Unauto dei carabinieri
Unauto dei carabinieri
Cronaca

Scomparso da Altamura nel 2006, 4 arresti per l'omicidio di Biagio Genco

Il cadavere non fu mai ritrovato, coinvolto il boss Dambrosio ucciso anche lui qualche anno dopo, nel 2010

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un'ordinanza applicativa di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nella quale vengono riconosciuti gravi indizi di colpevolezza nel procedimento a carico di quattro persone, tutte originarie di Altamura, accusate a vario titolo di omicidio aggravato in concorso, detenzione e porto illegale di armi. Il tutto, con l'aggravante del metodo mafioso.

Secondo l'impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), il pomeriggio del 17 novembre 2006, la vittima, 32enne del posto, condotta a bordo della propria auto con un inganno nelle campagne di Altamura da due persone (fra le quali Bartolo Dambrosio, ritenuto il capo dell'omonimo clan, a sua volta vittima di omicidio nel 2010), veniva colpita a distanza ravvicinata da tre colpi di fucile esplosi da uno degli odierni arrestati, ora 56enne, con il supporto logistico degli altri tre (di 45, 57 e 61 anni), che poi provvedevano a spostare e a nascondere l'auto della vittima, il cui cadavere non è stato mai ritrovato.

Le indagini, condotte in più fasi dai militari del Reparto Operativo - Nucleo Investigativo e coordinate dalla DDA di Bari, sviluppate perlopiù mediante servizi di osservazione e pedinamento e per mezzo di attività tecniche, supportate inoltre da diverse dichiarazioni di collaboratori di giustizia, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico degli odierni indagati e di individuare il movente del grave fatto delittuoso, tuttora caso di "lupara bianca". Il mandante, infatti, allora a capo dell'omonimo sodalizio criminale (non imputato per sopraggiunta morte del reo), avrebbe commissionato e partecipato all'omicidio, unitamente ai quattro arrestati odierni, per agevolare l'attività mafiosa del proprio gruppo criminale, con il quale la vittima, pur avendone fatto parte, era entrato in contrasto sì da progettare a sua volta un attentato ai danni dello stesso capo clan.

Il quadro indiziario raccolto dai Carabinieri a carico dell'indagato è stato condiviso dalla Procura della Repubblica di Bari che ha avanzato richiesta di emissione di misura cautelare. Il Gip del Tribunale di Bari, accogliendo la richiesta, ha disposto la cattura delle quattro persone, delle quali tre già detenute per altra causa.

È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che, all'esecuzione della misura cautelare odierna, seguirà l'interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa dell'indagato, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Omicidio Petrone, indagati alcuni complici dell'assassino Omicidio Petrone, indagati alcuni complici dell'assassino Il caso riaperto in seguito alla presentazione di una memoria sugli atti del processo consegnata nel 2017
Rissa in corso Italia a Bari, trovato morto un uomo. Indagini in corso Rissa in corso Italia a Bari, trovato morto un uomo. Indagini in corso Sul posto, nei pressi del sottovia Quintino Sella, sono intervenuti i carabinieri
Omicidio Ladisa a Bari, il cognato dice la sua: «La pistola era di Nicola» Omicidio Ladisa a Bari, il cognato dice la sua: «La pistola era di Nicola» Musciacchio, costituitosi ieri sera, avrebbe confessato e raccontato agli inquirenti la sua versione
Omicidio Ladisa al Libertà di Bari, fermato il cognato Omicidio Ladisa al Libertà di Bari, fermato il cognato L'uomo avrebbe confessato in questura, il delitto a causa di probabili dissapori economici
Sparatoria al Libertà, la vittima è Nicola Ladisa Sparatoria al Libertà, la vittima è Nicola Ladisa L'uomo è stato colpito da diversi colpi, indaga la squadra mobile
Aggredito e poi colpito alle spalle mentre scappava, la morte di Di Giacomo resta avvolta nel mistero Aggredito e poi colpito alle spalle mentre scappava, la morte di Di Giacomo resta avvolta nel mistero I risultati dell'autopsia delineano il quadro di quanto accaduto. L'uomo non è morto sul colpo
Omicidio Di Giacomo a Bari, il giallo della lettera anonima Omicidio Di Giacomo a Bari, il giallo della lettera anonima Intanto emerge la possibilità che ci siano dei testimoni che avrebbero visto l'assassino fuggire
Morte Di Giacomo, il figlio: «È assurdo perdere la vita così» Morte Di Giacomo, il figlio: «È assurdo perdere la vita così» In una nota il cordoglio dell'ordine dei fisioterapisti
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.