ines pierucci
ines pierucci
Eventi e cultura

Gli assessori alla Cultura di 10 città d'Italia scrivono al Governo, Pierucci: «Il settore continui a lavorare»

«Il comparto ha dimostrato attenzione e ha adottato ogni misura indicata per consentire lo svolgimento delle attività in sicurezza»

L'assessore alle Culture e al Turismo del Comune di Bari Ines Pierucci ha sottoscritto un appello, condiviso con i suoi colleghi di altre nove grandi città italiane (Roma, Milano Napoli, Genova, Torino, Bologna, Ancona, Cagliari e Firenze), per invitare il Governo a sostenere la sfida della rinascita culturale, ritenuta centrale per la tenuta sociale delle comunità, ponderando con grande equilibrio eventuali nuove restrizioni destinate ad iniziative culturali e spettacolari che si svolgano al chiuso.

«Nei mesi scorsi - si legge nel documento sottoposto all'attenzione del Governo - in molte regioni sono state stabilite restrizioni alla capienza di teatri, cinema, auditorium e sale di spettacolo in misura proporzionale alla dimensione dei luoghi e alla possibilità di assicurare le previste condizioni di sicurezza sia nei flussi di affluenza sia nella permanenza, superando la norma iniziale che stabiliva un limite unico a duecento presenze contemporanee, incompatibile con moltissime attività anche dal punto di vista della sostenibilità economica di tante istituzioni culturali. Nel momento in cui il Governo si appresta ad adottare nuove e stringenti misure per il contenimento dell'epidemia da Covid-19 - prosegue la nota -, chiediamo che queste siano confermate mantenendo l'attuale principio di proporzionalità: il settore culturale ha dato dimostrazione di grandissima attenzione e ha adottato ogni misura indicata, anche con ingenti investimenti, per consentire lo svolgimento delle proprie attività nel pieno rispetto del distanziamento fisico e del contingentamento delle presenze».

«Durante i mesi del lockdown - commenta Pierucci - abbiamo creato una rete tra assessori alla cultura di diverse città italiane per confrontarci sulle complessità che si ponevano per le attività culturali di spettacolo in relazione ai rischi del contagio e sui possibili modelli da adottare per sostenere la ripresa. Il documento condiviso ieri va nella stessa direzione e ribadisce come il riavvicinamento sociale promosso dalla condivisione di esperienze culturali sia il legame più importante per mantenere unite le comunità delle nostre città, la comunità del nostro Paese. Nel rispetto delle valutazioni ora al vaglio del Governo, chiediamo perciò di confermare il principio di proporzionalità per consentire al settore della cultura e dello spettacolo di continuare a lavorare dopo i grandi sforzi messi in campo dagli operatori già piegati dai mesi del lockdown. A Bari, con grande impegno, abbiamo riprogrammato l'avvio delle stagioni del Piccinni, del Petruzzelli e stiamo definendo l'organizzazione di una serie di eventi. Di qui il senso dell'appello lanciato al Governo in queste ore di nuova, grande incertezza».

Questi i firmatari dell'appello:
1. Luca Bergamo, vicesindaco con delega alla Crescita culturale - Roma
2. Filippo Del Corno, assessore alla Cultura - Milano
3. Eleonora de Majo, assessora alla Cultura e al Turismo - Napoli
4. Barbara Grosso, assessora alle Politiche culturali, dell'Istruzione, per i Giovani - Genova
5. Francesca Paola Leon, assessora alla Cultura - Torino
6. Matteo Lepore, assessore alla Cultura e al Turismo - Bologna
7. Paolo Marasca, assessore alla Cultura - Ancona
8. Ines Pierucci, assessora alle Politiche Culturali e Turistiche - Bari
9. Paola Piroddi, assessore alla Cultura - Cagliari
10. Tommaso Sacchi, assessore alla Cultura - Firenze.

  • Cultura
  • ines pierucci
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Arriva al pediatrico di Bari con emorragia cerebrale e positività al Covid, 12enne salvato dai medici Arriva al pediatrico di Bari con emorragia cerebrale e positività al Covid, 12enne salvato dai medici Dopo oltre 15 giorni di terapia intensiva ora il ragazzo è fuori pericolo. Oltre 50 i minori sono stati ricoverati per Coronavirus al Giovanni XXXIII
Santo Spirito (Bari) ancora chiusi per Covid i plessi Moro e Vacca Santo Spirito (Bari) ancora chiusi per Covid i plessi Moro e Vacca Da domani riprendono attività per le sezioni A, B e D mentre le altre restano in quarantena
Vaccino Covid-19, il presidente della Puglia incontra la Pfizer Vaccino Covid-19, il presidente della Puglia incontra la Pfizer Emiliano:"Saranno individuati centri che assicurino la catena del freddo"
Focolaio Covid nella Rsa di Alberobello, tutti gli anziani ospiti tornano negativi Focolaio Covid nella Rsa di Alberobello, tutti gli anziani ospiti tornano negativi Il sindaco Michele Longo: «Rinnoviamo vicinanza ai parenti delle 12 persone che non ce l'hanno fatta»
Coronavirus in Puglia, registrati 1.101 casi su 4.151 tamponi e altri 30 decessi Coronavirus in Puglia, registrati 1.101 casi su 4.151 tamponi e altri 30 decessi La metà dei positivi di oggi, 515, in provincia di Bari. I ricoverati sono 1.901 e l'età media è di 56 anni
Festeggiano un compleanno in casa nonostante il divieto, sanzionati 14 ragazzi Festeggiano un compleanno in casa nonostante il divieto, sanzionati 14 ragazzi Ad Altamura un 43enne è stato scoperto a consumare all'interno di un bar: multato e denunciato per aver aggredito i carabinieri
Altamura, positiva al Covid muore sola in casa. Asl Bari: «Avviate verifiche» Altamura, positiva al Covid muore sola in casa. Asl Bari: «Avviate verifiche» La donna, 44enne, soffriva di epilessia ma non è riuscita a fare il tampone se non privatamente
Emergenza Coronavirus, dopo Gravina e Acquaviva scuole chiuse anche ad Altamura Emergenza Coronavirus, dopo Gravina e Acquaviva scuole chiuse anche ad Altamura Partirà anche il coprifuoco a partire dalle 19 con chiusura di ogni attività e obbligo di autocertificazione per poter circolare
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.