Umberto Eco
Umberto Eco
Convegni

Claudio e Giandomenico Crapis presentano "Umberto Eco e il Pci"

sabato 1 aprile 2017
18:00 Ingresso libero
Libreria Laterza
Il 5 e il 12 ottobre 1963, in un momento in cui emergevano tumultuosamente fermenti nuovi nel campo della società e della cultura, il settimanale del Pci «Rinascita» pubblicava un lungo articolo di Umberto Eco «sui problemi della cultura di opposizione». Ne scaturì una vivace discussione che si protrasse per mesi, nella quale intervennero intellettuali ed esponenti del Partito.

Il saggio di Eco gettava un sasso nello stagno delle strategie estetiche marxiste: la precoce notorietà del giovane intellettuale, la novità dell'impostazione, la vastità dei riferimenti, l'introduzione di temi inediti, e la capacità di tenere insieme "alto" e "basso", nonché di spaziare in campi tra loro molto diversi – dalla musica di Celentano all'antropologia di Lévi-Strauss – ne facevano immediatamente una provocazione feconda per la cultura di sinistra. Nel suo scritto egli metteva spregiudicatamente al centro dell'analisi la società di massa, i suoi gusti, i suoi consumi, i suoi miti. Il dibattito non si fece attendere, coinvolgendo in prima persona figure come la dirigente comunista Rossana Rossanda, il filosofo Louis Althusser, il poeta Edoardo Sanguineti. Il denso intervento, e la sua intrinseca politicità, sembra però essere sfuggito in questi decenni alla maggior parte della letteratura critica, dimenticato o tuttalpiù rubricato nella storia del Gruppo 63. È invece qui riproposto, insieme ad una sua puntuale e approfondita analisi critica, storica e semiologica condotta da Claudio e Giandomenico Crapis.

Soprattutto per l'attualità che quella riflessione riveste ancora oggi, se solo si pensa ai diffusi atteggiamenti di sdegnoso rifiuto o – specularmente – di acritica accettazione da parte di intellettuali e politici di sinistra rispetto alla popular culture; e alla rinuncia, nell'uno e nell'altro caso, di qualsiasi tentativo di analisi che vada al di là della ratificazione del già esistente. Ma il lungo intervento è interessante anche per due altre ragioni. Perché esso anticipava la successiva svolta semiotica dell'autore e perché faceva emergere un aspetto forse inesplorato del primo Eco: la ricerca, lui già cattolico, di un rapporto con la cultura marxista e il tentativo di coniugare Marx con nuove scienze come lo strutturalismo, senza mai abbandonare la forte tensione all'impegno, in un'ottica, come egli sottolineava, "modificatoria" della realtà. Un aspetto, questo, che l'articolo su «Rinascita» illumina di nuovo interesse.

Claudio Crapis, laureato in lettere classiche con Eco a Bologna con una tesi sulla semiotica di Cicerone e Quintiliano, dirigente scolastico, ha pubblicato articoli in varie riviste specializzate («Versus», «Aufidus», «Segni e Comprensione», «Carte semiotiche»); ha curato la voce "Antichità" per il Dizionario della pubblicità (Zanichelli, 1994); ha scritto (con Giovanni Manetti) La théorie contemporaine du signe et la rhétorique ancienne, in S. Ijsserling – G. Vervaecke, Renaissances of Rhetoric (Leuven University Press, 1994).

Giandomenico Crapis, medico, nonché storico della tv e della cultura di massa, ha pubblicato, tra l'altro, Il frigorifero del cervello. Il Pci e la tv da Lascia o raddoppia alla battaglia contro gli spot (Editori Riuniti, 2002), Politica e televisione negli anni '90 (Meltemi, 2006), Ha vinto la tv. 60 anni di politica e televisione da De Gasperi a Grillo (Imprimatur, 2014) e il recente Enzo Biagi. Lezioni di televisione (Rai Eri, 2016). Ha scritto per «l'Unità» e «il Fatto Quotidiano». Collabora attualmente con «il manifesto».
  • Cultura
Altri contenuti a tema
Capitale della Cultura 2022, Bari tra le 10 finaliste. Pierucci: «Traguardo straordinario» Capitale della Cultura 2022, Bari tra le 10 finaliste. Pierucci: «Traguardo straordinario» L'assessore: «Notizia bellissima che ci riempie di orgoglio in un momento molto difficile, soprattutto per l'ambito culturale»
Bando "Custodiamo il turismo e la cultura in Puglia", proroga al 21 dicembre. Ricevute 649 domande Bando "Custodiamo il turismo e la cultura in Puglia", proroga al 21 dicembre. Ricevute 649 domande Previsti aiuti in forma di sovvenzione diretta per le piccole e medie imprese del territorio regionale. Già richiesti fondi 14 milioni
Puglia, nel settore cultura nate 147 imprese e creati oltre 4 mila posti di lavoro Puglia, nel settore cultura nate 147 imprese e creati oltre 4 mila posti di lavoro I numeri vengono fuori da un report presentato stamattina in Fiera e relativo al quinquennio 2014/2019
Gli assessori alla Cultura di 10 città d'Italia scrivono al Governo, Pierucci: «Il settore continui a lavorare» Gli assessori alla Cultura di 10 città d'Italia scrivono al Governo, Pierucci: «Il settore continui a lavorare» «Il comparto ha dimostrato attenzione e ha adottato ogni misura indicata per consentire lo svolgimento delle attività in sicurezza»
Puglia, visite al museo in un click con Io Prenoto Puglia, visite al museo in un click con Io Prenoto Dall'1 ottobre possibile scaricare la app che permette di ottimizzare gli accessi, ecco le strutture già aderenti
Emergenza Coronavirus, sospese le domeniche gratis al museo in Puglia Emergenza Coronavirus, sospese le domeniche gratis al museo in Puglia La decisione dovuta all'evolversi della situazione epidemiologica a livello internazionale e al carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia
Arene culturali arriva all'ultima settimana, il programma degli eventi gratuiti a Bari Arene culturali arriva all'ultima settimana, il programma degli eventi gratuiti a Bari Dagli spettacoli alla "Casa di Pulcinella" agli interventi di Gianni Ciardo fra Orto Domingo e arena Airiciclotteri
Comune di Bari, entro il 25 settembre aggiornamento albo operatori culturali 2020 Comune di Bari, entro il 25 settembre aggiornamento albo operatori culturali 2020 Le iscrizioni dovranno pervenire obbligatoriamente in via telematica
© 2001-2020 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.