Auchan casamassima. <span>Foto google maps</span>
Auchan casamassima. Foto google maps
Scuola e Lavoro

Auchan in Puglia, sempre più complicato il passaggio a Conad

Futuro al momento "garantito" solo ad un terzo della rete di vendita, proclamato lo stato di agitazione

È arrivato ad un punto di rottura il confronto tra le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Conad sul passaggio dei punti vendita Auchan e Sma. È stata inviata la richiesta di incontro al Ministero dello Sviluppo Economico da parte delle federazioni sindacali nazionali che accusano Conad di non essere in grado di garantire la salvaguardia occupazionale e di peggiorare le condizioni di lavoro.

Solo un terzo della rete vendita al momento ha un futuro e anche su questo limitato perimetro non è garantita l'occupazione. La Filcams Cgil denuncia che le cooperative aderenti al mondo Conad non hanno garantito la dovuta presa di responsabilità verso i dipendenti di Auchan e Sma, il rischio evidente è che la società Bdc, costituita dal finanziere Mincione e dal numero uno di Conad Pugliese per l'acquisizione, non abbia nessun piano industriale. Così la multinazionale francese ha abbandonato 18000 dipendenti senza neanche salutare e chi si professa di essere il salvatore deve ancora dimostrare tutto.

«Ci saremmo aspettati un approccio più responsabile da parte delle cooperative facenti capo al marchio Conad - afferma Alessio Di Labio segretario nazionale della Filcams Cgil Nazionale - invece al confronto, Conad ha portato solo quel terzo della rete vendita che gli interessa».

Nella nota inviata al Ministero dello Sviluppo Economico i sindacati di categoria denunciano inoltre comportamenti antisindacali verso i lavoratori mentre le delegazioni trattavano. «Il comportamento di alcune cooperative ha compromesso un dialogo già difficile con i rappresentanti nazionali di Conad, ci aspettiamo che almeno di fronte alle istituzioni Conad dimostri maggior serietà» conclude Di Labio.

«Abbiamo ridotto le nostre richieste ad un nucleo essenziale di proposte innovative che superasse un sistema di regole rigide per far compiere al confronto negoziale un passo in avanti ma purtroppo lo sforzo dei sindacati non è stato compreso e la risposta delle controparti è stata negativa - ha stigmatizzato il segretario nazionale della Fisascat Cisl Vincenzo Dell'Orefice - si verificherà il caso paradossale che mentre i lavoratori che transiteranno entro il 31 dicembre 2019 alle dipendenze delle imprese del sistema Conad avranno applicato integralmente il contratto integrativo Sma per gli altri lavoratori il passaggio avverrà senza nessuna condivisione sul nuovo modello organizzativo».

«In particolare - ha concluso il sindacalista - ci aspettiamo di avere dalla controparte informazioni di maggior dettaglio in ordine al destino degli ipermercati non ricompresi dal passaggio, come anche sul ricorso agli ammortizzatori sociali e alle forme di incentivazione all'esodo volontario che, per la Fisascat Cisl, non può comunque prescindere da una ponderata valutazione degli effetti che si potrebbero avere sull'efficienza dei servizi soprattutto in relazione al rischio di trasferimenti unilaterali».
  • Sindacati
  • lavoro
Altri contenuti a tema
Regione Puglia, entro luglio via al concorso per oltre mille posti Regione Puglia, entro luglio via al concorso per oltre mille posti Il piano, già predisposto dall’Assessore al Personale Gianni Stea, sarà presentato nei prossimi giorni
Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta Carenza di organico nell'istituto penitenziario di Bari, sit-in di protesta Domani mattina manifestazione davanti al provveditorato regionale in via De Gasperi
Disney chiude tutti i negozi in Italia, Bari ha fatto da apripista Disney chiude tutti i negozi in Italia, Bari ha fatto da apripista Qualche mese fa abbassata definitivamente la saracinesca in via Sparano, ora tremano 230 dipendenti
Puglia, i lavoratori dei servizi museali a rischio licenziamento Puglia, i lavoratori dei servizi museali a rischio licenziamento Proclamato lo stato di agitazione, nei prossimi giorni si terranno dei sit-in dinanzi ai siti museali e archeologici
BRSI srl di Bitritto (Bari), 100 lavoratori a rischio BRSI srl di Bitritto (Bari), 100 lavoratori a rischio L'azienda ha denunciato in commissione di garanzia le segreterie provinciali di Fiom e Uilm per lo sciopero indetto il 12 maggio
Primo Maggio a Bari, Decaro: «Negozi aperti festeggiano il lavoro ritrovato» Primo Maggio a Bari, Decaro: «Negozi aperti festeggiano il lavoro ritrovato» Gigia Bucci (Cgil): «Necessario ripartire dal lavoro, ma anche dalle condizioni di sicurezza e tutela dei lavoratori»
Non solo Bari, Eataly chiude anche a Forlì Non solo Bari, Eataly chiude anche a Forlì Sono 85 in totale i dipendenti che rischiano il posto di lavoro
#RiapriAmoBari, la campagna social dei dipendenti Eataly contro la chiusura #RiapriAmoBari, la campagna social dei dipendenti Eataly contro la chiusura Sono 40 i lavoratori a tempo pieno a cui si aggiungono altri 14 part-time, tutti rischiano di restare senza lavoro
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.