Turisti a Bari
Turisti a Bari
Turismo

Imposta di soggiorno a Bari, stabilite le tariffe. Si pagherà da 1,5 a 4 euro

Di seguito tutto il "tariffario" deciso dall'amministrazione comunale

La giunta comunale ha approvato oggi la delibere riportanti le tariffe relative all'imposta di soggiorno da applicare sulla base della tipologia delle strutture ricettive presenti in città. La delibera definisce, quindi, i criteri specifici relativi al pagamento dell'imposta da parte di tutte le persone che soggiorneranno a Bari, nelle modalità definite dal regolamento presente in appendice alla delibera istitutiva dell'imposta discussa e adottata in Consiglio Comunale in data 25.07.2023.
La misura dell'imposta è determinata per persona e per pernottamento ed è graduata e commisurata con riferimento alla tipologia delle strutture ricettive o di altre tipologie ricettive definite dalla normativa regionale; l'imposta è applicata fino a un massimo di quattro pernottamenti consecutivi nel corso dell'anno solare.
L'imposta avrà effetto dal primo giorno del secondo mese successivo a quello della pubblicazione effettuata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze entro i quindici giorni lavorativi successivi alla data di inserimento nel portale del federalismo fiscale.
"Oggi abbiamo fatto un ulteriore passo nel lungo percorso che ci ha portati ad approvare un provvedimento molto importante per la città di Bari – spiega l'assessora al Turismo Ines Pierucci -. Dopo un lunghissimo lavoro, fatto di concerto con tutti i soggetti presenti al tavolo della associazioni di categoria del settore che hanno voluto collaborare, abbiamo approvato oggi le tariffe relative ai soggiorni nelle strutture ricettive, che ha tenuto conto delle richieste e delle proposte proprio delle associazioni. Abbiamo di fatto accolto la proposta dell'equiparazione della tassa sulle strutture extralberghiere a 2 euro comprese le locazioni brevi, in linea con quanto accade in tutte le città italiane che hanno istituito l'imposta nelle nostre medesime modalità. In attesa della pubblicazione da parte del Ministero, auspichiamo l'entrata in vigore entro ottobre così da valorizzare la presenza turistica già per il periodo a cavallo tra natale e capodanno che negli anni scorsi ha fatto registrare una notevole presenza di turisti. Nel frattempo continueranno i controlli e le operazioni della task forse comunale per il contrasto all'abusivismo nelle strutture ricettive così da un lato sanzionare chi opera alle spalle delle strutture autorizzate e dall'altro favorire l'emersione di tante strutture che scelgono di lavorare nel rispetto delle regole come già abbiamo potuto constatare in questi mesi di attività. In questi anni in cui il turismo a Bari è cresciuto abbiamo constatato di quanto l'offerta culturale rappresenti un importante attrazione per la scelta della destinazione, se programmata per tempo. I biglietti del concerto di Robert Plant, ad esempio, che si terrà a Bari il 1 settembre sono stati acquistati da tutta Europa e dagli Stati Uniti, a dimostrazione di quanto una città come Bari possa essere scelta come le grandi città per delle occasioni culturali internazionali."
Di seguito le tariffe indicate per l'imposta di soggiorno valida per ogni pernottamento e fino a un massino di 4 pernottamenti consecutivi, nelle seguenti strutture della città di Bari.
