antonio decaro
antonio decaro
Attualità

Covid, Decaro spiega il Dpcm: «Nessuno ci controlla a casa, ma i parenti possono passarci il virus»

Il sindaco: «A Bari 500 persone in isolamento, fino a 1000 spettatori al San Nicola. Io non verrò a dire "tu c sta a fash do"»

Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha spiegato in diretta su Facebook il contenuto del nuovo Dpcm che entrerà in vigore da mezzanotte. Il sindaco si è soffermato sui comportamenti da tenere a casa: «Nelle abitazioni private si possono ospitare fino a 6 persone non conviventi, ma questa è una raccomandazione e non un obbligo. Nessuno verrà a controllare a casa nostra, ma il Governo lo ha voluto comunque scrivere perché è importante far capire che la maggior parte dei contagi sono avvenuti in contesti familiari e amicale. Tendiamo a credere che amici e parenti non possano veicolare il virus solo perché li conosciamo; ma non è purtroppo così. Non verranno le forze dell'ordine a controllarci, non verrò io a dire "tu c sta a fash do", ma dobbiamo essere responsabili».

Il primo cittadino spiega che «I contagiati a casa sono 500 a Bari, la stragrande maggioranza sono asintomatici, motivo per cui bisogna stare ancora più attenti perché purtroppo continuano a morire delle persone e alcuni finiscono in terapia intensiva. Dobbiamo rispettare le restrizioni per evitare nuovi lockdown e nuove chiusure delle aziende e dei commerciati. La curva a Bari non si sta alzando, con le restrizioni possiamo continuare a fare la nostra vita».Sugli eventi pubblici, Decaro spiega: «Per le attività culturali continuano a valere il vecchio Dpcm e le ordinanze regionali, mentre per quanto riguarda lo stadio abbiamo suggerito al premier Conte, che ha inserito questo articolo nel Dpcm di stanotte, di aprire al 15% fino a un massimo di 1000 persone. Motivo per cui a Bari potranno accedere 1000 spettatori al San Nicola, stadio da 55mila persone».

Decaro ha ricordato che il Dpcm prevede lo «Stop allo sport amatoriale da contatto. Per i professionisti e per i dilettanti l'attività può continuare, per gli amatori no. Motivo per cui tutti i campi comunali di Bari dove si pratica sport amatoriale da contatto sono stati chiusi già da stasera».Sul trasporto pubblico, il sindaco ribadisce: ««Sugli autobus ci sono molte persone, ma la norma prevede che la capacità dei mezzi pubblici sia ridotta all'80%, con obbligo di mascherina. Stiamo chiedendo al governo di ridurre la capacità, ma non si arriverà mai a rispettare il metro di distanza. Le risorse il governo le ha già stanziate, noi abbiamo aumentato le corse ma in tutta Italia c'è un problema di autobus. Non si acquistano mezzi da una settimana all'altra, ci sono lunghi tempi di produzione. Domani avremo un incontro con il ministro e gli uffici scolastici regionali, per capire se c'è una possibilità di frazionare gli orari d'ingresso e uscita da scuola, così da poter prendere anche gli autobus in orari diversi».

Capitolo bar, ristoranti, cerimonie e feste: «L'attività di bar, ristoranti e pub proseguirà fino alle 24, con somministrazione al tavolo (interno o esterno) - ricorda Decaro. Alle 21, invece, termina la somministrazione a chi sta in piedi per evitare l'assembramento. Alle 24 l'attività deve essere obbligatoriamente chiusa. Sono vietate le gite scolastiche e le feste, sia all'aperto sia al chiuso, tranne che per cerimonie civili e religiose dove si possono invitare fino a 30 persone. Cerimonie civili e religiose sono quelle irripetibili (matrimoni, comunioni, battesimi), tutte le altre, come i compleanni, sono feste e non si possono fare nei ristoranti e nelle sale ricevimento».

Chiosa sui dispositivi di protezione: «La mascherina è obbligatoria all'aperto sempre, anche se si è da soli. In casa va utilizzata se ci vengono a trovare persone che non sono conviventi».



  • Antonio Decaro
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Continuano ad aumentare i casi Covid in Puglia, oggi +1.668 Continuano ad aumentare i casi Covid in Puglia, oggi +1.668 Sono stati effettuati 9.693 test. I decessi sono 29 e in provincia di Bari i nuovi positivi sono 878
Dpcm "Natale", verso lo stop a spostamenti fra comuni nei festivi in tutta Italia Dpcm "Natale", verso lo stop a spostamenti fra comuni nei festivi in tutta Italia Il nuovo decreto dovrebbe entrare in vigore a partire da venerdì 4 dicembre. Mobilità fra regioni solo con autocertificazione
Bari ricorda la difesa del porto, a 77 anni dal bombardamento nazista Bari ricorda la difesa del porto, a 77 anni dal bombardamento nazista Decaro: «Un evento drammatico per cui la nostra città ha pagato un enorme tributo di sangue»
SSC Bari, complicazioni post-Covid per Minelli. Stop di un mese SSC Bari, complicazioni post-Covid per Minelli. Stop di un mese Il calciatore ha evidenziato lievi alterazioni del tracciato elettrocardiografico
Plasma iperimmune, Lopalco: «Utilizzabile solo in protocolli clinici». I centri donazione in Puglia Plasma iperimmune, Lopalco: «Utilizzabile solo in protocolli clinici». I centri donazione in Puglia L'assessore regionale: «Un requisito importante, è la presenza di un adeguato titolo di anticorpi neutralizzanti»
Covid-19 in provincia di Bari, la situazione dei contagi aggiornata dai sindaci Covid-19 in provincia di Bari, la situazione dei contagi aggiornata dai sindaci A Monopoli i casi salgono a 178, Altamura corre ai ripari dopo aver registrato oltre 1800 positività. Scende Gravina
Coronavirus, nuovo record negativo in Puglia. I positivi sono 1.659 Coronavirus, nuovo record negativo in Puglia. I positivi sono 1.659 Effettuati 9.820 test. Registrati anche 34 decessi. In provincia di Bari sono 577 i nuovi casi. Ecco il bollettino completo
Venerdì il Dpcm "natalizio": Italia zona gialla ma coprifuoco alle 22. Decaro: «Non sarà liberi tutti» Venerdì il Dpcm "natalizio": Italia zona gialla ma coprifuoco alle 22. Decaro: «Non sarà liberi tutti» Ristoranti verso la chiusura alle 18, palestre ancora con le saracinesche abbassate. Misure in vigore fino al 10 gennaio
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.