Il flash mob
Il flash mob
Attualità

Caro vita e aumento dei prezzi, flash mob di Cgil Bari

"Necessari interventi immediati ed efficaci per far fronte alla povertà emergente"

Ieri sera a Bari il flash mob di Cgil "I soldi sono finiti", contro il caro vita e l'aumento dei prezzi, rimettendo al centro il lavoro. Accese delle fiaccole ad illuminare il perimetro della muraglia nello spazio antistante la terrazza del Fortino, proprio per simboleggiare la difficoltà di chi si ritrova a dover pagare bollette della luce o di altre utenze, che superano l'intero importo della pensione o dello stipendio.

"Abbiamo urlato a gran voce che sono necessari interventi immediati ed efficaci per far fronte alla povertà emergente e gravissima che sta colpendo i nostri territori - sottolineano -. A pochi giorni dalle elezioni non siamo più disposti ad ascoltare racconti e proiezioni che non mettono al centro il meridione, le famiglie, gli studenti, i pensionati che in queste settimane lottano duramente per le loro esigenze primarie".
"Quattro milioni di famiglie non accenderanno il riscaldamento in inverno a causa delle gravissime condizioni di povertà provocate da questa crisi finanziaria - aggiungono -. Il caro-bollette è una mannaia anche sui ragazzi: questo inverno tantissimi studenti fuori sede dovranno lasciare le loro case, altri saranno obbligati addirittura rinunciare agli studi. I livelli di inflazione incidono sulla sostenibilità della vita dei pensionati che hanno dovuto mettere mano agli ultimi risparmi. Lo sgretolamento delle condizioni di coesione sociale crea grandi rischi dal punto di vista dell'aumento del livello di criminalità e illegalità sui nostri territori".
"C'è bisogno di interventi efficaci subito che incidano direttamente sui bisogni reali, prima che sia troppo tardi", concludono.
  • cgil bari
Altri contenuti a tema
Bari ricorda la strage di via Niccolò Dell'Arca, nel giorno del 79mo anniversario Bari ricorda la strage di via Niccolò Dell'Arca, nel giorno del 79mo anniversario Decaro: «Il 28 luglio è una delle tappe più importanti che segnano la storia di liberazione della nostra città»
Nessuna comunicazione al sindacato su formazione di educatori e insegnanti, condannato il Comune di Bari Nessuna comunicazione al sindacato su formazione di educatori e insegnanti, condannato il Comune di Bari Bucci e Ficco: «la sentenza ha un valore politico perché riafferma l'importanza del confronto preventivo con le organizzazioni»
Turi, oltre mille stagionali in un campo da 180. La Cgil: «Stop gestione emergenziale» Turi, oltre mille stagionali in un campo da 180. La Cgil: «Stop gestione emergenziale» I braccianti agricoli sono arrivati per la raccolta delle ciliegie. E pagano anche 1 euro al giorno al Comune
Scuole "chiuse" in Puglia, Cgil: «Necessari congedi Covid per i genitori» Scuole "chiuse" in Puglia, Cgil: «Necessari congedi Covid per i genitori» Richiesto un incontro urgente con le categorie datoriali Confindustria, Confcommercio, Legacoop, Confartigianato
Cgil e Comune contro la violenza di genere, a Bari vecchia le panchine si tingono di rosso Cgil e Comune contro la violenza di genere, a Bari vecchia le panchine si tingono di rosso L'iniziativa in largo Chiurlia, nei pressi della sede dell'assessorato al Welfare. Sulle sedute anche i recapiti del centro antiviolenza
Giornata contro la violenza sulle donne, le panchine di Bari vecchia si tingono di rosso Giornata contro la violenza sulle donne, le panchine di Bari vecchia si tingono di rosso L'iniziativa organizzata da Cgil e Comune in piazza Chiurlia per mercoledì 25 novembre
Centri commerciali, l'appello di Filcams Cgil Bari: «Chiuderli tutti nei weekend» Centri commerciali, l'appello di Filcams Cgil Bari: «Chiuderli tutti nei weekend» Il segretario generale Miccoli: «Lavoratori ci informano che strutture come Ikea vogliono aprire. Chiediamo incontro a sindaco e prefetto»
Ikea Bari aumenta il numero di clienti nel negozio, Cgil proclama sciopero per il 1 novembre Ikea Bari aumenta il numero di clienti nel negozio, Cgil proclama sciopero per il 1 novembre Il sindacato denuncia e accusa: «Incomprensibile silenzio di Comune e Regione, il prefetto ci convochi al più presto»
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.