carabinieri JPG
carabinieri JPG
Cronaca

Omicidio a Capurso, l'autopsia: Vito Caputo ucciso da un fendente al torace

Tre sono gli indagati per rissa con l'aggravante del decesso di uno dei partecipanti. Sequestrata un'Audi

È stato lo shock emorragico dovuto a un'importante lesività toracica provocata da un'arma bianca a causare la morte del 29enne Vito Caputo, assassinato giovedì pomeriggio a Capurso, alle porte di Bari, al termine di un inseguimento in auto culminato in una rissa finita a coltellate. Lo ha accertato l'autopsia, eseguita dal prof. Francesco Introna dell'Università di Bari.

Come riportato dall'agenzia di stampa Ansa, sul torace e su altre parti del corpo della vittima sono state trovate diverse lesioni (meno di 10) da taglio e punta che hanno leso organi vitali. La più grave è quella che ha provocato il decesso del muratore 29enne in poco tempo.

L'autopsia non è stata, però, in grado di accertare con che tipo di coltello sia stata ferita la vittima, né se le ferite siano state provocate da una o da più armi bianche; le lesioni, infatti, appaiono diverse tra loro e finora non sono state sequestrate armi per rendere possibile una comparazione con le ferite presenti sul corpo.

Oggi il medico legale, su incarico ricevuto dal pm del Tribunale di Bari, Michele Ruggiero, visiterà in ospedale le tre persone rimaste ferite nella rissa così da mettere a referto anche le loro lesioni: Renato e Pietro Canonico, padre e figlio di 50 e 25 anni, di Capurso, e Fabio Domenico Chiarelli, di 26 anni, di Mola di Bari. Stando alle ricostruzioni, Chiarelli si trovava con Caputo al momento della rissa e si contrapponeva ai due Canonico. I tre feriti sono indagati a piede libero per rissa con l'aggravante del decesso di uno dei partecipanti.

Intanto, nelle ultime ore i carabinieri avrebbero sequestrato un'Audi bianca e identificato le due persone a bordo. Queste - secondo alcune ipotesi - avrebbero supportato l'azione di Caputo e Chiarelli e consentito a quest'ultimo di allontanarsi dal luogo del delitto subito dopo i fatti. Movente del delitto sarebbe una lite familiare per un bimbo conteso al culmine della quale, nei giorni scorsi, era stata incendiata l'auto della mamma del piccolo.
  • Omicidio
  • Capurso
Altri contenuti a tema
Omicidio Petrone, indagati alcuni complici dell'assassino Omicidio Petrone, indagati alcuni complici dell'assassino Il caso riaperto in seguito alla presentazione di una memoria sugli atti del processo consegnata nel 2017
Rissa in corso Italia a Bari, trovato morto un uomo. Indagini in corso Rissa in corso Italia a Bari, trovato morto un uomo. Indagini in corso Sul posto, nei pressi del sottovia Quintino Sella, sono intervenuti i carabinieri
Omicidio Ladisa a Bari, il cognato dice la sua: «La pistola era di Nicola» Omicidio Ladisa a Bari, il cognato dice la sua: «La pistola era di Nicola» Musciacchio, costituitosi ieri sera, avrebbe confessato e raccontato agli inquirenti la sua versione
Omicidio Ladisa al Libertà di Bari, fermato il cognato Omicidio Ladisa al Libertà di Bari, fermato il cognato L'uomo avrebbe confessato in questura, il delitto a causa di probabili dissapori economici
Sparatoria al Libertà, la vittima è Nicola Ladisa Sparatoria al Libertà, la vittima è Nicola Ladisa L'uomo è stato colpito da diversi colpi, indaga la squadra mobile
Aggredito e poi colpito alle spalle mentre scappava, la morte di Di Giacomo resta avvolta nel mistero Aggredito e poi colpito alle spalle mentre scappava, la morte di Di Giacomo resta avvolta nel mistero I risultati dell'autopsia delineano il quadro di quanto accaduto. L'uomo non è morto sul colpo
Omicidio Di Giacomo a Bari, il giallo della lettera anonima Omicidio Di Giacomo a Bari, il giallo della lettera anonima Intanto emerge la possibilità che ci siano dei testimoni che avrebbero visto l'assassino fuggire
Morte Di Giacomo, il figlio: «È assurdo perdere la vita così» Morte Di Giacomo, il figlio: «È assurdo perdere la vita così» In una nota il cordoglio dell'ordine dei fisioterapisti
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.