piantumazione albero carbonara
piantumazione albero carbonara
Cronaca

A Carbonara ci riprovano, ripiantato l'albero in via Vaccarella

I precedenti esemplari erano stati rubati in rapida successione. Decaro: «Cittadini hanno diritto di vedere i luoghi rispettati»

Dopo i precedenti furti, a Carbonara ci riprovano. Questa mattina è stato piantato un albero di ibiscus, donato dal Comune di Bari, all'interno della rotatoria di via Vaccarella, nei pressi della scuola "Calamandrei", a Carbonara.

L'appuntamento, teso a sensibilizzare tutti i cittadini sul valore del patrimonio verde e sul rispetto degli spazi pubblici, segue due iniziative analoghe promosse dal Municipio IV nel mese di dicembre dopo il furto di due giovani alberi dalla rotatoria affidata alle cure della Pro loco di Carbonara.

«Dopo i primi due alberi, che puntualmente sono stati rubati, il Comune ha deciso di donare al Municipio e al territorio un altro albero, da piantare qui, nella stessa aiuola dove continueremo a piantare giovani alberi tutte le volte che dovessero nuovamente essere rubati - ha commentato il sindaco Antonio Decaro a margine della cerimonia. Piantare nuovamente un albero significa per noi difendere il diritto dei cittadini a veder rispettato un luogo, seppur piccolo, del loro quartiere. Oggi abbiamo voluto essere qui, insieme ai ragazzi della scuola Calamandrei, perché siano loro, che qui vivono ogni giorno, a difendere quest'albero e l'idea che in questa città a vincere devono essere i cittadini per bene, non chi ruba».

«Abbiamo voluto mettere a dimora un altro giovane albero - ha dichiarato Grazia Albergo, presidente del Municipio IV - con l'augurio che d'ora in avanti si possa dare un esempio migliore e non si perda mai di vista che i beni pubblici appartengono a tutti».
piantumazione albero carbonarapiantumazione albero carbonarapiantumazione albero carbonara
  • Quartiere Carbonara
  • Antonio Decaro
  • grazia albergo
Altri contenuti a tema
Emergenza Coronavirus, Rotary Bari Castello dona 6mila euro in buoni spesa ai bisognosi Emergenza Coronavirus, Rotary Bari Castello dona 6mila euro in buoni spesa ai bisognosi Decaro: «Tante le realtà cittadine che in questo momento stanno dimostrando la loro solidarietà»
Coronavirus, Decaro: «A Bari 217 positivi e 500 persone in quarantena» Coronavirus, Decaro: «A Bari 217 positivi e 500 persone in quarantena» Nella diretta del sindaco il dipendente Amiu contagiato: «Voi che potete, restate a casa»
Emergenza Coronavirus, una lavanderia di Bari dona 5mila euro al Comune Emergenza Coronavirus, una lavanderia di Bari dona 5mila euro al Comune I soldi saranno distribuiti ai bisognosi come buoni spesa da consumare nei supermercati del gruppo Megamark
Emergenza Coronavirus, due banche di Bari propongono "microfinanziamenti sociali" Emergenza Coronavirus, due banche di Bari propongono "microfinanziamenti sociali" Consegnato al sindaco il progetto da presentare alla città. Decaro: «Gesto di fiducia in famiglie e imprese»
Coronavirus, a Bari sono 207 i casi positivi Coronavirus, a Bari sono 207 i casi positivi Lo comunica il sindaco Decaro: «Le persone in quarantena sono 368»
Coronavirus, anche Bari si unisce al dolore per le vittime Coronavirus, anche Bari si unisce al dolore per le vittime Il sindaco Decaro e il prefetto Bellomo hanno osservato un minuto di silenzio all'esterno del Palazzo di città
Coronavirus, Decaro: «A Bari 114 contagi e 301 persone in quarantena» Coronavirus, Decaro: «A Bari 114 contagi e 301 persone in quarantena» Il sindaco: «Sul lungomare una contravvenzione da 3mila euro. Sull'autocertficazione aveva scritto "faccio le pelose"»
Coronavirus, l'idea di Medici con il camper e Comune di Bari: una task force per chi è in isolamento Coronavirus, l'idea di Medici con il camper e Comune di Bari: una task force per chi è in isolamento Si cerca personale socio-sanitario per dare il via a un servizio che garantisca counseling telefonico a chi si trova in difficoltà
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.