Sheraton Bari
Sheraton Bari
Scuola e Lavoro

Servizio pulizie al Nicolaus, l'azienda: «Nessun obbligo, ma assumeremo tutti»

Le Soluzioni Hotel Services risponde ai sindacati dopo la manifestazione tenutasi nella mattinata di ieri

Le Soluzioni Hotel Services, azienda aggiudicataria del servizio housekeeping da svolgersi presso le strutture Nicolaus ed HI HOTEL di Bari a partire dal primo giugno, dopo la manifestazione di ieri dei dipendenti e le dichiarazioni dei sindacati di categoria, risponde alle "accuse" con una lunga nota che riceviamo e pubblichiamo integralmente:

«In relazione alla notizia apparsa relativa allo stato di agitazione promosso dalla Cgil - Cisl – Uil presso il Nicolaus Hotel di Bari vogliamo precisare che: la società Le Soluzioni ha sottoscritto un contratto di servizio di housekeeping da svolgersi presso le strutture Nicolaus ed HI HOTEL di Bari a partire dal 01.06.2022; la società LE SOLUZIONI Scarl è stata invitata, presso la sede della CgiL il 30 maggio 2022 per discutere di un eventuale accordo avente ad oggetto i rapporti di lavoro dei dipendenti in forza sulla società uscente fino al 31 maggio 2022. Si fa notare che l'incontro è avvenuto due giorni prima dell'inizio del nuovo appalto. La società LE SOLUZIONI ha partecipato all'incontro senza avere in quel momento e senza avere neppure adesso ricevuto un qualsivoglia documento che illustrasse la situazione del rapporto lavorativo dei dipendenti quindi era ed è allo scuro dei trattamenti retributivi, dei livelli di inquadramento e di ogni altro elemento che regolava e regola il rapporto esistente dei soggetti con la società uscente. La scrivente ha avuto a sua disposizione solo e soltanto un elenco nominativa con la suddivisione tra dipendenti a tempo indeterminato e dipendenti intermittenti. La società LE SOLUZIONI opera nel settore delle pulizie e non nel settore turismo ed è per questo che adotta il CCNL MULTISERVIZI UGL e non il contratto TURISMO richiesto dai sindacati non applicabile a società come la nostra per i servizi di pulizia. Secondo la normativa vigente il CCNL vincola chi lo adotta e siccome per legge non può essere imposto a nessuna società non può produrre effetti su chi ha deciso di adottare un CCNL diverso. Per quanto appena scritto, l'obbligo di assunzione previsto nel CCNL TURISMO in caso di cambio di gestione dei servizi obbligherebbe solo un'altra società che adottasse lo stesso contratto, nella fattispecie Le Soluzioni adottando un CCNL diverso non si trova obbligata in nessun modo al mantenimento dei dipendenti in forza presso la società uscente. Pur non avendo nessun obbligo, Le Soluzioni, ha espresso la volontà di mantenere i livelli occupazionali assumendo tutti i dipendenti in forza presso la società uscente, mantenendo il contratto indeterminato per chi già aveva un rapporto indeterminato e stabilizzando gli intermittenti con un contratto a tempo determinato. Sempre nel rispetto delle leggi e della normativa vigente la società Le Soluzioni ha espresso la decisione di istaurare rapporti ex novo così come la legge indica. Ancora nel completo rispetto della legge, la scrivente ha seguito la procedura prevista in caso di mancato accordo, la mattina del giorno 31 maggio 2022 ha prima contattato telefonicamente e poi a mezzo pec l'Ispettorato del Lavoro di Bari per richiedere un incontro che possa avere come intento l'ottenimento di un accordo tra le parti. Quanto sopra per onore di verità e per far capire, in parte, la successione degli eventi».
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
Vertenza Natuzzi, raggiunto l'accordo per la cassa integrazione Vertenza Natuzzi, raggiunto l'accordo per la cassa integrazione La Cigs interesserà complessivamente 449 addetti e vigerà per il periodo 14 Febbraio - 31 Dicembre 2023
Cgil in piazza contro la manovra finanziaria, Gesmundo: «​È assurda, squilibrata e iniqua». Cgil in piazza contro la manovra finanziaria, Gesmundo: «​È assurda, squilibrata e iniqua». Corteo questa mattina in centro città sotto la pioggia, sarà presente anche il segretario nazionale Landini
Baritech, spunta una proposta. Solo 48 ore per renderla reale Baritech, spunta una proposta. Solo 48 ore per renderla reale In riunione Sepac si è presentato un procuratore di alcune aziende, tempi sempre più ristretti
Spiraglio per il futuro della Baritech, si decide tutto a fine mese Spiraglio per il futuro della Baritech, si decide tutto a fine mese Un imprenditore si è dichiarato disposto anche ad assumere i 115 dipendenti
Nessuna novità sul futuro del Palace, Saiga non si presenta in task force regionale Nessuna novità sul futuro del Palace, Saiga non si presenta in task force regionale Timore per i 42 dipendenti a cui scade la cassa integrazione il 31 dicembre
Crisi Baritech, i dipendenti occupano la struttura Crisi Baritech, i dipendenti occupano la struttura La decisioni in seguito alla notizia che si stia provvedendo alla vendita del capannone
Vertenza Baritech, 117 dipendenti senza futuro. Serie di manifestazioni Vertenza Baritech, 117 dipendenti senza futuro. Serie di manifestazioni A partire da domani i sindacati hanno organizzato diverse proteste
Sit-in delle guardie giurate in piazza: «No alla valigette implodenti» Sit-in delle guardie giurate in piazza: «No alla valigette implodenti» La manifestazione nella giornata di ieri, i sindacati: «Attendiamo risposte oppure metteremo in atto altre proteste»
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.