Asilo
Asilo
Scuola e Lavoro

Comune di Bari, nuovo accordo con gli asili paritari: 500mila euro per le famiglie meno abbienti

La giunta ha approvato lo schema di convenzione. Romano: «Contributo aumentato rispetto allo scorso anno»

Dal Comune di Bari arrivano 500mila euro in favore delle famiglie meno abbienti per iscrivere i propri figli alle scuole d'infanzia paritarie della città. La giunta comunale ha approvato lo schema di convenzione da stipulare tra l'amministrazione e le scuole dell'infanzia paritarie private inserite nell'elenco predisposto dal competente ufficio scolastico regionale utile all'erogazione dei contributi comunali e regionali per l'esercizio finanziario 2019 (anno scolastico 2019/2020).

«Le scuole dell'infanzia paritarie sono una realtà importante della nostra città, un luogo di lavoro per centinaia di persone, tra docenti e personale amministrativo, che tante famiglie scelgono per vicinanza territoriale o in base all'offerta formativa che può prevedere servizi differenti dalle altre scuole e maggior flessibilità degli orari - spiega l'assessore al ramo Paola Romano -. Anche quest'anno abbiamo voluto rinnovare questo accordo prevedendo per le famiglie con reddito basso un sostegno per la retta e, seppur di poco, siamo riusciti ad aumentare il contributo che il Comune, attraverso il buono scuola, dà alle famiglie con un reddito ISEE più basso, favorendo l'iscrizione a scuola di tutti i bambini e le famiglie che fanno questa scelta».

I dettagli dell'accordo

Il contributo comunale e regionale verrà erogato alle scuole dell'infanzia paritarie private convenzionate che si impegnino ad applicare una retta di frequenza non superiore a:
- euro 180 mensili, nei confronti delle famiglie aventi un reddito ISEE, quale risulta da attestazione ISEE in corso di validità nell'anno scolastico di riferimento, compreso tra euro 0 ed euro 10.000;
- euro 210 mensili, nei confronti delle famiglie aventi un reddito ISEE, quale risulta da attestazione ISEE in corso di validità nell'anno scolastico di riferimento, compreso tra euro 10.000 ed euro 25.000.

Secondo la convenzione, ogni scuola dell'infanzia paritaria privata si impegna, in via permanente:
- all'ammissione di tutti i bambini residenti nel Comune di Bari senza discriminazioni di sesso, razza, etnia, cultura e religione, garantendo la priorità ai bambini inseriti nelle liste d'attesa delle scuole dell'infanzia comunali e ai bambini residenti nella zona di competenza;
- a comporre le sezioni secondo un criterio di pluralità di fasce socio-economiche compatibilmente con la composizione delle sezioni secondo un criterio di omogeneità di età dei bambini;
- a garantire gli standard qualitativi - rapporto sezione/iscritti, sezione/insegnanti, organico/supplenze, sostegno/assistenza agli alunni in situazione di handicap stabiliti dalla normativa vigente e a mantenerli nel periodo di vigenza della presente Convenzione;
- all'accoglienza di alunni stranieri residente e/o domiciliati, nonché alla loro integrazione, anche attraverso la predisposizione e realizzazione di progetti specifici;
- a garantire un progetto educativo in armonia con i principi della Costituzione ed un piano dell'offerta formativa conforme agli ordinamenti e alle disposizioni vigenti;
- a garantire l'utilizzo di locali scolastici strutturalmente funzionali ed idonei allo svolgimento dell'attività didattica;
- a garantire l'utilizzo di attrezzature didattiche propri del tipo di scuola di infanzia e conformi alle norme vigenti in materia di sicurezza;
- ad assicurare gli alunni contro gli infortuni possibili nello svolgimento dell'attività didattica;
- a garantire l'applicazione delle norme vigenti in materia di inserimento di minori con handicap o in situazione di svantaggio;
- ad utilizzare personale docente regolarmente inquadrato ed in possesso dei prescritti titoli di studio e ad applicare nei loro confronti condizioni retributive previste dal CCNL di settore;
- ad utilizzare personale non docente ed ausiliario regolarmente inquadrato e ad applicare nei loro confronti un trattamento retributivo non inferiore a quello previsto dal CCNL di categoria;
- a garantire la qualificazione e l'aggiornamento del personale educativo;
- a rendere pubblico il quadro delle entrate e delle uscite in modo da rendere evidente il rapporto tra costi di gestione, contributi pubblici e tariffe a carico delle famiglie;
- ad osservare le norme igienico sanitarie per la gestione dei locali adibiti a mensa e per la preparazione e somministrazione dei pasti;
- a promuovere la gestione collegiale attraverso l'istituzione ed il funzionamento di organi collegiali, improntati alla partecipazione democratica.