STRUTTURE ALBERGHIERE
Alberghi 5 stelle lusso € 4,00
Alberghi 5 stelle € 4,00
Alberghi 4 stelle € 3,00
Alberghi 3 stelle € 2,00
Alberghi 2 stelle € 1,50
Alberghi 1 stella € 1,50
Residenze tur. alberghiere 4 stelle € 3,00
Residenze tur. alberghiere 3 stelle € 2,00
Residenze tur. alberghiere 2 stelle € 1,50
STRUTTURE EXTRA ALBERGHIERE
Affittacamere € 2,00
Alloggi agrituristici € 2,00
Altri esercizi ricettivi € 2,00
Bed & breakfast € 2,00
Locazioni brevi € 2,00
Campeggi 4 stelle € 3,00
Campeggi 3 stelle € 2,00
Campeggi 2 stelle € 1,50
Campeggi 1 stella € 1,50
Case e appartamenti vacanza € 2,00
Case per ferie € 2,00
Ostelli della gioventù € 2,00
Villaggi turistici 4 stelle € 3,00
Villaggi turistici 3 stelle € 2,00
Villaggi turistici 2 stelle € 1,50
Si ricorda che, come da regolamento approvato, esistono diversi casi e tipologie di esenzioni dal pagamento dell'imposta di soggiorno, che riguardano:
a. i residenti nel Comune di Bari;
b. i minori entro il quattordicesimo anno di età;
c. gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati dalle agenzie di viaggio e turismo. L'esenzione si applica per ogni autista di pullman e per un accompagnatore turistico ogni 20 partecipanti;
d. i malati e coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie, anche in regime di day hospital, in ragione di due accompagnatori per paziente. L'esenzione è subordinata alla presentazione al gestore della struttura ricettiva di apposita certificazione;
e. gli studenti universitari fuori sede iscritti a qualunque università avente sede nel Comune di Bari e coloro che frequentano master o scuole di specializzazione post-laurea nelle predette università;
f. persone con disabilità beneficiarie dell'indennità di accompagnamento e/o un loro accompagnatore;
g. gli appartenenti alle forze di Polizia statale, provinciale e locale, nonché al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco che pernottano per esigenze di servizio;
h. i soggetti che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche, per fronteggiare situazioni di carattere sociale o di emergenza conseguenti a eventi calamitosi o di natura straordinaria o per finalità di soccorso umanitario;
i. i volontari che prestano servizio in occasione di calamità;
j. il personale dipendente della gestione della struttura ricettiva ove svolge l'attività lavorativa.
k. i visitatori in viaggio per motivi concorsuali.
L'applicazione della riduzione del 50% dell'imposta di soggiorno è prevista per:
a) i titolari delle strutture ricettive che applicano convenzioni (corporate) per il segmento business;
b) i gruppi scolastici delle scuole medie inferiori e superiori in visita didattica;
c) gli sportivi di età inferiore a 16 anni, componenti di gruppi sportivi partecipanti a iniziative e tornei organizzati in collaborazione con l'amministrazione comunale.
I gestori delle strutture e delle altre tipologie ricettive ubicate nel Comune di Bari sono tenuti a informare, con adeguate forme di pubblicizzazione, i propri clienti e intermediari dell'applicazione dell'imposta di soggiorno, della relativa entità, delle esenzioni e sanzioni. I gestori provvedono a riscuotere l'imposta, rilasciando quietanze, emettendo una semplice ricevuta nominativa al cliente (conservandone copia) oppure inserendo il relativo importo in fattura indicandolo come "operazione fuori campo IVA".
Per poter adempiere agli obblighi dichiarativi, i gestori sono tenuti a registrarsi presso l'apposito portale web messo a disposizione dall'ente, mediante il quale, entro sette giorni dalla partenza, devono comunicare:
· il numero dei nominativi di coloro che hanno pernottato presso la propria strutture;
· il relativo periodo di permanenza;
· il numero dei pernottamenti soggetti all'imposta;
· il numero di soggetti esenti dal pagamento;
· l'imposta dovuta;
· le informazioni identificative del/dei soggetto/i passivo/i necessarie al rilascio della ricevuta telematica.
I gestori dovranno effettuare, con cadenza trimestrale, il versamento delle somme riscosse a titolo di imposta di soggiorno, entro il giorno 15 del mese successivo a quello del trimestre di riferimento secondo le modalità individuate dal regolamento.
Spetta al Comune effettuare il controllo dell'applicazione e del versamento dell'imposta di soggiorno utilizzando i vari strumenti previsti dalla normativa per il recupero dell'evasione.
Ai fini dell'esercizio dell'attività di controllo, l'amministrazione può:
a) invitare i soggetti passivi, i gestori delle strutture ricettive, i gestori delle piattaforme telematiche e gli esercenti attività di intermediazione immobiliare, a esibire o trasmettere atti e documenti;
b) inviare ai gestori delle strutture ricettive, ai gestori delle piattaforme telematiche e agli esercenti attività di intermediazione immobiliare, questionari relativi a dati e notizie di carattere specifico, con invito a restituirli compilati e firmati;
c) richiedere informazioni ai competenti uffici pubblici.
Il regolamento definisce inoltre le sanzioni amministrative previste in materia di sanzioni tributarie (D.lgs 18 dicembre 1997 nn. 471, 472 e 473) nelle seguenti modalità:
· al soggetto responsabile del pagamento dell'imposta si applica, in caso di omesso, ritardato o parziale versamento dell'imposta, la sanzione amministrativa pari al 30% dell'importo non versato, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 471 del 1997.
