Unità operativa del dottor Cormio
Unità operativa del dottor Cormio
Attualità

Istituto Giovanni Paolo II di Bari, asportato tumore uterino di 40 chili

La maxi operazione, lunga nove ore, è stata condotta dall'unità operativa del dottor Cormio

Un tumore uterino di oltre 40 chili è stato rimosso nel corso di un'operazione di 9 ore eseguita all'Istituto Tumori di Bari, Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. L'intervento è stato portato a termine dall'equipe dell'unità operativa di ginecologia oncologica clinicizzata, guidata dal prof. Gennaro Cormio.
La paziente, 42 anni, si era inizialmente rivolta ad un chirurgo in altra struttura, convinta di doversi sottoporre ad un intervento bariatrico per la riduzione del peso corporeo, che aveva raggiunto i 134 chili. Il chirurgo si è accorto di una enorme tumefazione addominale e ha indirizzato la paziente all'oncologico di Bari.

Qui la donna è stata presa in carico dal COrO, il Centro di Orientamento Oncologico, che l'ha sottoposta subito a Tac e controllo ginecologico.

Gli esami hanno evidenziato la presenza di una massa (60x55 cm) che occupava completamente la cavità addominale e che comprimeva diversi organi, i grossi vasi e gli ureteri. È stata dunque fissata subito una data per l'intervento durante il quale il team operatorio del prof. Gennaro Cormio ha rimosso in blocco la massa, senza rottura della sua capsula.

Durante l'intervento è stato asportato l'utero, con tube e ovaie, il pannicolo adiposo pendulo dell'addome, del peso di 12 chili, e, infine, si è provveduto alla ricostruzione della parete addominale. La gestione intraoperatoria e postoperatoria è stata affidata al personale dell'unità operativa di anestesia e terapia intensiva diretta dal dr. Giuseppe Carravetta.
La paziente, che ora pesa 82 chili, sta seguendo il regolare decorso postoperatorio. Gli esami istologici indicheranno di che natura è il tumore rimosso e, in base a questa informazione, gli oncologi indicheranno le terapie adeguate da seguire.
'Un intervento di certo eccezionale - così il direttore generale Alessandro Delle Donne - visto che è raro che i tumori assumano tali forme e dimensioni. Ma, per certi versi, anche un intervento di routine, per un Istituto che ha deciso di potenziare la presa in carico dei pazienti, attraverso un CoRo che punta su team multidisciplinari e rapidità d'accesso ad esami e visite, e che si affida alla competenza e all'esperienza dei nostri medici, in questo caso un docente universitario. L'unità operativa di ginecologia oncologica, infatti, è clinica universitaria, grazie ad un accordo sottoscritto due anni fa fra università di Bari, regione Puglia e questo Istituto, un accordo finalizzato proprio a garantire cure migliori per i pazienti, con personale qualificato e costantemente aggiornato. Le ricadute di queste scelte strategiche sono evidenti in storie eccezionali come questa'.

'Questo Istituto - così il presidente del consiglio di Indirizzo e Verifica dell'istituto, Gero Grassi - dimostra di essere in grado di affrontare anche le sfide e gli interventi più complessi'.
  • istituto tumori giovanni paolo ii
Altri contenuti a tema
Tumore della tiroide, eseguito a Bari primo intervento con echolaser Tumore della tiroide, eseguito a Bari primo intervento con echolaser È stato realizzato al Giovanni Paolo II, durato solo 3 minuti ha permesso di dimettere il paziente dopo qualche ora
Rapporto Agenas, il Giovanni Paolo II di Bari tra i migliori ospedali italiani Rapporto Agenas, il Giovanni Paolo II di Bari tra i migliori ospedali italiani L'istituto tumori al 25mo posto tra le strutture che offrono la chirurgia oncologica
Soldi da paziente per saltare liste d'attesa, l'oncologico di Bari licenzia il dottor Lorusso Soldi da paziente per saltare liste d'attesa, l'oncologico di Bari licenzia il dottor Lorusso Il medico era stato arrestato a luglio con le accuse di peculato e concussione, a cui era seguita la sospensione
Notte dei ricercatori, al Kursaal di Bari appuntamento con Cecchi Paone e Ilaria Capua Notte dei ricercatori, al Kursaal di Bari appuntamento con Cecchi Paone e Ilaria Capua Venerdì sera tra gli ospiti anche Beatrice Lorenzin. Il momento musicale affidato al conservatorio Piccinni
Fondi Pnrr e Fesr, all'Oncologico di Bari 12 milioni per la rivoluzione tecnologica Fondi Pnrr e Fesr, all'Oncologico di Bari 12 milioni per la rivoluzione tecnologica Acquistati nuovi macchinari: acceleratore lineare, TC, risonanza, mammografi, ecografi, telecomandato
Oncologico di Bari, da giugno eseguiti 521 interventi chirurgici Oncologico di Bari, da giugno eseguiti 521 interventi chirurgici Crescono prestazioni ambulatoriali. Nel 2019 erano 729mila, 918mila del 2022 e se ne prevedono 1 milione e 29mila quest'anno
Istituto tumori di Bari, il signor Pasquale suona per i pazienti in ambulatorio Istituto tumori di Bari, il signor Pasquale suona per i pazienti in ambulatorio «Tutti i mes ci viene a trovare e ci regala la sua musica per accompagnare chi è in attesa di una visita»
All'oncologico di Bari arriva la cartella clinica elettronica, i tablet al letto del paziente All'oncologico di Bari arriva la cartella clinica elettronica, i tablet al letto del paziente Un'iniziativa di ammodernamento che si inserisce nel progetto di sanità digitale della Regione Puglia
© 2001-2023 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.