L'ammontare complessivo annuo del contributo comunale verrà erogato secondo le modalità di seguito indicate:
- euro 162.000 annui in favore delle scuole dell'infanzia paritarie private che effettuano il servizio di refezione, che dovrà essere direttamente organizzato e gestito dalle scuole dell'infanzia paritarie, anche mediante esternalizzazione del servizio.
Il gestore avrà facoltà di richiedere alle famiglie una retta per la copertura delle spese per il servizio di refezione scolastica che in ogni caso non potrà superare l'importo di euro 87 mensili tenuto conto di alcuni parametri esplicitati nella convenzione.
- euro 208.200 annui in favore delle scuole dell'infanzia paritarie private, a copertura parziale delle rette di frequenza attraverso la selezione di famiglie che beneficeranno di un contributo sulla retta di frequenza.

La ripartizione, infatti, provvederà a pubblicare un apposito avviso pubblico diretto ad individuare 347 alunni aventi diritti al buono scuola dell'importo complessivo di euro 600 (60 euro mensili x 10 mesi) ciascuno. Il buono scuola consentirà all'alunno la frequenza, nell'anno scolastico di riferimento, presso la scuola dell'infanzia paritaria privata convenzionata scelta dalla famiglia.

Avranno diritto al buono scuola gli alunni inseriti nella graduatoria formata a seguito dell'applicazione dei seguenti criteri:
- Reddito familiare ISEE, quale risulta da attestazione ISEE in corso di validità nell'anno scolastico di riferimento, compreso tra euro 0 ed euro 25.000.
- A parità di reddito ISEE, il Comune garantirà la priorità alle famiglie in cui lavorano entrambi i genitori e agli alunni inseriti nella lista d'attesa delle scuole dell'infanzia statali e comunali.
Ciascuna scuola dell'infanzia paritaria privata convenzionata richiederà alle famiglie aventi diritto al buono scuola una retta mensile pari alla differenza tra la somma di euro 60, a carico del Comune, e l'importo della retta di frequenza standard applicata.

L'ulteriore somma di euro 129.800 verrà suddivisa, per ciascun anno scolastico di riferimento, tra il numero di sezioni funzionanti. Il contributo sarà erogato per l'acquisto di materiale didattico e spese di gestione.
Il Comune di Bari si impegna a garantire alle famiglie che ne facciano richiesta, il servizio trasporto per gli alunni frequentanti le scuole paritarie private convenzionate utilizzando i mezzi già impegnati e le fermate già programmate per le restanti scuole.
  • Comune di Bari
  • Paola Romano
  • Comune Bari
Altri contenuti a tema
Comune di Bari, da domani via al pagamento per scrutatori e presidenti di seggio Comune di Bari, da domani via al pagamento per scrutatori e presidenti di seggio Tutte le info utili relative alle elezioni regionali e al referendum degli scorsi 20 e 21 settembre
Comune di Bari, entro il 2 novembre parte il servizio mensa scolastica Comune di Bari, entro il 2 novembre parte il servizio mensa scolastica Iscrizioni aperte fino al 31 ottobre. Romano: «Famiglie coinvolte in tutte le nostre scelte»
"I linguaggi della realtà", dal 30 ottobre la stagione di prosa e danza del Comune di Bari "I linguaggi della realtà", dal 30 ottobre la stagione di prosa e danza del Comune di Bari Cartellone ideato in collaborazione con il Teatro pubblico pugliese. Protagonista degli eventi il Piccinni
Comune di Bari, prorogata al 31 dicembre l'occupazione gratuita di suolo pubblico Comune di Bari, prorogata al 31 dicembre l'occupazione gratuita di suolo pubblico La domanda può essere effettuata situazioni nuove o già esistenti calcolando spazio fino al 150% in più rispetto alla superficie interna del locale
Comune di Bari aderisce alle "Sportello unico per le attività produttive" della Camera di commercio Comune di Bari aderisce alle "Sportello unico per le attività produttive" della Camera di commercio Formalizzata la richiesta. Iniziativa finalizzata ad assicurare un supporto nella gestione del procedimento telematico fra imprese e amministrazioni
Comune di Bari, la metà dei dipendenti pronta a tornare allo smart working Comune di Bari, la metà dei dipendenti pronta a tornare allo smart working In tutte le ripartizioni si sta avviando una ricognizione su quali attività possano essere svolte a distanza
Nuovi spazi per la lettura a Bari, nasce la "Biblioteca degli adolescenti" a parco 2 giugno Nuovi spazi per la lettura a Bari, nasce la "Biblioteca degli adolescenti" a parco 2 giugno I locali sono stati realizzati grazie al connubio di azioni materiali e immateriali. Bottalico: «Impegno per cultura accessibile a tutti»
Comune di Bari, al via l'avviso per azioni d'inclusione dei minori stranieri non accompagnati Comune di Bari, al via l'avviso per azioni d'inclusione dei minori stranieri non accompagnati Un progetto finanziato nell’ambito dell’avviso della Regione “Discrimination Free Puglia”. I 18 partecipanti svolgeranno 600 ore di formazione
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.