anna cammalleri
anna cammalleri
Scuola e Lavoro

Avvio anno scolastico, l'augurio della direttrice dell'Ufficio regionale della Puglia

Anna Cammalleri ha scritto una lettera rivolta a studenti, docenti, presidi e personale

A tre settimane dall'avvio dell'anno scolastico in Puglia, che coinciderà con il rientro fra i banchi dopo l'emergenza Covid-19 e il lockdown, la direttrice dell'Ufficio scolastico regionale Anna Cammalleri ha scritto una lettera destinata a studenti, docenti, presidi e personale scolastico, reduci dall'esperienza della didattica a distanza e pronti alla ripresa nel difficile momento del riacutizzarsi della pandemia.

E siamo finalmente giunti all'anno scolastico 2020/21. Credo che dopo un anno in cui immagini reali e virtuali, e soprattutto parole, hanno riempito il nostro tempo e le nostre vite, è difficile per me trovare le frasi giuste per esprimere un pensiero di augurio ai nostri studenti. E a noi.
Ci lasciamo alle spalle la storia di un anno scolastico che entrerà nella Storia, italiana e mondiale. Ci lasciamo alle spalle uno sforzo incredibile e corale, inventandoci un'altra normalità, mai immaginata, inedita, talora surreale. Eppure la scuola c'è stata, sempre, per la Puglia vissuta in più di settecento mila luoghi, tanti quante sono le case dei nostri studenti e docenti, luoghi il cui portone di ingresso è stato uno schermo, e la via, un link di accesso.
Abbiamo imparato in corsa che cosa è un meet ( anch'io), abbiamo fatto "tutti" formazione in classi digitali; i ragazzi hanno fatto lezione, e cantato e danzato sincronizzandosi su piattaforme, abbiamo raccolto anche emozioni nuove, forse anche aprendoci ad una inclusivitá più profonda e impensata.
E poi i gruppi wathsapp, non so più quanti, per comunicazioni di lavoro, di riflessioni, di gioie e tristezze, riscoprendo una umanità che talora i ruoli necessariamente comprimono, unendo professionalità varie - dirigenti, funzionari, docenti, rappresentanti sindacali, enti istituzionali, associazioni varie- nell'unico obiettivo di farcela, tutti insieme.
Tutto questo non va dimenticato perché ci ha rafforzato, come comunità scolastica, ci ha aperto nuovi scenari e soprattutto ci ha fatto toccare con mano la fragilità del domani, rendendo ancora più importante il ruolo di chi educa, consapevole di dover orientarsi ed orientare verso un futuro dai contorni incerti eppure di dover costruire il percorso formativo con professionalità, saggezza ed equità, e di dare il "segno" del cammino ai propri alunni.
Penso in particolar modo al ruolo della dirigenza scolastica che ha dovuto e dovrà confrontarsi con nuove visioni di scuola, con nuove procedure e responsabilità, con la necessità di rintracciare modelli organizzativi innovativi, che fino a ieri erano al più sperimentali e che sono diventati, con immediatezza, pratica ordinaria e necessaria.
Non trovo perciò, in tanto pathos, "le frasi giuste per esprimere un pensiero di augurio " e quindi mi affido al pensiero di Seneca che diceva "anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli sempre
la speranza".
Per noi la speranza è che la scuola torni ad essere quel luogo di voci, canti, suoni, incontri, esperienze, "aperta a tutti", dove ogni cittadino entra ( questa volta dal portone reale!) nell'età dell'infanzia ed esce adulto e pronto alla vita, accompagnato da quella straordinaria funzione che si chiama insegnamento.
E per noi non la speranza, ma la certezza è la consapevolezza che prima ancora di lavorare per la scuola, amiamo la scuola, perché essa entra nelle nostre vite e le unisce al futuro, quello dei nostri studenti.
Mai come l'anno scolastico appena trascorso, ancora di più da oggi in poi. Buona e serena vita a tutte e a tutti voi quindi, e buon anno scolastico a voi e alle vostre comunità scolastiche.


Anna Cammalleri
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Covid, Emiliano scrive al Ministero dell'Istruzione: «Subito didattica flessibile o interverremo noi» Covid, Emiliano scrive al Ministero dell'Istruzione: «Subito didattica flessibile o interverremo noi» L'iniziativa al termine della riunione con Anci, Ufficio scolastico regionale e dipartimento protezione civile della Puglia
Bari, la preside: "No alla caccia all'untore". Arriva il bollettino Covid scolastico Bari, la preside: "No alla caccia all'untore". Arriva il bollettino Covid scolastico Succede in una scuola superiore, l'IISS Marconi Hack. Ad oggi ci sono 2 alunni positivi e 16 in isolamento fiduciario
Bari, alunno positivo alla Principessa di Piemonte scuola chiusa per sanificazione Bari, alunno positivo alla Principessa di Piemonte scuola chiusa per sanificazione Il plesso fa capo all'istituto comprensivo G. Garibaldi e si trova in via Bovio al quartiere Libertà
Covid, Regione Puglia e Ufficio scolastico istituiscono un tavolo di confronto permanente Covid, Regione Puglia e Ufficio scolastico istituiscono un tavolo di confronto permanente Contagi si sono verificati in 25 istituti della provincia di Bari. Lopalco: «Strumento per facilitare scambio di esperienze»
Gravina in Puglia, quattro studenti positivi al Covid. Il sindaco: «Oggi scuole chiuse» Gravina in Puglia, quattro studenti positivi al Covid. Il sindaco: «Oggi scuole chiuse» Sono sette i nuovi contagi nella città murgiana. Valente: «Asl informerà i presidi, che comunicheranno alle famiglie»
Bari, nuovi casi Covid a scuola. È la volta della Piccinni Bari, nuovi casi Covid a scuola. È la volta della Piccinni Due i positivi tra gli alunni, si valuta l'eventuale sospensione delle lezioni
Covid-19, Decaro: «A Bari 398 casi totali. Rispettiamo le regole anche fuori dalle scuole» Covid-19, Decaro: «A Bari 398 casi totali. Rispettiamo le regole anche fuori dalle scuole» Il sindaco: «Chiuse solo tre classi per bambini positivi. Parecchi ricoveri, però le terapie intensive non sono a livello di saturazione»
Assembramenti davanti alle scuole, appello al Comune di Bari Assembramenti davanti alle scuole, appello al Comune di Bari Il consigliere Picaro: Chiediamo urgentemente un intervento risolutivo
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.