social arriva dall'Arcidiocesi di Bari-Bitonto
Bari, passaggio di consegne tra monsignor Cacucci e monsignor Satriano Bari, passaggio di consegne tra monsignor Cacucci e monsignor Satriano Ora è ufficiale, l'arcidiocesi di Bari-Bitonto ha un nuovo vescovo pugliese. La cerimonia nel pomeriggio in cattedrale
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.