oggi anniversario strage Capaci cerimonia Palazzo di Citta
oggi anniversario strage Capaci cerimonia Palazzo di Citta
Attualità

A Bari una giornata di commemorazioni della strage di Capaci. Decaro: «Falcone non ha indietreggiato»

Alle 17:57, orario esatto dell'attentato del 1992, il sindaco ha deposto una corona di fiori sulla facciata del Palazzo di Città

Nella giornata odierna l'amministrazione comunale ha ricordato il 31^ anniversario della strage di Capaci, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, con la deposizione di corone d'alloro nei luoghi dedicati al ricordo dei martiri di questo tragico evento che ha segnato, al contempo, il risveglio della coscienza civile in tutto il Paese.

Alle 17.57, ora esatta della strage, presso la facciata di Palazzo di Città, il sindaco Antonio Decaro ha osservato un minuto di raccoglimento accompagnato dalle note de "Il silenzio", indossando la fascia tricolore, simbolo dell'unità nazionale e dei valori costituzionali per difendere i quali Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta persero la vita.

A seguire Decaro ha preso la parola: «La strage di Capaci non è stata una strage che ha riguardato solo le mafie siciliane - ha detto -. La strage di Capaci è stata una strage italiana che ha ammazzato il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, gli agenti della sua scorta Rocco di Cillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro e, con loro, ha tentato di ammazzare un'idea di Stato che ha combattuto la mafia a viso aperto. Perché questo ha fatto Giovanni Falcone per tutta la sua vita: ha guardato in faccia le mafie che rendevano prigioniera la sua terra e ha cercato di combatterle con le uniche armi che gli uomini delle istituzioni posseggono: le leggi».
oggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Impastatooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Impastatooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Impastatooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Impastatooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Impastatooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Impastatooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Morvillooggi anniversario strage Capaci cerimonia giardino Morvillooggi anniversario strage Capaci cerimonia Palazzo di Citta JPGoggi anniversario strage Capaci cerimonia Palazzo di Cittaoggi anniversario strage Capaci cerimonia via Di Cillooggi anniversario strage Capaci cerimonia via Di Cillooggi anniversario strage Capaci cerimonia via Di Cillooggi anniversario strage Capaci cerimonia via Di Cillooggi anniversario strage Capaci cerimonia via Falcone e Borsellinooggi anniversario strage Capaci cerimonia via Falcone e Borsellinooggi anniversario strage Capaci cerimonia via Falcone e Borsellino
Decaro ha continuato: «Giovanni Falcone non ha indietreggiato. Così come non ha indietreggiato Paolo Borsellino nonostante l'accaduto, consapevole che quello di Capaci era un messaggio rivolto anche a lui e a tutti gli uomini e le donne di Palermo che avevano deciso di non abbassare la testa. Ma abbassare la testa, lasciar morire lì a Capaci anche lo straordinario lavoro del giudice Falcone avrebbe significato farlo morire due volte. Perché è la paura il sentimento su cui la mafia fa leva attraverso le minacce, le intimidazioni, i cosiddetti avvertimenti. Ed è qui che dobbiamo intervenire noi, le istituzioni, e lavorare insieme alle scuole, le parrocchie, e le associazioni dobbiamo essere più forti nel costruire quella rete di protezione culturale e sociale che non lascia spazio alle loro voci. Anche a questo serve ricordare la giornata di oggi e l'esempio di Giovanni Falcone. A ricordarci che la paura è un sentimento naturale ma se si condivide con chi ti sta accanto ha meno forza e non ti impedisce di scegliere di stare dalla parte giusta. A Giovanni Falcone, alla sua scorta, a Francesca Morvillo, a tutti i servitori dello Stato, oggi dedichiamo idealmente l'inizio dei lavori che permetteranno finalmente a Bari di avere una sede giudiziaria degna dell'importanza delle sue funzioni e del suo lavoro per la nostra comunità. A loro dedichiamo il nostro impegno per la realizzazione di quest'opera, affinché tutti gli operatori di giustizia sappiano che il loro lavoro per la città di Bari è importante, sebbene per troppo tempo non abbia ricevuto l'attenzione che merita. Grazie per quello che fate per la nostra città».