· al soggetto responsabile del pagamento dell'imposta in caso di omessa, incompleta o infedele dichiarazione, si applica la sanzione amministrativa dal 100 al 200 per cento dell'importo dovuto, ai sensi dell'articolo 180, D.L. n. 34 del 19 maggio 2020.
· il soggetto responsabile del pagamento dell'imposta, in caso di violazione dell'obbligo di informazione alla clientela relativo all'applicazione, entità ed esenzione dell'imposta di soggiorno, sarà passibile di sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro, ai sensi dell'art. 7 bis del D. lgs. 18 agosto 2000, n.267.
· il soggetto responsabile del pagamento dell'imposta, in caso di omessa esposizione del codice identificativo di struttura, sarà passibile delle sanzioni amministrative previste dalla Legge Regionale Puglia n.57/2018 e ss.mm.ii.
· il soggetto responsabile del pagamento dell'imposta, in caso di violazione dell'obbligo di conservazione delle quietanze e delle dichiarazioni dell'ospite per l'esenzione, sarà passibile di sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro, ai sensi dell'art. 7 bis del D. lgs. 18 agosto 2000, n. 267.
Allo scopo di monitorare l'applicazione della disciplina regolamentare, nonché al fine di individuare ulteriori procedure semplificate di gestione dell'imposta di soggiorno, l'amministrazione comunale convoca un comitato di indirizzo composto da delegati propri e delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative cui sono attribuite funzioni propositive, consultive e di studio nell'elaborazione di politiche di promozione e sviluppo delle attività economiche connesse con il settore turismo e di monitoraggio sull'applicazione dell'imposta, con particolare riferimento all'effettivo impiego delle somme derivanti dall'applicazione delle tariffe approvate dalla giunta comunale.
Se non desideri ricevere i nostri comunicati stampa puoi inviare una mail con oggetto "CANCELLAMI" e il tuo nome verrà eliminato dalla nostra mailing list.
  • Turismo
Altri contenuti a tema
Fine settimana di Pasqua da tutto esaurito a Bari, Pierucci: «Al lavoro per garantire servizi» Fine settimana di Pasqua da tutto esaurito a Bari, Pierucci: «Al lavoro per garantire servizi» Circa 2mila turisti in città per Pasquetta, la stagione si apre nel migliore dei modi. La speranza è di andare avanti così
Mancanza di personale nel settore turistico, in Puglia scende in campo Arpal Mancanza di personale nel settore turistico, in Puglia scende in campo Arpal Ogni anno servono 20mila dipendenti stagionali, ma è sempre più difficile trovarli
ARPAL Puglia e lavoro nel turismo, a Bari sarà presentato "T.O.P. Days" ARPAL Puglia e lavoro nel turismo, a Bari sarà presentato "T.O.P. Days" Il 19 marzo la conferenza di presentazione dell'iniziativa erogata dai Centri per l’Impiego per l'incontro tra domanda e offerta
Bari vecchia accoglie 80 buyers internazionali, da oggi via a BuyPuglia-Btm Bari vecchia accoglie 80 buyers internazionali, da oggi via a BuyPuglia-Btm In Fiera del Levante si parla di turismo nell'evento che punta a diventare il terzo del settore
Nuova vita per il Palace, riaprirà grazie a Greenblu Hotels Nuova vita per il Palace, riaprirà grazie a Greenblu Hotels Sottoscritto nei giorni scorsi un accordo tra il gruppo e la proprietà. Riapertura nel 2025
Turismo a Bari, +10% nel 2023. Un milione di persone hanno scelto la nostra città Turismo a Bari, +10% nel 2023. Un milione di persone hanno scelto la nostra città I dati comunicati ieri da PugliaPromozione alla Bit di Milano, presente l'assessore Pierucci
Il 7 gennaio torna "Domenica al museo": ingressi gratuiti anche in Puglia Il 7 gennaio torna "Domenica al museo": ingressi gratuiti anche in Puglia L'elenco dei siti culturali che hanno aderito all'iniziativa
Dicembre 2023, flop del turismo a Bari Dicembre 2023, flop del turismo a Bari Federalberghi: “Riempimento medio degli hotel al 40%. In queste condizioni la tassa di soggiorno resta sempre più inopportuna.”
© 2001-2024 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.