In mattinata si sono svolte altre cerimonie commemorative, che hanno visto la deposizione di corone di alloro in via Rocco Dicillo, in via Falcone e Borsellino, nel giardino Francesca Morvillo e nel giardino Peppino Impastato (presso l'Albero Falcone).

Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, dichiara: «Il 23 maggio ricordiamo il giudice Giovanni Falcone, la moglie e magistrata Francesca Morvillo, gli uomini della scorta Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro, entrambi pugliesi, e Vito Schifani, che 31 anni fa persero la vita nella strage di Capaci. Onoriamo le loro storie, insieme a quelle di tutte le vittime innocenti di mafia, per dare sostanza ai valori della legalità, della giustizia, della solidarietà e tenere a mente che questi valori vivono nelle piccole cose di ogni giorno e si alimentano attraverso le nostre scelte quotidiane. Come Regione Puglia crediamo e investiamo tanto nell'antimafia sociale. Nel solco della lezione di Giovanni Falcone abbiamo creato la Fondazione "Stefano Fumarulo", per rafforzare i progetti di cultura della legalità, tenere alta la memoria di queste persone straordinarie che non ci sono più, contrastare le mafie attraverso la conoscenza e il buon esempio da trasmettere alle generazioni più giovani».
  • Antonio Decaro
  • giovanni falcone
Altri contenuti a tema
Waterfront Santo Spirito, Decaro annuncia la fine del secondo step dei lavori - VIDEO Waterfront Santo Spirito, Decaro annuncia la fine del secondo step dei lavori - VIDEO Viabilità ancora difficile sul lungomare Cristoforo Colombo ma il primo cittadino uscente spiega
Gioia per Decaro all'Europarlamento: «Vi porterò con me» Gioia per Decaro all'Europarlamento: «Vi porterò con me» Le dichiarazioni dopo i risultati del voto. «Continuerò ad essere “il sindaco” che avete conosciuto e che avete scelto, solo di una comunità più allargata»
Decaro: è boom di preferenze a Bari. Il PD guida in vetta i risultati delle europee Decaro: è boom di preferenze a Bari. Il PD guida in vetta i risultati delle europee L'ex sindaco supera la premier Meloni come candidato più suffragato in Puglia
SSC Bari, Aurelio De Laurentiis: «Prima del 2028 non cedo». Decaro: «Subito passaggio di proprietà» SSC Bari, Aurelio De Laurentiis: «Prima del 2028 non cedo». Decaro: «Subito passaggio di proprietà» Il patron: «Senza di noi la società fallirà». Il sindaco: «Sembra l’imitazione di se stesso. Basta umiliazioni»
Il sindaco Decaro incontra il Bari nel ritiro di Altamura Il sindaco Decaro incontra il Bari nel ritiro di Altamura Il primo cittadino lo aveva annunciato nelle giornata di ieri
Europee, Decaro ufficializza la candidatura: «Bari all’altezza delle grandi città d’Europa» Europee, Decaro ufficializza la candidatura: «Bari all’altezza delle grandi città d’Europa» Dopo due mandati da sindaco di Bari, Antonio Decaro ufficializza la corsa alle europee e spiega i motivi della sua candidatura
Addio alle primarie, Decaro: «Rammaricato che il Movimento 5 Stelle abbia deciso di abbandonare» Addio alle primarie, Decaro: «Rammaricato che il Movimento 5 Stelle abbia deciso di abbandonare» La dichiarazione a margine della piantumazione dei primi alberi alla corte don Bosco al San Paolo questa mattina
Voto di scambio, Decaro: «La cosa non mi soprende» Voto di scambio, Decaro: «La cosa non mi soprende» Il sindaco ha ricordato anche in questa occasione le denunce da lui presentate
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.